Wikiquote:Pagina delle prove

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Wikiquote:Sandbox)
MODIFICA QUESTA PAGINA!

Benvenuti nella pagina delle prove, nota anche come sandbox.

La sandbox – in italiano sabbiera o sabbionaia o anche recinto della sabbia – è, nei parchi giochi, l'area delimitata, e piena di sabbia, dove i bimbi giocano con paletta e secchiello.

In senso astratto, in Wikiquote la sandbox è un'«area protetta» in cui si può operare liberamente per fare delle prove, senza timore di fare danni nell'antologia che stiamo costruendo anche con il vostro contributo.

Fate qui le vostre prove!
Potete modificare questa pagina partendo da qui.

Vi preghiamo però di non cancellare la prima riga. Quella lasciatecela per favore.

Considerate che il vostro testo potrebbe non rimanere a lungo nella pagina, che viene spesso sovrascritta da altri utenti e "ripulita" con una certa regolarità.

Se avete dei dubbi o avete dei quesiti da porre potete utilizzare la pagina delle FAQ o il Bar.

Se cercavate invece la pagina delle prove per i collegamenti con Wikidata, utilizzate la sandox dedicata.

Un castello di sabbia
DICONO DELLA PAGINA DELLE PROVE:

I sandboxer sono quelli che allenandosi nella sandbox, fanno a pugni coi propri errori. (Sempronio)

La sandbox può essere intesa come territorio di allenamento, come ginnastica pratica e intellettuale per potersi impadronire di una tecnica. (Tzara)


Hillel Slovak (1962-1988), chitarrista israeliano naturalizzato statunitense, membro dei Red Hot Chili Peppers.

Behind the Sun: the diary of Hillel Slovak[modifica]

Incipit[modifica]

Il 27 Giugno 1988, alle 8:00 pm, ero seduto nel mio appartamento, stavo disegnando alla scrivania. Due amici di Hillel arrivarono alla porta e dissero "Hey, James, possiamo parlarti un secondo?", dissi loro: "Certo, entrate". Uno dei due ragazzi rispose. "No, vieni fuori". Subito dopo, mi accorsi delle loro facce pallide e bianche come se avessero visto un fantasma, e capii che c'era qualcosa che non andava. Uscii fuori e uno dei due ragazzi disse: "Amico, tuo fratello è morto!". Non dimenticherò mai queste parole fino a quando sarò in vita. Gridai :" Di che cosa stai parlando ?!" "Hillel è morto. è andato in overdose." Fu lì che tutta la mia vita cambiò in un secondo. Mi dissero che dovevo andare con loro nell'appartamento di Hillel per identificare il corpo, perchè la polizia ed il Medico Legale erano lì.. Ero in shock totale e avevo male allo stomaco. Quando arrivai all'appartamento il manager aveva già identificato il corpo di Hillel, così non dovetti farlo io. Dopo aver firmato le carte del rilascio, dovevo prendere la decisione di dire a mia madre cos' era successo. Da lì guidai fino a casa di mio zio Aron, lo stesso zio che comprò ad Hillel la sua prima chitarra in occasione del suo tredicesimo compleanno. Arrivai a casa sua nel panico totale, andando fuori di testa al pensiero di come dirlo a mia madre. Decidemmo che sarebbe andato lui da mia madre a dirle cos' era successo, e che lo avrei incontrato lì. (James Slovak)