Z la formica

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Z la formica

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Antz
Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1998
Genere animazione, avventura
Regia Eric Darnell, Tim Johnson
Sceneggiatura Todd Alcott, Chris Weitz, Paul Weitz
Produttore Brad Lewis, Aron Warner
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Note

Z la formica, film d'animazione statunitense del 1998, regia di Eric Darnell e Tim Johnson.

Tagline
Ogni formica ha il suo giorno di gloria.
  • Per, per tutta la vita ho sempre vissuto e lavorato in una grande città. Perché? O, ora che ci penso è piuttosto imbarazzante, sì, si perché ho, ho questa paura degli spazi chiusi. Sì, t-tutto mi fa sentire in trappola, in continuazione. Sì, mi, mi dico sempre che ci deve essere qualcosa di meglio là fuori, ma, f-forse penso troppo, e io credo che risalga al fatto che ho avuto un'infanzia molto ansiosa. Sa, mia madre non aveva mai tempo per me. Insomma, quando si è il figlio di mezzo in una famiglia di 5 milioni non ricevi nessuna attenzione, voglio dire, com'è possibile. E ho sempre avuto questa, questa storia dell'abbandono, sapesse, che mi affligge. Mio padre era fondamentalmente un fuco come ho detto e spiccò il volo quando io ero ancora una larva. E il mio lavoro, poi. Non mi faccia incominciare, perché mi irrita molto. Vede, io non sono tagliato per fare l'operaio, glielo dico subito, io, mi-mi sento fisicamente inadeguato, cioè, io nella mia vita non ho mai sollevato qualcosa che andasse oltre 10 volte il mio peso corporeo e arrivare al dunque: maneggiare la terra, ecco, non è la mia idea per una carriera gratificante. E tutta questa colata di entusiasmo per il super organismo che, sa non posso capire, ci provo ma non la capisco, insomma, io dovrei fare tutto per la colonia e, e che ne è dei miei sogni?! Che ne è di me?! Insomma devo credere che esista un posto là fuori migliore di questo o mi raggomitulerei, in posizione fetale piangerei. L'intero sistema mi fa sentire... insignificante. (Z)
  • Non fare il mio sbaglio ragazzo... Non eseguire gli ordini tutta la vita... Pensa con la tua testa... (Barbatus a Z)
  • Mandiamogli in fiamme le chiappe! (Barbatus)
  • Ci sono tutti gli operai della colonia. Ehi, un momento, quello mi deve dei soldi! (Z)
  • Bala: Mi ha rapita lo scemo del villaggio [riferendosi a Z]
    Z: Chi è più scemo? Lo scemo o la scema che si fa rapire dallo scemo?
  • Io sono la colonia! (Mandibola)
  • Ecco qui la tipica storia "Lui incontra lei, lui ama lei, lui cambia ordine sociale di base". Perciò che altro posso dirvi? Abbiamo ricostruito la colonia; è ancora più bella di prima, sapete, perché ora c'è una grandissima piscina al coperto. Bala e io incidentalmente stiamo pensando di mettere su famiglia. Insomma, solo qualche figlio, forse un milione o due, tanto per cominciare. E io, io sono in cura da un nuovo analista, favoloso, assolutamente favoloso; mi sta mettendo in contatto con la mia larva interiore, il che mi aiuta moltissimo. Insomma, finalmente sento di aver trovato il mio posto. E sapete una cosa? È proprio dove ho cominciato, ma la differenza è che questa volta l'ho scelto io. (Z alla fine del film)

Altri progetti[modifica]