Cupidigia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sulla cupidigia e l'avidità.

  • Ho parlato non contro gli avidi, ma contro l'avidità, non contro la natura, ma contro il vizio. (Ambrogio Autperto)
  • L'avidità non ama che il denaro, cosa non certo tipica dei saggi; questa forma di avidità è simile ad un veleno mortale; illanguidisce il corpo e l'animo dell'uomo; è sempre inesauribile e insaziabile, né l'abbondanza, né la penuria di mezzi riescono a placarla. (Gaio Sallustio Crispo)
  • L'avidità, non trovo una parola migliore, è valida, l'avidità è giusta, l'avidità funziona, l'avidità chiarifica, penetra e cattura l'essenza dello spirito evolutivo. L'avidità in tutte le sue forme: l'avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro, ha impostato lo slancio in avanti di tutta l'umanità. (Wall Street)
  • La cupidigia, l'avere come orizzonte della propria vita l'arricchimento e l'accumulazione di beni o la soddisfazione di bisogni artificiali si risolve facilmente in angoscia e in nevrosi. (Luciano Pedro Mendes de Almeida)

Proverbi italiani[modifica]

  • A chi non basta, ciò che basta, non basterà mai cosa alcuna.
  • Chi desidera l'altrui, perde il suo.
  • Chi non s'appaga del guadagno onesto, perde, pur se furbo, manico e cesto.
  • Chi stende il dito al colle, stenderà presto anche la mano alla montagna.
  • Chi troppo vuole, nulla stringe.
  • Chi tutto vuole, di rabbia muore.
  • Dammi dove sedere, ed avrò da sdraiarmi.
  • Dov'è cupidità, non è carità.
  • Dove più ricchezza abbonda, più di lei voglia s'affonda.
  • Grappoli, gli alberi in fiore e gli uccelli nell'uovo.
  • La cupidigia è un paese in cui il grano è sempre in seme, il vino sempre in uva.
  • La roba ruba l'anima.
  • L'uomo è più cupido di acquistare il denaro altrui, che di conservare il proprio.
  • Nulla può riempire l'occhio dell'uomo tranne un pugno di polvere.
  • Ognuno tira i carboni sotto la sua focaccia.
  • Ognuno tira l'acqua al suo mulino.
  • Quattro cupidigie rendono infelici la maggior parte degli uomini: la cupidigia di aver molto, di saper molto, di viver molto, e di divenir grande.
  • Quel che uno ha oggi vorrebbe aver raddoppiato domani.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903