Discussione:Proverbi siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search


Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • Accàtta e vinni quannu si priàtu e fatti zitu quannu si anningàtu.
Compra e vendi quando ne sei richiesto e fidanzati quando sei desiderato.
Saper discernere il tempo propizio per gli affari e per i sentimenti.
  • Avanti picca a godiri ca assai a trimuliari.
Meglio avere poco e goderne che avere tanto e tremare.
variante:
  • Megghiu picca gòdiri, ca assai trivulàri.
Meglio poco gioire, che lamentarsi assai.
Accontentarsi della piccole gioie della vita, piuttosto che rischiare grandi disgrazie.
  • Ad arvulu cadutu, accetta, accetta.
Ad albero caduto, accetta, accetta.
È facile attaccare il nemico caduto in disgrazia.
  • A fissaziuni jè peggiu da malatìa.
La testardaggine è peggio della malattia.
  • A megghiu parola è chidda ca nun si dici.
La miglior parola è quella che non viene pronunciata.
  • A minchia nta lu culu 'i l'àutri è 'n filu 'i capiddu.
Il pene nel culo degli altri è come un filo di capelli
Le disgrazie altrui sono poca cosa.
  • A vita iè comu a scala do puddaru: iè cutta e china 'i medda
La vita è come la scala del pollaio: è corta e piena di merda
  • A li poviri e a li sbinturati cci chiovi 'nta lu culu macari assittati.
Ai poveri e agli sventurati piove nel culo anche da seduti.
  • A liggi è uguali pi tutti ma cu av'i picciuli si nni futti.
La legge è uguale per tutti ma chi ha i soldi se ne fotte.
  • A stizzania percia a timpa
La goccia cava la roccia[1]
  • Alliccari e dilliccari è capu di custioni
Arricchire [di elogi] e disarricchire [qualcuno] è fonte di litigio
  • A tempu di pira: "zziu Pe'! zziu Pe'!", fineru li pira, e finì lu "ziu Pe'!".
Al momento [della raccolta] delle pere: "zio Peppe! zio Peppe!". Finiscono le pere, e finì [il continuo chiamare] "zio Peppe!".
  • A tempu ri caristia, ogni funtana leva a siti.
In momento di carestia, ogni fonte toglie la sete.
  • A tempu ri caristia, ogni pirtusu è galleria.
In tempo di carestia, ogni buco è galleria.
  • A tempu ri guierra, ogni pirtusu è trincea.
In tempo di guerra, ogni buco è riparo.
  • A tempu ri racina e ficu nun c'è né cumpari e né amicu.
In tempi [di raccolta] di uva e fichi non c'è compare né amico.
  • A minchia nunn'avi occhi: unni s'anfila s'anfila, e su ss'anfila è megghiu.
Il pene non ha occhi: dove si infila si infila, e se si infila è meglio.
  • A scuzzaria 'mmenzu a via, u so immu 'nsu talia.
La tartaruga [che cammina] in mezzo alla strada, la sua gobba non vede.
Detto di chi guarda i difetti degli altri e non si accorge dei propri
  • Accatta caru e vinni mircatu.
Compra a caro prezzo e vendi a buon mercato.
  • Accatta di quattru e vinni di ottu.
Compra a quattro e vendi a otto.
  • Acqua ca duna a tanti vadduni a mari non ci n'arriva.
Acqua che va in tanti torrenti non arriva al mare.
Nel senso che se si fanno troppe cose non se ne porta a compimento nessuna.
  • Acqua cunsìgghi e sali, senza spiàti nunn'ha ddari
Acqua consigli e sale, se non richiesti non vanno offerti. [, perché preziosi].
  • Acqua ri rocca, sticchiu ri zoppa.
Acqua che sgorga dalla roccia, vagina di donna zoppa.
Nel senso che sono due cose prelibate.
  • Acqua passata nun macina mulinu.
Acqua passata non fa macinare il mulino.
Ciò ch'è stato non serve più.
  • Agneddu e sucu e finiu 'u vattìu.
Agnello al sugo e poi finisce il battesimo.
Dopo la mangiata è finita la festa.
  • A lavari la testa a lu sceccu si perdi acqua, sapuni e tempu.
A lavare la testa all'asino si perde acqua, sapone e tempo.
  • A filazza ammazza.
Lo spiffero ammazza.
  • Agli amici e ai parenti nun vinniri e nun accattari Nenti. che vale anche per Ccu amici e ccu parenti, non c'havìri cchi fari nenti.
Agli amici e ai parenti non vendere e non comprare niente (con amici e con parenti non devi averci niente da fare).
  • Amici e vàdditi
Amici e guardati.
Guardati dagli amici
  • Amicu Amicu, 'nto culu t'â stricu
Amico, amico, nel culo te la strofino.
Amicizia ipocrita, esibita solo a parole.
  • Amicu fàusu è malu vicinu, ti jetta la petra e ammuccia la manu.
Il falso amico è un cattivo vicino, che tira la pietre e nasconde la mano.
  • A minchia sbrugghiata nun canusce patrunu.
Il pene liberato in erezione non conosce padrone.
Sotto l'impeto degli istinti, non si sente ragione.
  • Ammatula ti licchi e fai cannola, lu santu è ri mammuru e non sura.
È inutile che ti passi la lacca e ti fai i boccoli[2], il santo è di marmo e non suda.
variante:
  • Ammàtula ca 'ntrizzi e fai cannòla, lu santu è di màmmuru e non suda.
Inutile che ti pettini e ti fai i boccoli, il santo di marmo non suda.[3]
Per situazioni amorose unilaterali o per aspettative che non saranno corrisposte. Un'altra variante è la seguente:
  • Ammatula ti piettini e t'allisci, u cuntu ca t'ha tratu nun t'arrinesci.
È inutile ti pettini e ti rendi lisci [i capelli], il conto che ti sei fatta non ti riesce.
  • Ammuccia, ammuccia, ca tuttu pari.
Nascondi, nascondi, che tutto sembra.
Le magagne (o i guai) non si possono celare a lungo.
  • Amuri, biddizzi e dinari sunu tri cosi ca nun si ponu ammucciari.
Amore bellezze e denaro sono tre cose che non possono essere nascoste.
  • Amuri ammuccia ogni difettu.
L'amore nasconde ogni difetto.
  • A picura ppì diri persi lu muzzucuni.
La pecora per dire "be"[4] perdette il morso[5].
  • Aranci, Aranci... cu l'havi si li chianci.
Arance, Arance, chi ce le ha se le piange.
Chi ha qualcosa deve poi mantenerla. Riferito alla difficoltà di coltivare l'agrume.
  • Arraspa ô tò amicu unni ci mancia.
Gratta il tuo amico là dove gli prude.[6]
  • Àrbulu chi nun fa frutta, tàgghialu dî ràdichi.
variante:
  • Arvulu ca non frutta, tàgghiulu di sutta.
Albero che non da frutti, taglialo alla radice.
  • A vecchia avìa cent'anni e ancora 'nzignava.
La vecchia aveva cent'anni e insegnava ancora.
Non si finisce mai di imparare.
variante:
  • Noè avìa novicent'anni: 'mparàva e 'nsignàva.
Noè aveva 900 anni: imparava ed insegnava.
A qulsiasi età non si smette di dare e ricevere conoscenza.
  • A lu tò amicu veru parraci chiaru.
Al tuo amico sincero, parla chiaramente.
  • A lu caru avvicinatici, a lu mircatu pènsaci.
Avvicinati al costoso, rifletti se è a [buon] mercato
Compra cose di qualità e diffida da ciò che viene offerto a buon prezzo.
  • A paredda si pigghia ro manicu
La padella si prende dal manico.
  • A iaddina fa l'ovu e 'o iaddu c'abbampa u culu
La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere.
Riferito a chi vanta e millanta le fatiche altrui.
  • A puvirtà unn' è virgogna, ma mancu preju.
La povertà non è una vergogna, ma neanche pregio.
  • 'A jatta prisciulusa fici i jattareddi orbi. vedi anche Jatta prescialora havi nici orbi
Gatta frettolosa fece i gattini ciechi (Gatta frettolosa ha figli ciechi).
  • A tempu ri tempesta ogni bucu è portu.
Al momento della tempesta ogni buco è un porto.
  • A nu parmu du me' culu chi futti futti
anche a poca distanza da me, se non mi si tocca, non mi interessa nulla.
  • A buffa cutulia a giurana.
Il rospo prende in giro (deride per l'aspetto fisico) la rana.

