Eugene Gladstone O'Neill

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Medaglia del Premio Nobel
Premio Nobel
Per la letteratura (1936)
Eugene O'Neill nel 1936.

Eugene Gladstone O'Neill (1888 – 1953), drammaturgo statunitense, premio Nobel per la letteratura.

  • Solo sul mare si è davvero liberi. [1]

Incipit de Il lutto si addice ad Elettra[modifica]

Esterno del palazzo dei Mannon, in un tardo pomeriggio dell'aprile 1865. In primo piano il viale a ferro di cavallo che porta al palazzo dai due ingressi sulla strada. Dietro di esso, il bianco portico in stile greco, con le sue sei colonne, occupa tutto lo sfondo della scena. Sul prato all'orlo del viale, presso l'angolo destro dell'edificio, si erge un grosso pino, il cui tronco sembra una colonna nera, in vivo contrasto con le bianche colonne del portico. Sull'orlo del viale, in primo piano a sinistra, vi è un folto cespuglio di lillà, di fronte ad esso, sul prato, una panca, e chi vi sieda è parzialmente riparato alla vista di chi guardi dal palazzo.

Note[modifica]

  1. Citato in Focus, n. 115, pag. 90

Bibliografia[modifica]

  • Eugene O'Neill, Il lutto si addice ad Elettra, traduzione di Bruno Fonzi, Einaudi, 1974.

Altri progetti[modifica]