Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni.

Nikita (serie televisiva 1997, quinta stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Nikita (serie televisiva 1997).

Nikita, quinta stagione.

Episodio 1, Tutto come prima[modifica]

  • Non posso lasciarti andare via senza un regalo d'addio, un consiglio? Stai pensando di iniziare una nuova vita? Stai pensando di lasciarti alle spalle le violenze e la paura? Ti stai sbagliando di grosso. La verità è che qui eri protetta. I pericoli al Centro saranno anche peggiori, perché sono molto più subdoli. Stai molto attenta soprattutto a Mr. Jones, non è affatto quello che sembra. (Operations a Nikita)
  • Nikita: Sei nuova nell'ambiente, serve tempo.
    Quinn: Vai al diavolo!

Episodio 2, La ragazza che non c'era[modifica]

  • Sai perché mi sono uccisa? Avevo paura che Mr. Jones ascoltasse Nikita, risparmiandomi, se l'avesse fatto, saremmo stati separati per sempre. Nessuno di noi due poteva lavorare in modo soddisfacente da solo sapendo l'altro vivo... (Madeline/ologramma ad Operations)
  • Quinn: Mi dispiace so che è un momento difficile ma se c'è qualcosa che posso fare e non ho fatto basta che tu lo dica.
    Operations: Puoi riportare in vita i morti?
  • O'Brien: Termo, bioscan, sono entrambi negativi.
    Operations: Che intendi dire?
    O'Brien: Non c'è nulla qui, solo fiori. Vuoi che te ne porti qualcuno?

Episodio 4, Palcoscenico[modifica]

  • Non lo so! Io non sono quello che credi, non sono Mr. Jones. Sono un impostore, il mio... nome è Martin Henderson... per favore lasciami alzare. (Mick Schtoppel a Nikita)
  • Quinn: Dove stai andando?
    Nikita: Vado a dormire.
    Quinn: No, non puoi, abbiamo un lavoro da finire.
    Nikita: Sono stata in piedi tutta la notte.
    Quinn: Stiamo tutti collassando qui, nessuno si prende una pausa finché non avremo trovato il punto debole del Collettivo.
    Nikita: Ci vediamo fra quattro ore.
  • Quinn: Preoccuparsi per gli altri non è necessariamente una debolezza. Voglio che tu sappia che puoi contare su di me... per qualsiasi cosa tu abbia bisogno.
    Operations: Che cosa credi? Che venendo a letto con me ti sveglierai al mattino con il lavoro di Madeline?
    Quinn: Non posso essere attratta da te senza avere altri motivi?
    Operations: Potresti, ma non è così. È vero, Madeline ed io abbiamo trascorso occasionalmente del tempo alla torre, ma ciò non ha niente a che vedere con ciò che proviamo l'uno per l'altra.
    Quinn: Un vero peccato.
    Operations: Madeline non era chi era perché veniva a letto con me. Tu non sei ancora pronta per la torre.
  • Walter: Ok, avanti dimmi, sono tutto orecchi.
    Nikita: Penso che ho trovato "M", lei lavora per Mr. Jones.
    Walter: E?
    Nikita: Spero che mi guidi da mio padre. Sono... nervosa.
    Walter: Perché?
    Nikita: Finalmente sto per aprire la porta e non so che cosa troverò.
    Walter: La verità ti libererà.
    Nikita: Non in questo posto.

Episodio 5, L'eminenza grigia[modifica]