B[modifica]

  • Babbaluci a sucari e fimmini a vasari nun ponnu mai saziari.
Lumache da succhiare e donne da baciare non possono mai saziare.
  • Babbaluci, fungi e granci spenn'assai e nenti mangi.
Lumache, funghi e granchi, spendi molto e non mangi niente.
  • Beccu chi bicchia un'navi malatia.
Becco che becca non è malato.
  • Bon tiempu e malu tiempu non dura tuttu u tiempu!
Il tempo buono e il tempo cattivo non durano mai in eterno.
  • Bona maritata senza soggira e cugnata
Una donna è ben sposata se non ha suocera e cognata
  • Bella tiesta ppi fari piruacchji
Bella testa per fare pidocchi
Riferito a chi non ragiona.

C[modifica]

  • Cazzu rancatu non canusci parentatu!!!
Quando un uomo ragiona col pene non conosce nemmeno i parenti
  • Ci spiai aiutu all'ovvù, iapriu l'occhi e mi fici scantari!
Ho chiesto aiuto al cieco, ha aperto gli occhi e mi ha fatto spaventare (quando chiedi aiuto a qualcuno e fà più danni di quanti ne avresti fatti tu)'
  • Cu si vaddò si savvò!
Chi si guardò (le spalle) si salvò!
  • Lu vinu, la taverna e la bagascia portanu l'omu alla burza liscia.
Il vino, l'osteria e le donne di facili costumi portano l'uomo alla rovina finanziaria
  • Cu sparagna, sparagna pi porci!
Risparmiare troppo non serve perche lo spenderai dopo'
  • Cu ci attacca a ciangianedda o' iattu?
Chi l'attacca la campanella al gatto? di origine spagnola "chi si prende la responsabilità?"
  • Cunta senza junta cà cù cunta cuntentu cunta!
Conta senza aggiunta che chi conta lo fà contento
  • Cacciaturi ca assicuta a ddu cunigghia, unu cci scappa e l'autru n'ô pigghia.
Cacciatore che insegue due conigli, uno gli scappa e l'altro non lo piglia.
  • Campana câ nun sona o primu toccu è surda.
Campana che non suona al primo tocco è sorda.
  • Carrica liegghiu e cunsuma o vuoscu
Fai tanti viaggi, ma con un carico leggero.
  • Carta veni e iucaturi si vanta
carta fortunata e giocatore che si vanta
  • Cci dissi lu Signuri a San Giuvanni: «Di li signaliati, guardatinni.»
Disse il Signore a San Giovanni: «Guardati dai segnati (le persone con difetti fisici).»
  • Chista è a zita, cu a voli sa marita.
La fidanzata è così, chi la vuole se la sposi.
Se ti va bene è così, se no niente.
  • Ci rissi lu sceccu a lu mulu: semu nati pi dari culu.
Disse l'asino al mulo: siamo nati per sgobbare'.
  • Ci rissi u sceccu o liuni tu si re senza vastuni, si feroci e prepotenti ma di sutta nun naii nenti...
Tu sei tutto fumo e niente arrosto.
  • Ci rissi u sceccu ou voi, pi conna mi poi ma pi minkia sucari ma poi.
Ci disse l'asino al boe, hai le corna che io non ho ma io ho il pene più grosso del tuo!
  • Falla comu voi, sempri cucuzza è!
Condiscila come vuoi, rimarrà sempre una zucca.
O in un modo o nell'altro, la sostanza è sempre la stessa!
  • Cu c'havi 'u culu considera.
Avendo aria nella pancia, chiunque avrebbe fatto lo stesso.
Chi si trova nella tua stessa condizione ti capisce.
  • Cu accatta abbisogna di cent'occhi; cu vinni d'unu sulu.
Chi compra ha bisogno di cento occhi; chi vende di uno soltanto.
  • Cu accurza allonga e cu allonga accurza
Chi vuole fare le cose in fretta alla fine perde più tempo.
  • Cu è riccu d'amici è poveru di guài.
Chi ha tanti amici passa pochi guai.
  • Cu' bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.
  • Cu' asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu nun ni vidi.
Chi asini insegue e [alle] donne crede, non vedrà il paradiso.
  • Amici e parenti, 'un ci accattari e 'un ci vinniri nenti.
Con gli amici e i parenti non comperare e vendere niente.
  • Cu' mancia e nun vivi, mai saturu si cridi.
Chi mangia e non beve, mai sazio si crede.
  • Cu' nesci, arrinesci.
Chi ne esce [dal proprio paese], trova fortuna.
  • Cu' nun è curnutu è figghiu di Diu.
Chi non è cornuto è figlio di Dio.
  • Cu' picca avi, caru teni.
Chi ha poco lo tiene caro.
  • Cu di sceccu ni fa mulu, i primu causcu iè dò sò.
Chi di asino ne fa mulo il pimo calcio è suo.
  • Casa senza omu, casa senza nomu.
Casa senza uomo, casa senza nome.
  • Cirasi e pruna, chiantani una.
Ciliege e prugne, piantatele.
Invito a coltivare la bellezza.
  • Callìa chiossà un fasciu di ligna ni la ceminera, câ un arburo ni la foresta.
È meglio avere poca legna nel camino che un albero nella foresta.
  • Chianta arburi 'mezzu la vigna, si nun pigli frutta cogli ligna.
Pianta alberi in mezzo alla vigna, se non raccogli frutta almeno cogli legna.
Fai del bene nella vita, se non raccogli sorrisi almeno fai felice la gente.
Se una donna non accetta la prima volta è inutile tentare.
  • Ci vole 'u vento in chiesa, ma no astutàri i cannila.
Quando si esagera a far qualcosa.
  • Chistu e nenti sunnu parenti.
Qualcosa di poco e niente sono parenti.
  • Celu niettu un c'è paura di trona.
Con il cielo limpido non si teme il tuono.
Se si ha la coscienza pulita non si teme nessuna accusa.
  • Cielu crapinu, se nun ciovi ogghi ciovi rumani matinu
Cielo a pecorelle, se non piove oggi piove domani.

