Ugo Piscopo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Ugo Piscopo (1934 – vivente), scrittore, critico letterario e traduttore italiano.

Introduzione a Il mistero della Berlurette [modifica]

  • Per capire uno scrittore, è opportuno rifarsi alle sue intenzioni e ai suoi progetti teorici, che spesso nascono da riflessioni attinte all'interno del lavoro creativo e costituiscono pertanto la prima fondamentale critica o esegesi dell'attività letteraria in questione. Simili progetti possono nascere dall'interno, anche quando un autore non abbia avviato dentro di sé un processo di elaborazione dell'opera o delle opere, che si accinge a realizzare. (p. 6)
  • Gamarra rende più piacevole la sua intenzione altruista, la sua volontà di parlare agli altri. La scoperta delle proprie radici e del proprio dolore è anche la scoperta degli altri. (p. 11)
  • Da un'esperienza esistenziale fondamentalmente segnata dalla lacerazione, l'autore ricava anche i suoi versi, che si dispongono in genere su un ritmo di tenera elegia. La figura cha si privilegia sulle altre è la morte del figlio, a fianco della quale si leva lo straziante lamento della madre. (p. 12)

[Ugo Piscopo, Introduzione a Il mistero della Berlurette , G. B. Palumbo, Palermo 1972]