Discussione:Proverbi pugliesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search


Distinzione[modifica]

si dovrebbero dividere i proverbi pugliesi dai salentiniIl precedente commento non firmato è stato inserito da 83.189.192.77 (discussioni · contributi).

Vai, procedi pure :) senza paura. Se hai bisogno, chiedi--Gacio dimmi 15:16, 30 apr 2008 (CEST)
Proverbi_salentini

Senza fonte[modifica]

A[modifica]

  • A ci fatìa na sarda, a ci nu fatìa una e menza.
A chi lavora una sarda, a chi non lavora una e mezza.
  • A cavàdde gastemàte nge lusce u pile.
Al cavallo bestemmiato brilla il pelo. (Cioè, spesso il disprezzo è dettato dall'invidia).
  • A chiange, alla chiese.
Se vuoi piangere, fallo in chiesa (Cioè, non lamentarti).
  • A lavà la cap o' ciucce se perde u timbe e u sapaune.
A lavare la testa al somaro si perde tempo e sapone.
  • Affùnne bbuène la zzappe a la vìggne e llìive la malèrve e la gramìggne.
Affonda bene la zappa nella vigna e togli l'erbaccia e la gramigna.
  • A ce mor chi fonge feses ce u chienge.
A chi muore mangiando funghi scemo chi lo piange.

C[modifica]

  • Ce fabbric e ce maréit na j pass maé u' prüréit.
Chi costruisce e chi sposa non smette mai di pagare.
  • Ce ricche te uè fà va n-gambbàgne e mmìttete ad arà.
Se ricco ti vuoi fare, va' in campagna e mettiti ad arare.
  • Ce scord pan e capp, mal sort 'ngapp.
Chi dimentica il pane e il cappotto, becca solo malanni.
  • Chi vo mal a sta cas a va morì prima ca trass
Chi vuole male a questa casa deve morire prima di entrare
  • Chi pèggre se fasce, u lupe se la mange.
Chi pecora si fa, il lupo se la mangia.
  • Citt citt 'mmenz a la chiazz.
Zitto zitto in mezzo alla piazza (meglio non spifferare notizie in giro).
  • Ci u sule te settembre è sanu, rrizza puru li munti.
Se il sole di settembre è sano, fa arricciare anche le pietre.
  • Ci u ciucciu nun bole bbive, è inutile ca fischi.
Se l'asino non vuole bere, è inutile chiamarlo.
  • Ci camina llicca, ci resta a casa sicca.
Chi va in giro raccoglie sempre qualcosa, chi non si muove no.
  • Chi nasc pummarol adda murì cunzerv.
Chi nasce pomodore deve morire conserva (chi nasce povero morirà povero)
  • Coji l'acqua quannu chiove.
Raccogli l'acqua quando piove. Ovvero, fai le cose per tempo.
  • Cumu spinni, mange.
Come spendi, mangi.

D[modifica]

  • Decève l'èlefande: "Ogne e ppìcche ggiòve", e se gnettève na mòsque.
Diceva l'elefante: "Ogni poco giova", e ingoiava una mosca.

E[modifica]

  • E castignate su comu e foje: ci le mina se le ccoje.
Le maledizioni sono come le foglie: chi le getta le raccoglie.

F[modifica]

  • Fatica fatica, e alla sira pane e cipuddha.
Lavora e lavora, e poi per cena pane e cipolla.
  • Famme pòvere ca te fazze ricche.
Fammi povera e ti farò ricco. (Cioè, la vite va potata con decisione).

L[modifica]

  • La mamme e la figghie jinde a la vende du chenigghie, la srouche e la noure manghe jinde a la vende du vouve.
La madre e a figlia nella pancia del coniglio, la suocera e la nuore nemmeno nella pancia del bue. (Cioè, madre e figlia iescono a stare bene insieme anche in una parte piccola mentre la suocera e la nuora non stanno bene insieme nemmeno in una parte grande)
  • La ciaire s' strousce e la processiaune nan camoine.
La cera si consuma e la processione non cammina.
  • La lacèrte disse: "Tutte u munne iè chiappe".
La lucertola disse: "Tutto il mondo è capestro". (Cioè, la vita è piena di trappole).
  • L'ucchije de patrome 'ngrasse u cavadde.
L'occhio del padrone ingrassa il cavallo. (Cioè, sorvegliare i propri affari aumenta i profitti).
  • La proprietà è cisterna, l'arte è puzzu.
La proprietà è cisterna, l'arte è pozzo.
  • La muerte du pulpe iè la cepodde.
La morte del polpo è la cipolla.

