Gian Burrasca (film 1982)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gian Burrasca

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Gian Burrasca

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1982
Genere commedia
Regia Pier Francesco Pingitore
Sceneggiatura Pier Francesco Pingitore
Interpreti e personaggi

Gian Burrasca, film italiano del 1982, regia di Pier Francesco Pingitore.

Frasi[modifica]

  • Ammazza quant'è gagliarda chissà quando costa sta votomobile (Giannino) [riferendosi ad un'automobile]
  • Vedi chi c'è fuma, fuma! [Giannino rivolgendosi allo scheletro]
  • Carloni! "La miglior vendetta è il perdono": tie'! Bèccate 'sta secchiata! (Giannino)
  • La coda der diavolo s'è magnato quer nipote mio. (Zia Bettina)
  • Ma si ricordi che piuttosto di mangiare sta minestra... Salto da'a finestra! (Giannino)

Dialoghi[modifica]

  • Il maestro: Stoppani! Tu uccidi quell'uomo...
    Giannino: Ma magari!
  • Giannino: Ma mica è colpa mia, è stato il carretto a rompere i piatti de l'i mort... dell'antenati tua.
    zia Bettina: E de tu' nonno.
  • Direttrice: Muoviti maiale! Il tuo posto è il porcile, vai!
    Giannino: Je devo salutà quarcuno?
  • Direttrice: Stoppani cosa c'è, non ti piace la minestra??
    Giannino: Ah, questa sarebbe la minestra?? E pe' secondo che ce date, stronzi co' patate??
  • Commendator Stoppani?: Apri la porta, apri!
    Giannino: No, tu m'ammazzi de botte
    Commendator Stoppani: Te giuro che nun t'ammazzo, te spacco l'osso.
  • Giannino: Me devi portà a scuola e far finta che sei mio padre
    Spezzafè: Macchè sei matto?
    Stoppani: Spezzafè, te do uno scudo d'argento
    Spezzafè: T'ho detto che vengo.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]