variante:

  • Cielu picurinu, s'un chiovi oij chiovi 'o matinu
  • Ciu annintra iemu, cchiù pisci pigghiamu
Piu' si va al largo, più pesci si pescano.
  • C'é cchiù jorna chi sasizza.
Ci sono più giorni che salsiccia.
  • Chiusa na porta si rapi un purtuni.
Chiusa una porta si apre un portone
  • Cchiu scuru di menzannotti nun po fari.
Più buio di mezzanotte non può fare
peggio di così non può andare
  • Com'è a canni veni u broru
Come è la carne viene il brodo
Dalla origini puoi capire cosa verrà fuori in futuro
  • Cu avi è.
Chi possiede è qualcuno.
  • Cu avi un parrinu iavi u iardinu.
Chi ha in famiglia un prete ha un giardino.
  • Cu avi lingua passa u mari.
Chi ha lingua attraversa il mare.
  • Cu avi picciuli campa filici e cu nunn'avi perdi l'amici.
Chi ha soldi vive felice chi non ne ha perde gli amici.
  • Cu avi dinari assà sempri cunta e cu iavi muglieri bedda sempri canta.
Chi ha assai soldi sempre li conta, e chi ha la moglie bella sempre canta.
  • Cu cancia a strata vecchia ppi la nova, sapi 'nso cu lassa ma nun sapi 'nso cu trova.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quello che lascia ma non sa quello che trova.
  • Cu lassa a vecchia ppa nova, mali s'attrova.
Chi lascia la vecchia per la nuova, male si trova.
  • Cu lassa a vecchia ppa nova, attròva 'a so malanòva.
Chi intraprende nuova vita, spesso si trova pentito
  • Cu ccu cani si curca, ccu pulici si leva.
Chi si corica coi cani si alza con le pulci.
  • Cu di sceccu ne fa voi u primu cauciu è do so.
Chi dell'asino fa bue, il primo calcio è il suo.
  • Cu du' vucchi vo basari l'una o l'altra hav'a lassari.
Chi vuole baciare due bocche deve lasciar o l'una o l'altra.
  • Cu mancia fa muddichi.
Chi mangia fa molliche.
Se fai qualcosa di sbagliato, prima o poi si verrà a sapere.
  • Cu fà, fa ppid'iddu.
Chi fa qualcosa lo fa per se stesso.
  • Cu figliu di gattu è, surci piglia.
Chi è figlio del gatto acchiappa i topi.
  • Cu pecura si fa, u lupu s'a mancia.
Chi si fa pecora, il lupo lo mangia.
  • Cu è minchia? Carnalivari o cu cci va appriessu?
Chi è stupido? Lo scemo o chi lo segue?
  • Cu nasci tunnu un' pò moriri quadratu (opp: chiàttu).
Chi nasce tondo non può morire quadrato.
  • Cu pigghia un turcu è so.
Approfittane, nessuno ti chiederà mai il conto
  • Cu va cô zoppu a l'annu zuppìa.
Chi va con lo zoppo dopo un anno zoppica.
  • Cu si la pighia picciotta assai, tummina tummina sunnu li vai.
Chi si prende una donna molto più giovane ha molti guai.
  • Cu si vardau si sarvau.
Chi si guardò [le spalle ] si salvò.
  • Cu spairti spairti, si futti siempre a megghiu pairti.
Chi fa le divisioni si prende sempre la parte migliore.
  • Cu ti voli beni ti fa chianciri, e cu ti voli mali ti fa arridiri.
Chi ti vuol bene ti fa piangere, e chi ti vuol male ti fa ridere.
  • Cu tocca culu addisia minchia.
Chi preferisce il fondoschiena ha tendenze omosessuali.
  • Cu voli a Cristu si lu preia.
Chi vuole Cristo se lo preghi.
  • Cu zappa, zappa a so' vigna cu bonu zappa bonu vinnigna.
Chi zappa, zappa la propria vigna chi bene zappa bene vendemmia.
  • Culu ca nun vitti vraca quannu li vidi tutti si li caca.
Fondoschiena che non ha mai visto pantaloni quando li vede li schifa.
  • Culu ca nun ha vistu mai cammisa, quannu sa metti si va cacannu.
Fondoschiena che non ha mai visto camicia, quando la indossa se ne vanta
  • Cu s'affuca chi sò manu, nun c'è nuddu ca u chianci.
Chi si strozza con le proprie mani, non ha nessuno che piange per lui
  • Curri quantu vuva ca sempri cà t'aspittu.
Corri quanto vuoi che sempre qua ti aspetto.
  • Cummannari è megghiu ri futtiri.
Comandare è meglio di fottere.
  • Caliti juncu, chi passa la china.
Aspetta che passi questo periodo, verrà il tuo momento.
  • Cu paga avanti mancia pisci fitusi.
Non avere fretta a pagare.
  • Chianci chianci tu m' accatti aranci tu m'u munni e io mo manciu.
Bisogna affrontare le proprie paure senza piangere.
  • Cu si curca cchi picciriddi si susi pisciatu.
Chi va a letto con i bambini si sveglia pisciato.
Chi si fida di persone incapaci ne esce malconcio.
  • Cu s'a senti strinci 'i renti.
Chi se la sente stringe i denti.
Chi crede di essere colpevole abbia paura. / A buon intenditore poche parole.
  • Cchiu ti 'nsignu e cchiu ti perdu.
Più cose ti insego e più velocemente ti perdo.
  • Cu zappa timpi e cu stampa santi va chiù narriari ca n'avanti.
Chi zappa terreni scoscesi e chi stampa santi va più indietro che avanti.
  • Cu spatti avi la megghju patti.
Chi divide (chi fa le porzioni) sceglie la parte migliore.