M[modifica]

  • Mat'a cchèdda tèrre ca non vède u patrùne.
Male a quella terra che viene trascurata dal padrone.
  • Mmara allu mortu ca nunn'è chiantu all'ura.
Povero quel morto che non è pianto in tempo.
  • La cape nan'serve aschitte a sparte le recchie!
La testa non serve solo a separare le orecchie!

N[modifica]

  • Nesciune nasce ambaràte.
Nessuno nasce istruito

O[modifica]

  • Oggne e bbène da la tèrre vène.
Ogni bene dalla terra viene.
  • O puèrche dange le fràuele e le scètte, dange le gghiànde e se le mange.
Al maiale dagli le fragole e le getta via, dagli le ghiande e se le mangia.
  • Ogne petra azza parite.
Ogni pietra eleva il muro.

P[modifica]

  • Pane e pemedore mette sanghe e chelore.
Pane e pomodoro mette sangue e colore.
  • Pure le pùdece tènene la tosse.
Anche le pulci hanno la tosse.

Q[modifica]

  • Quannu rriva l'ua e la fica, lu malune va sse 'mpica.
Quando sono maturi uva e fichi, non è più stagione delle angurie.
  • Quànne l'auuì fiorìsce ad abbrìle le cuègghie a varrìle.
Quando l'ulivo fiorisce in aprile, le olive si raccolgono a barili.
  • Quànne Marz vole t' fǒc arrost l'ouve, Quànne Marz 'ngrugn t' fǒc arrost l'ugn.
Quando Marzo vuole ti fa cuocere le uova, quando marzo s'irrigidisce ti fa cuocere le unghie. (si riferisce al colore che assumono le unghie con il freddo)
  • Quànne se zzappe e qquànne se pute fore parìinde e ffore nepùte.
Quando si zappa e quando si pota, fuori i parenti e fuori i nipoti. (Cioè, bisogna allontanare le distrazioni).
  • Quànne u vove non vole arà, tutte le sscìue nge pàrne stèrte.
Quando il bue non vuole arare tutti i gioghi gli sembrano scomodi.
  • Quànne vène u chezzàle de fore, dange a manggià ca tanne more.
Quando il contadino torna a casa, dagli da mangiare tanto da farlo scoppiare.

S[modifica]

  • Sta faci rretu pe rretu comu li zzucari.
Stai indietreggiando come i cordai. (che intrecciando la corda indietreggiavano).
  • Steipe ca trouv.
Conserva che troverai.
  • Sunature e ammazza vucille restene puvrille.
Suonatori e cacciatori restano poveri.
  • 'Sputa ca n'coddrha.

T[modifica]

  • Te lu jabbu nu 'nci mori ma 'nci cappi.
A prendere in giro o giudicare non muori, ma prima o poi ti verrá reso.

U[modifica]

  • U vove ca disce chernute o ciucce.
Il bue che dice cornuto all'asino (versione contadina di "Da che pulpito vien la predica").
  • U uàrrue d'auuì cìnghe cose vole: larghe, pète, remmàte, accètte e ssole.
L'albero d'ulivo pretende cinque cose: largo, pietra, letame, ascia e sole.
  • U scarpeure vè che re scarpe rotte.
Il calzolaio va con le scarpe rotte. (Cioè, chi fa le cose per gli altri non le fa per sè)

V[modifica]

  • Ve truenn tutt i zappod a na mon.
Provare tutte le zappe con una mano. (cioè, Cercare il modo migliore per fare qualcosa che non si ha voglia di fare).
  • Vutt u' ciucc' andò vole u' patrom.
L'asino va dove vuole il padrone.