William Makepeace Thackeray

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da William Thackeray)
William Makepeace Thackeray

William Makepeace Thackeray (1811 – 1863), scrittore britannico.

Citazioni di William Makepeace Thackeray[modifica]

  • Essere bella è abbastanza. Se una donna sa far bene questo, chi le domanderà di più? (da La famiglia Newcome)
  • Il coraggio non va mai giù di moda. (da I quattro Giorgi)
  • Quando sono innamorati, certi uomini, anche se vedono l'amo e la lenza e tutto l'apparecchio con cui saranno catturati, inghiottono egualmente l'esca. (da La fiera delle vanità)

Incipit de La fiera delle vanità[modifica]

Nel secondo decennio di questo secolo, una bella mattina di giugno, un imponente cocchio di famiglia tirato da due grossi cavalli lussuosamente bardati, con cocchiere in parrucca e tricorno, arrivò alla velocità di quattro miglia all'ora davanti al cancello del collegio per signorine di Miss Pinkerton, in Chiswick Mall.
[citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993]

Le memorie di Barry Lyndon[modifica]

Incipit[modifica]

I miei avi e la mia famiglia. Subisco l'influenza dell'amore.

Dai tempi di Adamo, in questo mondo, non è stato commesso un danno senza che alla mia origine non ci fosse una donna. Sin dalle origini della nostra famiglia (in tempi che dovevano essere molto vicini a quelli di Adamo, tanto nobili, antichi, illustri sono i Barry, come ognuno sa), le donne hanno avuto una parte estremamente importante nei destini della stirpe. Penso che non ci sia persona in Europa che non abbia sentito parlare dei Barryogue, del regno di Irlanda: un più famoso nome si potrà trovare in Gwillim o D'Hozier; e, sebbene da uomo di mondo io abbia imparato a disprezzare con tutta l'anima le rivendicazioni di molti pretendenti ad un casato illustre, che non hanno genealogia più antica del servo che mi lucida le scarpe, e sebbene derida sprezzantemente le vanterie di molti miei compatrioti che si vorrebbero tutti discendenti dai re d'Irlanda, e che parlano di un loro fondo a stento sufficiente a nutrire un maiale, come se si trattasse di un principato, tuttavia l'amore della verità mi impone di affermare che la mia famiglia era la più nobile dell'isola, e, forse, di tutto il mondo; e che i suoi possedimenti, ora insignificanti, perduti in seguito alla guerra, al tradimento, all'andar degli anni, alla stravaganza dei miei maggiori, alla nostra fedeltà all'antica fede degli avi e al sovrano, erano anticamente di vastità inimmaginabile, e comprendevano molte contee, in un tempo in cui l'Irlanda era molto più ricca di ora.

Altro brano[modifica]

Ah! Il primo amore, come lo si ricorda bene! Quale nobile scoperta è quella di un ragazzo quando si accorge di essere davvero e sinceramente innamorato! È un segreto magnifico quello che cela dentro di sé! Il mio primo amore fu come il mio primo orologio d'oro (un elegante orologio a ripetizione francese). Ero solito mettermi in un angolo a contemplare pieno di cupidigia il mio tesoro; lo portavo a letto con me, e lo tenevo sotto il guanciale di notte, per svegliarmi la mattina con la felice consapevolezza di trovarcelo. Quali cambiamenti produce questo benedetto primo amore in un ragazzo!

Citazioni su William Makepeace Thackeray[modifica]

  • Tackeray è la persona più inquieta che io conosca. Oggi tutto sole, domani ghiaccio e neve. (Douglas Jerrold citato nell'introduzione scritta da Silvano Sabbadini al libro)
  • Non per niente inventa la parola «snob» e ne fa una chiave interpretativa del periodo (spogliata la parola dei suoi riferimenti accademici, dà ad essa un significato che s'è mantenuto ancora oggi, e cioè, secondo le parole di Thackeray stesso, «una persona con un rispetto esagerato per la ricchezza o la posizione sociale»). (Silvano Sabbadini in prefazione al libro)

[William M. Thackeray, Le memorie di Barry Lyndon (Memories of Barry Lyndon), traduzione di Mario Fanoli, Aldo Garzanti Editore 1976.]

Bibliografia[modifica]

  • William M. Thackeray, Le memorie di Barry Lyndon (Memories of Barry Lyndon), traduzione di Mario Fanoli, Aldo Garzanti Editore 1976.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]