Antonio Rubino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Antonio Augusto Rubino (1880 – 1964), disegnatore, scrittore e illustratore italiano.

Teatro Ariston di Sanremo, Pierrot di Antonio Rubino

Citazioni di Antonio Rubino[modifica]

  • Simili a immensi mausolei diruti | guardan le cime ai laghi ferrugigni: | passa la luna, cadono i minuti | freddi sul cuore ignudo dei macigni. || Passa la luna fredda sui macigni | senza che il volto dell'Orrore muti: | la gran ruina è piena di sogghigni | come un ammasso di teschi caduti. || Morta, che i campi della Morte irrighi | liquida luna, a cui bocche infinite | di teschi si protendono per bere, || io ti sento su me pendula bere, | intenta luna, poi che le stupite | vie del silenzio non un sogno irrighi. (Insidie lunari[1])
  • Sulla sua nuova e lucida cucina | sta preparando il pranzo Tombolina. | E col suo cucchiaino ha un gran da fare | il dolce e la pietanza ad assaggiare. | Pensa Ninì, la bambola, frattanto: | «Se la cuoca m'assaggia tutto quanto, | a me non resterà probabilmente | che mezza porzioncina di bel niente.[2]

Note[modifica]

  1. In Poesia, n. 9, anno IV, 9 ottobre 1908, p. 5, riportato in princeton.edu.
  2. Da I doni della Befana, in Corriere dei Piccoli: supplemento illustrato del Corriere della sera, n. 2, anno III, 8 gennaio 1911, p. 3.

Altri progetti[modifica]