Età dell'oro

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
L'età dell'oro (John Lafarge, 1878)

Citazioni sull'età dell'oro.

  • Chi scrive versi o compone quadri e statue è spinto da un impulso insostenibile a far rinascere sulla terra l'età dell'oro: la fa rinascere nella sua opera, che è la stessa età dell'oro realizzata. (Pietro Citati)
  • Chi vuole far tornare l'età dell'oro, deve tenersi pronto per le ghiande come per l'onestà. (Bernard Mandeville)
  • Dicesi età dell'oro quella in cui oro non c'era. (Carlo Dossi)
  • Dove ci sono bambini c'è l'età dell'oro. (Novalis)
  • Imiteremo la stirpe aurea, imiteremo gli schiavi affrancati. Gli uomini di quel tempo avevano familiarità con Pudore, Rispetto e Giustizia, poiché si facevano bastare il frutto della terra. (Porfirio)
  • Mentre ero ancora preso da questa profonda impressione di una durata infinita e di un'esistenza statica, degna dell'età dell'oro, d'un tratto ricordai il mio orologio, e pensai al tempo accelerato dell'europeo. (Carl Gustav Jung)
  • Platone, nella sua descrizione dell'età dell'oro sotto Saturno, annovera fra i principali vantaggi dell'uomo di allora la possibilità che egli aveva di comunicare con le bestie, e informandosi e imparando da loro, conosceva le vere qualità e differenze di ciascuna di esse; in tal modo egli acquistava un'estrema perspicacia e saggezza mediante cui conduceva una vita di gran lunga più felice di quanto noi sapremmo fare. (Michel de Montaigne)
  • Se c'è un'età che dobbiamo chiamar d'oro, essa è senza dubbio quella che produce dovunque ingegni d'oro. (Marsilio Ficino)
  • Se si esamina la natura delle malattie, si vedrà che esse traggono origine dalle passioni e dalle pene dello spirito. L'età dell'oro, che ne era immune, era immune da malattie. (François de La Rochefoucauld)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]