  • Mr. Jones: Alla fine ci incontriamo.
    Nikita: E tu sei... ?
    Mr. Jones: Dunque, puoi chiamarmi il vero Mr. Jones.
    Nikita: Ho bisogno di più di un nome.
    Mr. Jones: Molto bene. Sono il grande capo, l'uomo dietro alle quinte, l'eminenza grigia, come preferisci. Ora se abbiamo finito le presentazioni, è tempo di tornare al lavoro.
    Nikita: Vorrei delle risposte.
    Mr. Jones: No, mi dispiace, non c'è tempo.
  • Mr. Jones: ...Recupererai il contenuto e me lo porterai qui domani, chiaro?
    Nikita: Chiaro? Niente è chiaro, perché mi trovo qui?
    Mr. Jones: Tutto a suo tempo, hmm? Tutto a suo tempo. Nel frattempo dovrai fidarti di me.
    Nikita: Dammi una sola buona ragione. Perché dovrei?
    Mr. Jones: Arrivederci, Nikita.
  • Nikita: Dobbiamo parlare. Sette anni fa tu mi hai incastrata per un omicidio e portata in Sezione.
    Mr. Jones: Esatto.
    Nikita: Perché?
    Mr. Jones: Possiamo chiamarla genetica. Era abbastanza chiaro che tu avevi le abilità per succedere. Tu appartieni alla Sezione.
    Nikita: Nessuno appartiene alla Sezione.
    Mr. Jones: Nessuno vuole stare in Sezione, c'è una differenza.
    Nikita: Perché non mi hai contattata?
    Mr. Jones: Perché era importante che mi dimostrassi di avere le qualità ed il bisogno di contattarmi.
    Nikita: Dunque mi hai osservata per tutto il tempo?
    Mr. Jones: Naturalmente.
    Nikita: E quand'ero in pericolo?
    Mr. Jones: Avevo una regola, non interferire.
    Nikita: Sono tua figlia.
    Mr. Jones: Era importante che riuscissi con le tue sole forze. Era l'unico modo.
    Nikita: L'unico modo per cosa?
    Mr. Jones: Perché tu diventassi quella che sei diventata. Dovevi diventare più forte ed in grado di stare in piedi da sola.
    Nikita: E mia madre che viveva nella strada, qual era la scusa per lei?
    Mr. Jones: Non potevo intervenire per ragioni di sicurezza.
    Nikita: Davvero conveniente.
    Mr. Jones: No, non è stato affatto conveniente, è stato penoso.
    Nikita: Vuoi che ti dica quanto ti ammiro per il tuo sacrificio?
    Mr. Jones: No. Hai solo il broncio perché il papà non ti ha portata allo zoo. Non siamo gente ordinaria, tu ed io. Ci sono certe cose che dobbiamo fare.
    Nikita: Perché noi?
    Mr. Jones: Perché non c'è nessun altro che può farlo.
  • Nikita: Hai precedentemente detto qualcosa sul fatto che dovevo diventare quello per cui ero predisposta. Che cosa intendevi?
    Mr. Jones: Ah, sì, sì... beh è stato qualcosa di prematuro, non avrei dovuto dirlo.
    Nikita: Ma l'hai fatto.
    Mr. Jones: Sì, l'ho fatto. È abbastanza semplice, io sono un uomo anziano, non rimarrò qui per sempre.
    Nikita: Credi che prenderò il tuo posto? Pensi di poter far passare la cosa come una successione di un'attività familiare?
    Mr. Jones: Perché no?
    Nikita: Per una ragione: io non intendo passare il resto della mia vita qui.
    Mr. Jones: Nikita, io credo che... con il passare del tempo realizzerai che non ci sono alternative.
    Nikita: C'è sempre un'alternativa.
  • Graff: Sei davvero qui per unirti a noi?
    Michael: Ad una condizione.
    Graff: Quale?
    Michael: C'è un'operativa della Sezione chiamata Nikita, non dovrà essere toccata, se volete il mio aiuto questo è il prezzo.
    Graff: D'accordo, Michael Samuelle, Nikita vivrà e la Sezione morirà.

Episodio 6, Il male degli uomini[modifica]

  • Hai davvero fiducia nel potere che hai su di lui, non è così? Ma quanto potere ha lui su di te? (Mr. Jones a Nikita)
  • Nikita: Se mi vuoi morta, abbi almeno il coraggio di farlo faccia a faccia.
    Operations: Se pensassi che tu hai abbastanza coraggio per affrontarmi, ne sarei tentato.
  • Mr. Jones: Sarebbe stato meglio che mi avessi parlato tu stessa di Michael.
    Nikita: Non potevo.
    Mr. Jones: No, suppongo di no. Beh, io posso sorvolare sulla questione ma non so se gli altri possono farlo.
    Nikita: Gli altri?
    Mr. Jones: Nikita, io sono il capo del Centro, non sono un re! Ho dei colleghi che dovranno essere informati. Michael Samuelle dovrà essere ritrovato e per quanto ti riguarda... vedremo, non credi?
    Nikita: Michael non è la talpa!
  • Mr. Jones: Avevi ragione a proposito della missione in Zagreb, ha tentato di ucciderti.
    Operations: Ti sta preparando per la Supervisione ed il Centro, quello per cui ho lavorato per tutta la mia vita.
    Mr. Jones: Paul, tu non sei qualificato.
    Operations: E lei lo è?!
    Nikita: Io non lo voglio.
    Mr. Jones: Ti stanno aspettando al contenimento.
    Nikita: Aspetta! Se vuoi vivere aspetta.
    Nikita: Abbiamo subito fin troppe perdite ultimamente. Non c'è ragione di uccidere qualcun altro.
    Mr. Jones: Se lui vive tu non sarai mai al sicuro.
    Nikita: Se morirò per qualsiasi ragione uccidilo, questo allontanerà le sue ragioni, nel frattempo avremo il beneficio delle sua esperienza e della sua abilità.