D[modifica]

  • Santu Luca santu Luca, Di cu sunnu li figghi, si l'annaca.
Ognuno deve risolvere da solo i suoi problemi.
  • Di lu mari nasci lu sali e di la fimmina ogni mali.
Dal mare è nato il sale e dalla donna tutti i mali.
  • Di quattru cosi nun t'ha fidari: Sirinitati di nvernu e nuvuli di stati, chiantu di fimmina e caritati di frati.
Di quattro cose non ti fidare: Sereno d'inverno e nuvole d'estate, pianto di donna e carità di frate.
  • Doppu Natali... lu friddu e la fami.
Dopo Natale... il freddo e la fame.
  • Dissi lu surgi a la nuci: dunimi tempu ca ti spirtusu!
Disse il topo alla noce: dammi tempo che prima o poi riuscirò ad aprirti.

Variante – belicina

  • Ci dissi lu surci a la nuci: Dammi tempu chi ti perciu! Rispunni la nuci a lu surci: 'chiu tempu passa e 'chiù dura mi fazzu!!
Disse il topo alla noce: dammi tempo che prima o poi riuscirò ad aprirti. Rispose la noce al topo: più tempo passa e più dura mi faccio.
  • D'ammasciaturi mi truvai zitu.
Portando un'ambascia d'amore, mi sono ritrovato innamorato.
  • Du' cosi sunu stravaganti: u suverchiu e u mancanti.
Due sono le cose superflue: il soverchio e il mancante. Il giusto sta in mezzo
  • Di' ni scansa di calamitati, d'omini spani e fimmini varvuti
Dio ci liberi dalle disgrazie, dagli uomini glabri e dalle donne pelose

E[modifica]

  • È inutili ca ntrizzi e fai cannola, lu santu è di màrmuru e nun suda.
Inutile che ti dai da fare col trucco e i bigodini: l'uomo casto è di marmo e non suda.
  • Enzu furrìa ammenzu pasta, patate ca a sassa nto menzu.
Enzo rotola in mezzo pasta, patate, con la salsa nel mezzo.
  • È bberu ca u picciottu po morriri, ma u vecchiu non po campari
È vero che il ragazzo può morire, ma è anche vero che il vecchio non può vivere
  • È inutili cà 'o porcu ci menti 'u cilindru, tantu sempri porcu è.
E' Inutile che al porco metti il cilindro, tanto sempre porco rimane. (riferito a una persona rozza che si è arricchita e vuole apparire come nobile ed educata)
  • E' inutili lavarici a testa au sceccu: si peddi tempu, acqua e sapuni
E' inutile lavare la testa all'asino: si sprecano tempo, acqua e sapone (è tempo sprecato cercare di aiutare chi non vuole o non merita l'aiuto)
  • era beddu u piddusinu, vinni a jatta e ci pisciau.
Era prospero (in senso ironico) il prezzemolo, è sopraggiunto il gatto e ha gli fatto la pipì sopra.
(Le cose andavano già male e sono peggiorate ulteriormente.)

F[modifica]

  • Figghia di gatta si nun muzzica gratta
Figlia di gatta se non morde sicuramente graffia
  • Figghioli e porci comu li insigni li trovi
I figli sono come i maiali come li educhi crescono'
  • Fai beni e scordatillu, fai mali e pènsaci
Se fai del bene dimenticatelo, se fai del male pensaci.
  • Fai beni a jatta ca t'aratta
Fai bene al gatto e ne riceverai un graffio.
  • Fatt'a nomina e va curcati.
Fatti la nomina e vai a dormire.
Fatti una buona reputazione e poi potrai dormire tranquillo. / Se ti fai una cattiva reputazione è meglio tu non ti faccia vedere.
  • Figghi e dinari nun si nni mmana chi a sarvari.
I figli e i soldi sono le cose che non si affidano.
  • Fimmina chi movi l'anca si nun è buttana picca ci manca. / Fimmina ca n'annaca l'anca, su nun è iarusa picca ci manca
Donna che sculetta, se non è puttana poco ci manca.
  • Fimmina mpiegata si nun è maniata, è tuccata.
Donna che lavora se non ha tradito, l'hanno toccata.
  • Fimmini scecchi e pagghiari sunnu cosi p'accumadari.
Donne Asini e Pagliai, sono cose tanto per rimediare per un pò.
  • 'Fimmini schetti e maritati senza figghi né pi dinari né pi cunsigghi'.
Donne zitelle e spsate senza figli non son buone né per i prestiti né per i consigli.
  • Fungi, pateddi e sfinci spenni assai e nenti manci.
Funghi, patelle e sfinci costano molto ma c'è poco da mangiare.
  • Funtana ca duna acqua a dù vadduni, nun pò fari dù cori cuntenti.
La sorgente che da origine a due fiumi non può accontentare due cuori.
'(variante) Si servi du patruni un si servu bonu 'né p'unu, 'né pi l'autru'.
  • Futtiri addritta e caminari nda rina portanu l'omu a la ruvina.
Far sesso in piedi o passeggiare sulla sabbia asciutta fa male.
  • Fujiri è vriogna, ma è sarbamintu di vita
Scappare è da codardi, ma allunga la vita.
  • Futti, futti ca Diu pirduna a tutti.
Ruba, ruba (o inganna) che Dio perdona tutti.
  • Futti e futtitinni.
Fotti e non ci pensare.

G[modifica]

  • Gilusu di culu, jarrusu sicuru.
Geloso del proprio sedere, omosessuale sicuro.

H[modifica]

I[modifica]

  • 'I fìmmini quarchi vota dìcinu 'u veru, ma nun lu dìcinu nteru.
Le donne qualche volta dicono il vero, ma non lo dicono per intero.
  • 'I parenti da muggheri sunu duci comu u meli, i parenti du maritu sunnu seppi di cannitu.
I parenti della moglie sono dolci come il miele, i parenti del marito sono serpenti di canneto.
  • I picciuli sunnu nta vucca di tutti e nta sacchetta di nuddu.
I soldi sono sulla bocca di tutti e nella tasca di nessuno.
  • I cosi su dui: o si spacca u sticchiu o si rumpi a minchia.
Le cose sono due: o si rompe la vagina o si rompe il pene.
  • I picciuli di lu varveri sunnu biniriciuti di la mugghieri.
I soldi per il barbiere sono sempre ben spesi.[7]
  • Iddu javi na cosa chi ci mpendi chi di tuttu lu difendi.
Lui (il figlio maschio) ha una cosa che gli pende che da tutto lo difende.
  • Ioca cu ta patri e cuntiti i catti.
Gioca con tuo padre e contati le carte.
  • Iochici, iochici cà minchia do pupu!
Gioca, gioca col pisello del pupo!
Non giocare con le cose che sembrano innocenti, potresti rimanere fregato.
  • I picciriddi annu a parrari sulu quannu piscia a jaddina.
I bambini devono parlare solo quando fa pipì la gallina.

J[modifica]

  • Jacomu porta e Larenzu vannìa
Giacomo porta e Lorenzo chiama[8]
Si dice di una coppia sciocca, insensata.
  • Jaggia apetta, aceddu mortu.
Gabbia aperta, uccello morto.
  • Jatta é!
Gatta è!
Usato quando si prospetta una brutta situazione.
  • Jurnata rutta, rùmpila tutta.
Giornata rotta, rompila tutta.

