Epigrafi dai libri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta di epigrafi tratte dai libri.

  • Ai miei compagni perduti | dedico questo libro che rivendica | la bellezza di un'impresa italiana | della quale essi serenamente affrontarono | i rischi mortali. (Umberto Nobile, L'"Italia" al Polo nord)
  • Al poeta impeccabile | al perfetto mago delle lettere francesi | al mio carissimo e veneratissimo Maestro e Amico | Théophile Gautier | con la più profonda umiltà | dedico | questi fiori malsani. (Charles Baudelaire, I fiori del male)
  • Al popolo venezolano, | ai suoi umili pescatori del golfo de Paria, | a quanti, intellettuali, militari | e altri mi hanno dato la possibilità di rivivere, || a Rita, mia moglie, e mia migliore amica. (Henri Charrière, Papillon)
  • A S.L.O. | gentiluomo americano | in ricambio di molte piacevoli ore | e coi più cari auguri | il seguente racconto disegnato | in armonia col suo classico gusto | l'affezionato amico autore | dedica. (Robert Louis Stevenson, L'isola del tesoro)
  • Con riconoscenza | per ciò che rende | gli uomini | capaci di realizzare | l'impossibile. (Alfred Lansing, Endurance)
  • – Così in treno non ci si arriva, lassù...
    – No. E neanche in corriera.
    – ...
    – Vi ci vogliono tre ore di mulo. E poi non d'inverno, s'intende. E neanche quando le nevi si sciolgono. Allora, non ce la fareste nemmeno con cinque.
    – Beh... e suppongo che avrà pure un nome.
    – Sì, mi pare di sì. Dev'essere l'unica cosa che abbia. (Silvio D'Arzo, Casa d'altri)
  • È male sciogliere i legami stretti da Dio per decreto. | Saremo ancora i figli dell'erica e del vento. | Lontani da casa, ancora per te e per me | la ginestra si fa bella di germogli | nel Paese del Nord. (Robert Louis Stevenson, Strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde)
  • Il più delle volte, le nostre virtù sono soltanto vizi camuffati. (François de La Rochefoucauld, Massime)
  • Oltre i miti e le leggende, | offro il mio libro alla nobile e vera scienza, | che non ha mai dimostrato verso la superstizione | tanta intolleranza quanto quest'ultima | ne ha nutrita verso di lei. (Frigyes Karinthy, Viaggio intorno al mio cranio)
  • Ringrazio (per ordine alfabetico) | A. B. C. D. E. F. G. H. I. J. K. L. M. N. O. P. Q. R. S. T. U. V. W. X. Y. e Z. | Senza di loro non avrei mai potuto scrivere questo diario. | Grazie. (Marcello Marchesi, Diario futile di un signore di mezza età)
  • Se bene lo ozio solo non fa ghiribizzi, | pure male si fanno e' ghiribizzi sanza ozio. (Francesco Guicciardini, Ricordi)