Eando Binder

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da John Coleridge)
Jump to navigation Jump to search
Il numero di giugno 1939 di "Science Fiction"

Eando Binder, pseudonimo usato dai due fratelli statunitensi Earl Andrew Binder (1904 – 1965) e Otto Oscar Binder (1911 – 1975). Earl ed Otto ("E and O") hanno assunto anche altri pseudonimi, come John Coleridge e Francis Turek.

Incipit di Pozione mortale[modifica]

Mastro Ichnor contemplò con orgoglio estatico filtri e pozioni sistemati, lindi e ordinati, su larghe mensole di legno. Infusi di piante rare e ingegnosi composti delicatamente profumati con mirra, legno di sandalo e coriandolo e distillati in un'atmosfera di magico incanto, possedevano il potere di modificare il corso della vita.
Il suo sguardo correva da una parte all'altra della credenza: un verde rame, un rosa corolla, un'ambra trasparente, un giallo scuro... ve ne erano di tutti i colori e per tutti gli usi. Alcuni erano filtri d'amore, altri medicamenti per la cura di afflizioni; e ancora, pozioni per reprimere passioni violente, infusi per provocarle, miscele che potevano spingere al male o al bene a seconda di come usate.

Bibliografia[modifica]

  • Eando Binder, Pozione mortale, traduzione di Gianni Pilo, in "Storie di streghe", a cura di Gianni Pilo, Newton & Compton, 1996. ISBN 8881834480

Altri progetti[modifica]