K[modifica]

L[modifica]

  • La quartara va tanti voti all'acqua finu a quannu si rumpi.
La brocca viene riempita tante volte fino a quando si rompe.
  • L'ebba tinta nun mori mai.
L'erba cattiva non muore mai.
  • 'A matinata fa a jurnata.
La mattinata fa giornata
Buon giorno si vede dal mattino.
Chi si sveglia presto al mattino, già ha fatto parte della giornata.
  • L'acidduzzu nta la gaggia, nun canta p'amuri, canta pi raggia.
L'uccellino in gabbia non canta per amore ma per rabbia.
Variante: L'aceddju nta jaggia canta pì mmiria o pi rraggia.
L'uccello in gabbia canta per invidia o per rabbia.
  • L'acqua si nni va nta la pinnenza, l'amuri si nni va unni c'è spiranza.
L'acqua scende dal pendio, l'amore se ne va dove c'è speranza.
  • L'omu gilusu mori curnutu.
L'uomo geloso muore cornuto.
  • La guerra, quannu veni, veni pi tutti.
La guerra, quando arriva, arriva per tutti.
  • La megghiu palora è chidda nun diciuta.
La parola migliore è quella non detta.
  • La minchia 'n culu di l'atri pari un filu d'inia.
I guai degli altri sembrano sempre cose stupide.
  • La petra uffruta di n'amicu è comu un pumu.
La pietra offerta da un amico è come una mela.
  • La pignata taliata nun po vugghiri mai.
La pentola guardata non bolle mai.
  • Li corna su' comu li denti, dòlinu quannu spùntanu, ma poi sèrvinu pi' manciari.
Le corna sono come i denti, fanno male quando spuntano ma poi servono per mangiare.
  • Li difetti di la zita s'ammuccianu cu la doti.
I difetti della fidanzata si nascondono con la dote.
  • Li guai di la pignata li sapi la cucchiara ca l'arrimina.
I guai della pentola li conosce il mestolo che mischia.
  • Lu jornu nun ni vogghiu e la sira spardu l'ogghiu
Di giorno non ne voglio e la notte consumo l'olio.
Si dice chi non lavora al tempo giusto e poi eccede nel momento sbagliato.
  • L'ovo cchiu chi coce, cchiu duro addiventa.
L'uovo diventa sempre più duro man mano che cuoce.
  • Lu pani nun stuffa mai.
Il pane non stanca mai.
  • Lu sceccu porta la pagghia e lu sceccu si la mancia.
L'asino porta la paglia e l'asino la mangia.
Si dice di una persona egoista che produce qualche cosa e se la tiene per lui solo.
  • La donna porta l'omu alla cunnanna.
La donna porta l'uomo alla condanna.
  • Lu medicu piatusu fa la chiava virminusa.
Il medico pietoso fa la ferita infetta.

M[modifica]

  • Ma mangiu squarata!!
me la faccio andar bene anche se sò che è sbagliata, tanto chi se ne frega!
  • ...mezza rutta rumpila tutta!!
Ormai che hai fatto danno continua per la tua strada.
  • Mancia e vivi a gustu to', causa e vesti a gustu d'autru
Mangia e bevi a gusto tuo, calza e vesti a gusto degli altri.[9]
Se devi fare una cosa che non ti piace, falla subito.
  • Mancia ru to e ru to' saziatinni
Mangia del tuo e del tuo saziatene.
  • Maritu bbonu, maritu tintu, tintu cu unn'avi né bbonu né tintu
Marito buono, marito cattivo, brutto non averne né uno buono né uno cattivo.

[10]

  • Maritu vecchiu maritu sfatto quannu un fa avutru quaria lu lettu
Marito vecchio e stanco se non fa altro riscalda il letto.[11] (Serenella)
  • Mi cuntentu vidiri a me figghiu mortu abbasta ca viu a me nora scuntenta.
Sarei contenta di veder morire mio figlio purché veda mia nuora infelice.
  • Muggheri onesta, trisoru ca arresta.
Moglie onesta, tesoro che resta.
  • Megghiu aviri ca desiderari.
Meglio avere che desiderare.
  • Megghiu cummattiri cu centu malandrini e no cu nu sceccu.
E' meglio avere a che fare con cento malandrini che con un babbeo.
  • Megghiu a muggheri buttana ca u tirrennu ammenzu la via.
Meglio avere una moglie poco fedele che avere il proprio podere in una zona di passaggio.
  • Megghiu cuttu e misuratu chi longu e sgalapatu.
Meglio corto ed educato che lungo e sgarbato.
  • Megghiu inabbissari un paisi chi mettiri un'usanza.
È meglio inondare un paese che instaurare una usanza.
  • Megghiu n'amicu 'n chiazza ca cent'unzi 'n sacca.
È meglio trovare un amico in piazza che avere cento onze in tasca.
  • Megghiu picca e gòdiri, ca assai e tribuliari.
Meglio avere poco e godere, che avere molto e soffrire.
variante:
  • Megghiu picca gòdiri, ca assai trivulàri.
Meglio poco gioire, che lamentarsi assai.
Accontentarsi della piccole gioie della vita, piuttosto che rischiare grandi disgrazie.
variante:
  • Avanti picca a godiri ca assai a trimuliari.
Meglio avere poco e goderne che avere tanto e tremare.
  • Megghiu u' tintu canusciutu ca u bonu a' canusciri.
È meglio un cattivo conosciuto piuttosto che un buono sconosciuto.
  • Megghiu perdiri n'amicu chi scattari lu viddicu.
È meglio perdere un amico che mi scoppi l'ombellico [la pancia].
Se devi fare qualcosa di negativo ma che ti eviti maggior danno fallo anche se perdi un amico.[12]
  • Megghiu diri "chissacciu" ca diri "chissapìa."
È meglio dire "che ne so" che dire "che ne sapevo.
  • Megghiu curnutu ca fissa.
Meglio cornuto che fesso.
  • Megghiu suli ca mal'accumpagnati.
Meglio soli che mal accompagnati.
  • Megghiu scrusciu i catine ca scrusciu i campane.
Meglio andare in galera che morire per un infame.
  • Megghiu cumannari ca futtiri.
Meglio comandare che fottere.
  • Megghiu nu sceccu vivu ca un dutturi mortu.
Meglio un asino vivo che un dottore morto.
  • Megghiu 'ssicutatu d'ì cani, chi cianciutu d'ì Cristiani
Meglio essere inseguiti dai cani, che invidiati dalle persone.
  • Morti ca m'hai a ddari, lestu sìa.
Se devi uccidermi, fai presto.
  • Munti cu munti non s'incontra mai.
Prima o poi gli uomini si incontrano di nuovo.
  • Megghiu unu saziu ca ciento riuni.
Meglio uno sazio che cento digiuni.
  • Megghiu pierdiri ca strapierdiri.
Meglio perdere poco che perdere molto.
  • Migliu diri chi sacciu ca chi sapiva.
Meglio dire che sò che dire che sapevo.

