Tyree Glenn

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Tyree Glenn

Evan Tyree Glenn (1912 – 1974), trombonista jazz statunitense.

Indimenticabile Satchmo[modifica]

Incipit[modifica]

Cosa non riusciva a fare con quella tromba! Si asciugava la fronte imperlata di sudore con un fazzoletto bianco, avicinava la grossa tromba dorata alle labbra, l'alzava verso l'alto, e soffriva: le note sgorgavano fuori morbide e leggere come anelli di fumo. E quando cantava con quella voce roca, scatenato e vivace: be', non c'era nessuno al mondo che riuscisse a eguagliarlo.
Prima che «Pops», come lo chiamavano la maggior parte dei suoi amici, arrivasse nella turbolenta Chicago degli anni Venti, il jazz era suonato di solito da un complesso orchestrale. Ma al giovane Louis, grazie alle sue eccezionali capacità di virtuoso, non fu dificile aprire la strada alle esecuzioni individuali.

Citazioni[modifica]

  • [...] il ricordo di Louis non sopravvive solo grazie alla sua fama di jazzista, ma anche, e soprattutto, grazie alla simpatia e al'afetto che come uomo aveva saputo conquistarsi. Il suo motto era: «Se mi fai un torto, sei tu che devi vergognarti!»
  • Dovunque si trovasse, per esempio, era capace di rannicchiarsi in un angolo e di schiacciare un sonnellino. «Non mi va di sentirmi il fuoco sotto i piedi» era solito dire. «Se prendi la vita come viene, non solo stai meglio ma sei anche più felice.»
  • Louis non si limitava a suonare con forza incredibile, ma si spingeva oltre, sempre ala ricerca di nuovi suoni, di nuove idee. «Tutti quanti sappiamo suonare do, re, mi» diceva «ma dobbiamo saper trovare poi da soli le altre note.»
  • E nella sua vita ricca d'eventi Louis le trovò senz'altro. «Quando suono, penso a quei momenti del passato e dentro di me nasce una visione» disse una volta allo scrittore Larry King. «Una città, una ragazza lontani nella memoria, un vecchio senza nome incontrato in un posto che non ricordo. I suoni che escono dalla tromba di un uomo, sono parte di lui.»
  • Una volta, a Roma, Louis e la moglie furono ricevuti da papa Pio XII. Il pontefice chiese agli Amstrong se avessero figli. «Non ancora» rispose Louis «ma ci stiamo provando.» «Bene» replicò il Papa «pregherò per voi.»

[Tyree Glenn, Indimenticabile Satchmo, Selezione dal Reader's Digest, febbraio 1972]

Altri progetti[modifica]