Alfonso Gatto

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Alfonso Gatto ritratto dallo scultore Farpi Vignoli

Alfonso Gatto (1909 – 1976), poeta, giornalista e scrittore italiano.

Citazioni di Alfonso Gatto[modifica]

  • I tuoi occhi son come la giovinezza | grandi, perduti, lasciano il mondo. | Potrebbero dirti morta senza rumore | e incamminare su te il cielo, | passo a passo, seguendo l'alba. (da Potrebbero dirti morta, Poesie d'amore, Mondadori)
  • In quel grande silenzio dove arriva | l'alba dai porti delle nebbie, ai vetri | d'una casa straniera, io parlerò | della vita perduta come un sogno | e tu m'ascolterai dentro al tuo freddo | chiudendo gli occhi a poco a poco, azzurra. (da E tu m'ascolterai, Poesie d'amore, Mondadori)
  • Nella giovinezza, se non addirittura nell'adolescenza, la contemplazione dell'amore e la contemplazione della morte sono veramente nel nostro sguardo. Ma direi di più. Sono il nostro sguardo.[1]
  • Quando si nasce poeti, l'amore e la morte si fanno compagnia e tutti e due hanno le tasche bucate per non contare gli anni.[1]
  • Salerno, rima d'inverno, | o dolcissimo inverno. | Salerno, rima d'eterno. (da Salerno, rima d'inverno)
  • L'uomo è solo, d'argento in mezzo ai giunchi| dell'acqua immota, giocano in un bunker | i bambini zittiti da quest'ora | di sempre... Scenderà dalla controra | un ragazzo affannato senza voce | ... a far cenni di là che sulla foce | del Sele... Ascolta, appare il suo soldato | vestito da ramarro, s'è bagnato | il volto con la mano, con lo stecco | ha scritto il nome sopra il fango secco. | Un uomo, e s'è disteso in quel frinire | di cicale roventi per morire. | Scendeva il Mississipí dall'eterno | silenzio degli Alburni verso il mare | dei templi: era l'estate di Salerno | azzurra bianca, ventilava chiare | nuvole in cielo... (da Il Castoro n.° 63, La Nuova Italia, Settembre 1976)

Citazioni su Alfonso Gatto[modifica]

  • Alfonso Gatto è uno di quegli uomini che sembrano portarsi addosso tutto il peso del tempo, che non è soltanto passato ma anche futuro. Il suo è un volto "vissuto", con le tracce di una antichità concentrata, come se contenesse un po' di Empedocle e un po' di Ibico. (Eraldo Miscia)
  • Alfonso Gatto può darsi che sia l'esemplare unico di una specie perduta; ma potrebbe anche essere il primo esemplare di una specie che non è ancora apparsa sulla terra. (Eraldo Miscia)
  • Gatto crede nell'avvento dei mansueti nela stessa misura in cui sospetta della malafede e della prepotenza. (Eraldo Miscia)
  • Il suo peccato più grande quello di credere nella poesia come ad una religione. (Eraldo Miscia)
  • La sua poesia, appare fedele a certi moduli linguistici, a certo ritmo e a certe forme che oggi si vorrebbero affossate. [...] A proposito della rima, lei ha scritto che essa è necessaria come due occhi sono necessari per un medesimo sguardo. (Jolanda Insana)
  • Lei è forse l'unico poeta che usi la parola «cuore» con molta frequenza. Anzi, «cuore» insieme ad «azzurro» (e forse anche «tremare» e «tremo») è uno dei segni più fitti del suo discorso. (Jolanda Insana)
  • Secondo me la sua pittura somiglia molto alla sua poesia per un fatto di colore e di tono. (Jolanda Insana)

Note[modifica]

  1. a b citato in Jolanda Insana, A colloquio con Alfonso Gatto, La Fiera Letteraria, n. 17, aprile 1973

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]