N[modifica]

  • 'N capu a vaddara u cravunchiu.
Sopra la verruca il brufolo.
  • Natali cu suli, Pasqua cu tuzzuni.
Natale col sole, Pasqua col tizzone.
  • Ne di luna e ne di matti non s'arriva e non si patti.
Ne di lunedi ne di martedi non si parte e non si arriva.
  • Ni misimu l'acqua intra e pila fora
Abbiamo l'acqua in casa e il lavandino fuori.
  • Niuru pani niura fami
pane nero (di scarsa qualita') fame nera [si usava ai tempi di guerra per dire che erano tempi duri]
  • No misi di maggiu arragghiunu i scecchi.
Nel mese di maggio ragliano gli asini
  • Non c'è nenti 'nta na casa vacanti.
Non c'è niente in una casa vuota.
  • Nta codda ruppa ruppa ci va ntô menzu cu non ci cuppa.
Nella corda nodi nodi, ci va di mezzo chi non ha colpa.
Alla corda piena di nodi (il flagello), ci va chi non ha colpa.
Si dice di persone accusate o punite ingiustamente.
  • Nun c'è chiù tintu ri cu sapi quantu pigghia.
Non c'è più povero di chi ha sa quanto prende.[cioè che ha un salario fisso]
  • Nun c'è sàbbatu sinza suli, nun c'è fìmmina sinza amuri.
Non c'è sabato senza sole, non c'è donna senza amore.
  • Nun cunfunnemu a minchia co' bummulu.
Non confondiamo il pene con il recipiente dell'acqua (bummolo).
Non si confondano le cose serie con le stupidaggini.
  • Nun ludari a jurnata si nun scura a jurnata.
Non lodare la giornata se non arriva la sera.
  • Nun nesciri nasciti.
Non trovare scuse (non dire novità sta zitto).
  • Nun si pigghianu si nun si rassumigghianu.
Non si pigliano se non si rassomigliano.
  • Nuttata persa e figghia fìmmina.
Nottata persa e figlia femmina (tanta fatica e scarso risultato).

O[modifica]

  • Occhiu ca non vidi cori ca non doli
Occhio che non vede cuore che non duole
  • Occhiu vivu e manu o cuteddu.
Occhi ben aperti e mano al coltello.
Invito a stare sempre all'erta.
  • Ogni bucu è pirtusu, e cu nun lu tappa e garrusu; ma si u bucu è fitusu migliu essiri garrusu !
Ogni buco è orifizio, e chi non lo tappa è omosessuale; ma se il buco è puzzolente è meglio essere omosessuale.
Ogni occasione è valida e chi non la coglie è uno sciocco ma se l'occasione è sfavorevole è meglio evitare.
  • Ogni ficateddu ri musca è sustanza.
Ogni fegato di mosca è sostanza[13]
  • Ognunu piscia e sa talia.
Ognuno piscia e se la guarda.
Invito a curarsi unicamente dei propri affari.
  • Ognunu sapi quantu l'avi.
Ognuno sa quanto ce l'ha lungo.
Ognuno è consapevole del proprio valore e delle proprie capacità.
  • O siccu o saccu.
O niente oppure tutto.
  • Ogni minchia havi u so purtusu.
Ogni pene ha il suo buco.
  • Ogni lassata è pessa e anche Ogni lassata è pidduta.
Ogni lasciata è persa.
  • Ognunu ca so cedda piscia e sa scutola.
Ognuno con il suo pene piscia e se lo scrolla.
Ognuno fa di sé quello che vuole.
  • Ogni testa di nuatri è tribunale.
La testa di ognuno di noi è tribunale.
  • Occhiu vivu, manu lesta e ucca caura.
Occhio vigile, mano veloce e bocca calda.
Quando si è a tavola.
  • Ogghio abbruciato e pareddra spunnata; vedi anche Si uncero tutt'i dui
Olio sporco e padella bucata (si sono uniti tutt'e due)
Indica una "buona compagnia" in senso sarcastico.

P[modifica]

  • Petra ca un fa lippu sa tira a china.
Chi non fa radici è destinato ad andare in rovina.
  • Pani duru e cuteddu cca nan tagghia
Pane duro e coltello smussato (Coppia che non conclude niente)
  • Pani schittu cala rittu
Pane senza companatico, va giù facilmente
  • Panza pati e cuosti riposanu.
La pancia patisce le costole riposano.[14]
  • Parri cu iddu.
Parli con lui.[15]
  • Parra ca parra 'u parrinu pariemu parrini ca parranu.
Parla che parla il prete, sembriamo preti che parlano.[16]
  • Pìgghia prima e pìgghia 'rossu, nun ti curari siddu è mauru o rassu
Prendi subito e in abbondanza, senza curarti se è magro o grasso
  • Puntiari è megghiu 'i cusiri. (inteso nel gioco delle carte)
Meglio far qualche punto che non farne alcuno.

Q[modifica]

  • Quannu i nuvuli vannu a mari, pigghia la truscia e vai a lavari. Quannu i nuvuli vannu a muntagna, posa la truscia c'annunca si vagna
Quando le nuvole vanno verso il mare, prendi la biancheria e vai a lavare. Quando le nuvole vanno verso la montagna (l'Etna), posa la biancheria, altrimenti si bagna
Trattasi di un metodo che funziona davvero per predire se pioverà oppure no. Ovviamente questo sistema funziona solo a Catania.
  • Quannu l'amuri tuppulìa, unn'u lassari ammenzu a via.
Quando l'amore bussa alla tua porta, non lo lasciare in strada.
  • Quannu u sceccu un voli vìviri, e nutule friscàrici.
Quando l'asino non vuol bere è inutile fischiargli.
  • Quannu la jatta un po arrivari a la saimi, dici chi fà fetu di ranciru.
Quando la gatta non riesce a raggiungere il lardo (di cui è ghiotta), dice che fa puzza di rancido.
Quando non si riesce ad ottenere qualcosa, ci si convince che non vale la pena di rimanerne deluso.
[La favola della volpe e dell'uva: "Nondum matura est".]
  • Quannu u diavulu accarizza, voli l'anima.
Quando il diavolo adula, vuole l'anima.
  • Quannu u sticchiu jè ghiatu, a minchia jetta un sautu.
Quando la vagina è in alto, il pene spicca un salto.
Capacità di adattamento alla necessità delle varie cisrcostanze.
  • Quannu u pacchiu è rosa a minchia s'arriposa
Quando la donna entra nel periodo mestruale, l'uomo deve rassegnarsi.
  • Quannu lu suli è ghiuntu a li mura, zappa curnutu ca ancora unn'è ura.
Quando il sole è ancora alto zappa cornuto che ancora la giornata non è al termine.

