Richard Prather

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Non passa più)
Jump to navigation Jump to search

Richard Scott Prather conosciuto anche con gli pseudonimi di David Knight e Douglas Ring (1921 – 2007), scrittore di gialli statunitense.

Non passa più[modifica]

Incipit[modifica]

Quando entrai al Jazz Pad, Lilli Lorraine stava cantando a piena voce e le parole rimanevano sospese nell'atmosfera fumosa e rovente del locale.
Lilli era al centro della pista da ballo avvolta dal fascio azzurro di un piccolo riflettore, il capo all'indietro, gli occhi chiusi, le labbra che baciavano le consonanti e mordicchiavano roche vocali. Era una cantante piena di fascino, di fascino sensuale, e quando incominciò a cantare Un uomo e una donna, nessuno osò più alzarsi, ed io pensai che se avesse cantato l'inno nazionale, gli Stati Uniti avrebbero dovuto cambiarlo.

Citazioni[modifica]

  • Non avevo mai visto quegli occhi ma ne avevo visto di molto simili. Erano profondi e vuoti come lo spazio e freddi cme il centro dell'inferno (io immagino che l'inferno sia freddo). Il fuoco è energia, entusiasmo, forza, calore e in quegli occhi non c'era nulla di tutto questo, tantomeno calore. Sembravano strappati ad un cadavere. (p. 22)
  • La morte, la conoscenza della morte, la familiarità con la morte, avevano potuto rendere i suoi occhi così freddi. (p. 22)
  • Le tenebre mi fluttuavano intorno come un temporale e mi avvolsero, e tutto si fece buio. La pace è meravigliosa. (p. 27)

Bibliografia[modifica]

  • Richard S. Prather, Non passa più (The Meandering Corpse), traduzione di Maria Luisa Cesa Bianchi, Longanesi & C., Milano 1967.

Altri progetti[modifica]