Episodio 7, Il figlio[modifica]

  • Padre! La Sezione Uno sta naufragando e Michael ci sta lanciando un salvagente. Potrebbe essere la nostra unica possibilità di salvezza. (Nikita a Mr. Jones)
  • Nikita: Vuoi farlo davvero?
    Michael: Lo voglio...
  • Operations: ... Le cose sono cambiate. Mr. Jones ha assunto un ruolo più attivo. A proposito, il vero Mr. Jones non era Mick Schtoppel alla fine.
    Michael: E chi è?
    Operations: Il padre di Nikita, non lo sapevi?
    Michael: No.
    Operations: Ahah... ma ti prego, ma è impossibile, non ci posso credere... sei una persona troppo intelligente e cosa c'è di più intelligente di portarsi a letto la figlia del capo.
    Michael: Vuoi che faccia rapporto?
    Operations: Mi daresti informazioni utili ma non abbastanza da non perdere capacità contrattuale.
    Michael: Questo è ovvio.
    Operations: Ho giocato troppe volte a questo gioco, mi ha stancato, adesso comandano Mr. Jones e Nikita perciò vai a giocare con loro.
  • Mr. Jones: ... Se tu te ne andrai, Nikita resterà!
    Michael: È una sua decisione?
    Mr. Jones: No è una mia decisione. La locazione di Adam è in un file criptato, Operations la può recuperare, io te la comunicherò, tu raggiungerai tuo figlio mentre Nikita resterà qui con me. Ci stai?
    Michael: No. Starà a Nikita scegliere.
    Mr. Jones: Supponiamo che io non le dia modo di scegliere.
    Michael: Non mi farà del male, né mi separerà da Adam.
    Mr. Jones: Perché non dovrei farlo?
    Michael: Perché perderebbe Nikita e questo non lo sopporterebbe. Aspetto l'ubicazione di Adam per questa sera.
  • Nikita: Ho mentito.
    Michael: Lo so.
  • Michael: Vieni con me.
    Nikita: Per Adam non potrò mai prendere il posto di Elena.
    Michael: Non devi, devi essere te stessa.
    Nikita: Una casetta con la staccionata bianca? Una monovolume? E magari un cucciolo di cocker?
    Michael: Perché no? Potremmo anche avere dei figli nostri.
    Nikita: Ho paura... d'aver perso il coraggio di sognare, Michael...
    Michael: Non si tratta di un sogno, diventerà realtà...
  • Michael: Devo andare.
    Nikita: Hai contattato il collettivo? Ti hanno detto cosa vogliono?
    Michael: So già cosa vogliono.
    Nikita: Ti uccideranno.
    Michael: Se non vado uccideranno Adam.
    Nikita: Lo uccideranno in ogni caso.
    Michael: Forse no. È troppo piccolo per capire che cosa ha visto, per loro è inoffensivo.
    Nikita: Voglio venire con te.
    Michael: Non servirebbe a niente.
    Nikita: È meglio se vengo anch'io.
    Michael: No... Se Adam viene liberato devi trovarlo e occuparti di lui. Addio Nikita.

Episodio 8, Ogni cosa a suo tempo[modifica]

  • Michael: Penseremo ad un altro piano.
    Nikita: Che genere di piano?
    Michael: Non lo so.
    Nikita: È mio padre, Michael!
    Michael: Bell'esempio di padre.
    Nikita: Non lo consegnerò nelle mani del Collettivo per essere torturato ed ucciso.
    Michael: Adam è mio figlio... non lascerò che muoia.
  • Mr. Jones: È l'unica chance che ha Adam e Michael ha accettato.
    Nikita: Michael non ha scelta! Tu sì.
    Mr. Jones: Mia cara ragazza nessuno di noi ha scelta, tanto meno io.
    Nikita: Credi che dopo la partenza di Michael resterò e guiderò la Sezione?
    Mr. Jones: Beh... vedremo. Ah, la risposta che aspettavamo dal Collettivo.
    Nikita: Non succederà mai.
    Mr. Jones: Vedremo.
  • Mr. Jones: Mi dispiace, ho mentito. Non sei tu, è me che vogliono. Chiedo scusa per tutta questa messa in scena, ma lo sapete, dovevo essere convincente. Siamo costantemente sotto osservazione dei miei colleghi, che non mi avrebbero mai permesso di consegnarmi. Tutto dipende da te, Nikita. Mi devi promettere che tornerai alla Sezione e sarai il nuovo Operations, e che alla fine prenderai il mio posto come avevo sempre pianificato. Non posso andare da loro se tu non dici di sì.
    Nikita: Sì.
    Mr. Jones: Bene. Un giorno capirai di aver preso la decisione giusta. Ti devi sempre fidare di tuo padre.
  • Nikita: Secondo mio padre, sono nata per questo.
    Michael: Verrà il giorno in cui Adam non avrà più bisogno di me...
    Nikita: Saprai dove trovarmi.
    Nikita: Ti amo.
    Michael: Ti amo anch'io.

Altri progetti[modifica]

Medaglia di Wikiquote
Questa è una voce in vetrina, il che significa che è stata identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 4 dicembre 2008.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri · Elenco voci in vetrina