R[modifica]

  • Ricci, pateddi e granci spenni assai e nenti manci
Ricci, patelle e granchi costano molto ma c'è poco da mangiare.[17]
  • Ri venniri e di matti, ne s'accatta ne si patti.
Di venerdi e di martedi ne' si fanno acquisti, ne' si intraprendono viaggi.
  • Rutta ppi rutta, rumpemula tutta
Rotta per rotta, rompiamola tutta.
  • Jurnata rutta, pèrdila tutta.
Giornata lavorativa interrotta, perdila per intero.
Elasticità mentale di saper godere anche degli imprevisti.

S[modifica]

  • Sarba a pezza pi quannu veni u purtusu.
Conserva la pezza per quando avrai un buco da tappare.[18]
  • Scacciuna no funnu unn'arrèstinu
Anche le focacce venute male, vengono mangiate.
Detto per consolare le persone bruttine che faticano a trovare un compagno/a.
  • Sceccu orbu e strata pitrusa
Asino zoppo e strada piena di pietre
Coppia che non conclude niente
  • Sceccu zoppu si godi la vita.
Il mulo zoppo si gode la vita.
Vivi lentamente per goderti la vita.
  • Sceccu ca s'avànta un vali mancu na lira.
L'asino che si vanta non vale neanche una lira.
  • Sciroccu chiaru e tramuntana scura, mettiti in mari senza paura.
Scirocco chiaro e tramontana scura, mettiti in mare senza paura.
  • 'si servi du patruni un si servu bonu 'né p'unu, 'né pi l'autru'
se servi due padroni, non sarai un buon servo né per uno, né per l'altro

'(variante) Funtana ca duna acqua a dù vadduni, nun pò fari dù cori cuntenti.'

fontana che dà acqua a due valli, non può fare due cuori contenti.
  • Siddu dici no, ti resta l'amicu e la robba tò.
Se dici di no, ti rimane l'amico e la roba tua.
Si dice per mettere in guardia dal concedere facili prestiti.
  • Si voi lu beni pensa a lu mali.
Se vuoi il bene pensa al male.
  • Si vô futtiri 'u tô vicinu, curcati prestu e susiti matinu.
Se vuoi fregare il vicino, vai a letto presto e alzati di buon mattino.
  • Su' tutti garrusi ccu culu 'i l'autri.
È facile parlare quando non si rischia del proprio.
  • Si è figghia ri iatta surci havi a pigghiari
Se è figlia di gatta non può che prendere topi.
  • Sparagna la farina quannu la cascia è china.
A chi servi sparagnari quannu lu funnu pari?
Risparmia la farina quando ne hai in abbondanza.
A cosa serve farlo quando non ne hai quasi più?
variante:
  • Sgavìta la visàzza quann'è china, ca quannu è leggia si sgavìta sula.
Risparmia il contenuto della bisaccia quando è ancora abbondante, perché quando si sarà vuotata... ci sarà poco da risparmiare ormai.
  • Sparagna l'acqua e si vivi lu vinu.
Risparmia l'acqua e beve il vino.
  • Spassu di vicini e trivulu di casa.
Divertente e piacevole con gli estranei e causa di patimenti e sofferenze in casa.
variante:
  • Spassu di fòra e triulu d'intra (opp: 'i casa).
Spassosa fuori e lamentosa a casa.
Comportamenti opposti con gli estranei e con i famigliari.
  • Stennu u peri fino a quannu u linzolu teni.
Stendi il piede fino a quando il lenzuolo tiene.
Non superare il limite di sopportazione.
  • (Si iunceru) pani ruru e cuteddu ca' nun tagghia .
Si sono uniti pane duro e coltello che non taglia.
  • (Si iunceru) ogghiu fitusu e paredda spunnata .
Si sono uniti olio sporco e padella bucata (due cose inutili).

T[modifica]

  • T'amparari e t'appeddiri.
Ti devo insegnare e poi ti devo perdere .
  • Tantu ci va a quartara a l'acqua nzinu a quannu un si rumpi.
Tante volte si porta la brocca a prendere l'acqua che prima o poi si rompe.
  • Tantu va a quartara all'acqua, ca o si rumpi o si ciacca.
Tante volte va la brocca a prendere l'acqua che prima o poi o si rompe o si spacca (letteralmente: si crepa).
  • tempu di ficu e sorba cu si po savvari si savva.
durante il periodo di ristrettezze economiche chi riesce si salva.
  • Tempu pessu e filu cassariatu.
Tempo perso e lavoro sprecato.
  • Tira cchiossài nu pilu di sticchiu ca 'n carru di vòi.
Tira di più un pelo di donna che un carro di buoi.
  • Tira 'n sordu e vidi cu u pigghia (proverbio popolare).
Lancia una moneta e guarda chi la prende.
Si riferisce a due contendenti di poco valore. Ha dunque valore spregiativo.
  • Testa ca non parra si chiama cucuzza.
Testa che non parla si chiama zuccòna.
Chi si ostina a non comunicare agli altri i propri disagi.
  • Tummina tummina sunnu li vai, cu nn'havi cchiu picca e ccu nn'havi cchi'ossài.
I guai sono a palate, chi più chi meno, tutti ne abbiamo.
  • Tri pila avi u poccu e u poccu avi tri pila.
Tre peli ha il porco e il porco ha tre peli.
Riferito a una ripetizione inutile.
  • Ti salutu je nculu ti sputu.
ti saluto e nel fondoschiena ti sputo
Riferito a chi non si ha voglia di salutare.
  • Tira chi'ossa un firu i pacchiu a parti i cchianata, ca tri boo misi n'zermina a parti i scinnuta.
Tira più un pelo di pube in salita che tre buoi messi assieme in discesa
L' attrazione (sessuale) verso il sesso femminile è irresistibile.

U[modifica]

