Tullia d'Aragona

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Tullia d'Aragona

Tullia d'Aragona (circa 1508 – 1556), poetessa e letterata italiana.

Incipit di Le rime di Tullia d'Aragona, cortigiana del secolo XVI[modifica]

Se gli antichi pastor di rose e fiori
sparsero i tempii, e vaporar gli altari
d'incenso a Pan, sol perché dolci e cari
avea fatto a le Ninfe i loro amori:

quai fior degg'io Signor, quai deggio odori,
sparger al nome vostro, che sian pari
a i merti vostri, e tante, e così rari,
ch'ognor spargete in me grazie e favori?

Della infinita' d'amore[modifica]

Incipit[modifica]

Tullia: Egli non potea venir persona niuna né più a tempo di voi, messer Benedetto virtuosissimo, né più grata, né più aspettata da tutti noi.
Varchi: Molto mi piace che così sia, come voi dite, signora Tullia nobilissima, e tanto più che io temeva di non forse aver, se non guasti del tutto, almeno interrotti in parte i ragionamenti vostri, i quali so che altro che begli non possono essere, e di cose alte, e degni finalmente cosi di questo luogo, dove sempre si propone qualche materia da disputare non meno utile e grave, che gioconda e piacevole, come di cotali persone: perché mezzo mi pentiva meco medesimo di esser venuto, e diceva appunto tra me: Lasso, amor mi trasporta ov'ìo non voglio dubitando di essere non vo' dire presuntuoso, ma molesto a chi io disidero di piacer sommamente; la qual cosa non essendo, tanto debbo più così rallegrarmi con meco stesso, come ringraziare si la molta cortesia vostra, e si quella di questi altri signori e gentiluomini, con buona licenza de' quali mi porrò a sedere: con questo inteso però, che voi seguitiate gl' incominciati ragionamenti, se per avventura non sono tali, che me ne reputiate non degno.

Citazioni[modifica]

  • Tullia: Amore, sì per quanto ho inteso dire da altrui più volte, e sì per quella cognizione che io ne abbia, non è altro che un desiderio di goder con unione quello, o che è bello veramente, o che par bello allo amante. (p. 32)
  • Tullia: Io per me credo, che la bellezza sia la madre di tutti gli amori. (p. 33)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]