  • 'U minchia unni egghiè, u curnutu a lu so paisi.
Lo stupido è stupido dovunque, il cornuto lo è solo al suo paese [dove è risaputo]).
  • Unna maggiuri c'è minuri cessa; vedi anche Dissi lu puddicinu ndi la nassa: "unni maggiori c'è, minuri cessa".
Dove il maggiore c'è, il minore termina [di esistere] (Disse il pulcino nel nido: "dove c'è il maggiore, il minore smette").
  • 'U immirutu jeva e vineva, ma 'u immu so nun su' vireva.
Il gobbo andava e veniva, ma la gobba non la vedeva.
  • 'U surdu 'un è cu nun senti, ma cu nun voli sentiri.
Il sordo non è chi non sente, ma chi non vuole sentire.
  • Un patri campa centu figghi, ma centu figghi non campanu un patri.
Un padre mantiene cento figli, mentre cento figli non riescono a mantenere un padre.
  • Un c'è minchia senza cugghiuna.
Non c'è pene senza testicoli.
Nulla sussiste senza solide basi.
  • 'U cani muzzica sempre u spardatu.
Il cane morde sempre il povero.
  • 'U sticchiu è bellu e a minchia fa burdellu.
La vagina è bella e il pene fa rumore.
varianti:
    • 'U sticchiu è duci e a minchia jetta vuci.
La vagina è dolce e il pene grida.
    • 'U sticchiu è duci e cu'unnavi jetta vuci.
La vagina è dolce e chi ne è privo si lamenta.
  • 'Un futtiri mai a casa ru ladru, picchì c'arresti futtutu.
Non rubare mai a casa del ladro, perché resterai fregato.
  • 'U ferru si batti mentr'è caudu.
Il ferro si batte mentre è caldo.
  • 'U micceri bannìa chiddu chi avi
Il mercante pubblicizza la sua merce[19]
Ognuno parla per sé, per ciò che è la sua competenza.
  • 'U Signuri runa pani a cu unnavi jagni.
Il Signore dà il pane a chi non ha denti.
  • 'U sceccu di calata nun s'ammutta.
L'asino in discesa non va spinto!
  • 'Un punciri u sceccu nna muntata.
Non infastidire chi lavora con fatica!
  • 'U suli quannu affaccia, affaccia pri tutti!
Il sole quando si affaccia, si affaccia per tutti!
  • 'U rispettu è misuratu, cu lu porta l'avi purtatu.
Il rispetto è misurato, chi lo porta lo riceve
  • 'U iattu du furgiaru non si scanta de' spisiddi
Il gatto del fabbro non ha paura delle scintille
Si dice per affermare la propria padronanza nel fare le cose.
  • 'U pumu fracitu guasta tutti l'autri.
La mela marcia guasta le altre[20]
  • 'U ranciu di pantanu ci dici o sceccu "jambi stotti!".
Il granchio di stagno dice all'asino "gambe storte!".
Chi è brutto vede solo i difetti altrui.
  • 'U varagnu fa passari 'a stanchizza
Il guadagno fa passare la stanchezza
  • 'U pisci fete siempre ra testa
Il pesce inizia a puzzare sempre dalla testa
Le cattive intenzioni sono sempre chiare dai primi gesti.
  • 'U pupu, quannu si vesti bonu, si senti puparu.
Il pupo, quando si veste bene, si sente puparo.
Le persone insignificanti si credono signori se vestiti bene.
  • 'U sceccu ca sâ vanta nu' vali mancu mezza lira
L'asino che se la vanta[21] non vale neanche mezza lira
  • U sceccu nun futti picchi' è bedu, u sceccu futti picchi' è n'sistu.
L'asino(uomo) non fa l'amore perchè è bello, l'asino(uomo) fa l'amore perchè è insistente.

V[modifica]

  • Venisti pi futtiri e fusti futtutu
Sei venuto per fregare e sei stato fregato
  • Voli a vutti china e a mugghieri 'mbriaca
Vuole la botte piena e la moglie ubriaca.
  • Viecchi, fimmini e vrocculi sciuruti, comu i fa i fa, su sempri pirduti.
Vecchi, donne e broccoli [quando sono] fioriti, quando li fanno [i fiori], sono sempre persi.
  • Vucca ca nun parra si chiama cucuzza; vedi anche Testa ca nu' parra si chiama cucuzza.
Bocca che non parla si chiama zucca (testa che non parla [è una] si chiama zucca).

W[modifica]

X[modifica]

Y[modifica]

Z[modifica]

  • Zoccu ora si schifia veni lu tempo ca si disia.
Ciò che adesso viene disprezzato, verrà un giorno desiderato.
  • Zoccu nasci si vattja.
Quello che nasce si battezza.'
Ci si deve accontentare di ciò che la sorte ci riserva.

Note[modifica]

  1. Ovvia origine dal latino Gutta cavat lapidem.
  2. Cerchi di farti bello.
  3. Questa versione viene ripresa da Franco Battiato in Veni l'Autunnu
  4. Cioè per belare.
  5. La propria porzione di cibo.
  6. In siciliano il prurito è detto manciaciumi.
  7. Fino ad alcuni decenni fa andare dal barbiere era una buona occasione per... ripulirsi.
  8. "Vanniari" sta per urlare, ma qui si intende la vanniata, cioè un grido finalizzato a invogliare clienti per il compare precedente che reca con sé la mercanzia.
  9. Cioè secondo la moda
  10. Meglio avere un marito cattivo che non averne
  11. Cioè serve sempre a qualcosa
  12. Si riferisce al fatto sottointeso che è meglio fare dei peti e perdere un amico che farsi scoppiare la pancia per trattenerli.
  13. Non bisogna trascurare niente. Qualunque cosa può essere utile.
  14. Se non vai al lavoro e non hai di che mangiare quanto meno ti riposi .
  15. Riferito al parlare con lui.
  16. Riferito a quelli che predicano tanto.
  17. Si usa anche per indicare persone che si atteggiano a chissà chi, ma sotto sotto, non hanno nulla.
  18. Si può intendere come conserva qualcosa per quando può venire utile. Ma spesso è usata per indicare una situazione nella quale una persona che ha subito un torto, non appena ne avrà la possibilità ricambierà l'offesa subita o quanto meno rinfaccerà l'accaduto.
  19. Da bannìari o vannìari, verbo che indica l'emettere un tipico urlo, la vannìata, una sorta di reclame gridata, tipica dei mercanti siciliani.
  20. Tale proverbio viene attribuito da Salimbene de Adam a Federico II di Svevia, espresso secondo l'esegeta dall'imperatore dopo aver fatto uccidere un anziano rematore.
  21. Espressione che sta per pavoneggiarsi.

Spiegazione[modifica]

Scusate perchè quando si inserisce la spiegazione di un proverbio in siciliano non si dà sia la traduzione letterale che poi dopo la spiegazione del significato? in modo tale che chi legge a modo di apprezzare la metafora usata e come essa viene usata, ciò darebbe modo di evidenziare lo spirito della nostra cultura. io direi che sipotrebbero ripassare tutti per aggiungerci la traduzione letterale, se nessuno si offende. grazie Il precedente commento non firmato è stato inserito da Criminale (discussioni · contributi), in data 18:17, 19 nov 2006.

Naturalmente. Puoi fare come ho sistemato io. --Nemo 19:42, 19 nov 2006 (UTC)
C'è da uscire pazzi di come è combinata: errori di battitura-ortografia etc, ripetizioni, errori di formattazione... pari ca ci passaru cô tratturi!--79.53.110.146 12:22, 2 mag 2011 (CEST)

Ho inserito una aggiunta alla spiegazione del proverbio "nta corda ruppa ruppa..." che a mio avviso non era chiara. Oudeis Il precedente commento non firmato è stato inserito da 94.162.195.236 (discussioni · contributi), in data 17:12, 19 lug 2011.