Pat Cash

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Pat Cash agli US Open 2010

Patrick Hart Cash (1965 – vivente), allenatore di tennis ed ex-tennista australiano.

Citazioni di Pat Cash[modifica]

  • Credo che Djokovic sia migliore di Federer soprattutto perché ha degli avversari di maggior rilievo. Murray e Nadal sono in grandissima forma, c'è Del Potro e altri giocatori molto pericolosi. In questo momento il livello di tennis è molto più alto e ed per questo che dico che Djokovic è migliore.[1]
  • Dovevo giocare una esibizione a Mallorca con Becker. Mezz'ora prima della partita, Boris si nega, per una bua. Giocherai con un ragazzino quattordicenne, l'unico tennista disponibile, mi dicono. Vado in campo preoccupato di fargli fare qualche game, perché magari non mi si metta a piangere. Perdo facile, in due set, e solo allora gli domando come si chiami: Rafael Nadal.[2]
  • Fare arrivare aiuti al Terzo Mondo? C'è tanta di quella corruzione in quei Paesi che perfino quella è una vera impresa![3]
  • Federer ha alzato il livello, nessun dubbio su questo, e l'ha alzato rapidamente. È un bellissimo giocatore. Può fare tutto. Alcuni giocatori compaiono e cambiano il gioco. Bjorn Borg l'ha fatto, Lendl l'ha fatto, Federer l'ha fatto. È comparso e aveva tutto. È bello da vedere, così elegante, e il modo in cui si muove è fenomenale. Amo guardare come si muove. È diverso, con colpi molto fluidi. Tecnicamente, ci sono cose misteriose nel suo gioco – è stato il primo giocatore a fare certe cose, soprattutto con la posizione della testa. La cosa principale è la posizione della testa, dato che dopo l'impatto con la pallina tiene la testa ferma, il che è molto raro. Difficilmente si vede una cosa così. È come se la sua testa fosse fissa. Una cosa è guardare la pallina fino al momento dell'impatto, un'altra è tenere la testa bloccata dopo il colpo. È incredibilmente flessibile.[4]
  • Federer ha la stessa aura che avevano Borg e Lendl. Quando entra lui negli spogliatoi c'è lo stesso, rispettoso, silenzio. Non ha un buco nero evidente, nel suo gioco, ed è quasi imbattibile. A meno che non l'attacchi rischiando ogni colpo.[5]
  • Il tennis femminile sono due set di immondizia che durano appena mezz'ora.[6]
  • Io chiamo il tennis "il McDonald's degli sport". Vai là dentro, ti mangiano in un boccone e sei fuori.
I call tennis the McDonald's of sport – you go in, they make a quick buck out of you, and you're out.[7]
  • La cosa triste è che questi giocatori di tennis non crescono come normali essere umani. Forse sono molto bravi nel prendere aerei e prenotare hotel, ma finisce lì.[8]
  • La volée corre il grave pericolo di essere cancellata dal gioco.[9]
  • Non posso pensare a trent'anni di essere ancora su un campo da tennis. Preferirei essere su una spiaggia a bere birra con gli amici.[10]
  • [su Lleyton Hewitt] Se gli dai una racchetta di legno con un piattocorde più piccolo, sarebbe un giocatore medio.[8]
  • Senza Federer il tour del tennis non sarebbe interessante. A mio avviso è il tennista più interessante e l'unico con uno stile inconfondibile, in grado di controllare ogni colpo. [...] Roger ha salvato il tennis, così come negli Novanta lo aveva salvato Agassi.[11]
  • [Su Marcelo Ríos] Uno dei migliori giocatori che io abbia mai visto. Fenomenale. Aveva un controllo come quello di John McEnroe. Ha sciupato decisamente il suo talento eppure è arrivato a N. 1. Adoravo vederlo giocare. Era brillante. Colpiva la palla da qualsiasi posizione, qualsiasi... Ho giocato in doppio con lui una volta, a Scottsdale nel '95 o '96. Quando stavo cercando di rientrare, una delle tante volte, ci siamo allenati insieme per un po'. E quando mi allenavo con lui, bé, non ho mai corso cosí tanto in tutta la mia vita, e mi sono allenato con parecchi top players. Colpiva la palla da tutte le posizioni e mi mandava dappertutto! Andavamo d'accordo, anche. So che molti avevano dei problemi con lui e a molti stava sulle scatole. Ma con me, no problem. Ci siamo divertiti insieme, ci siamo allenati e mi piaceva il suo gioco. Siamo stati bene e credo anche abbia apprezzato qualcuno che era gentile con lui.[12]

Citazioni su Pat Cash[modifica]

  • Pat il trasgressivo, con l'orecchino, i capelli lunghi, la passione per il rugby australiano (pericolosissimo, una sorta di rissa sul campo) e una vita disordinata da star del rock. Ogni tanto si è esibito anche alla chitarra. E difficile lasciare le luci della ribalta ora che si è probabilmente accorto di aver scialacquato il modo migliore per rimanerci, con le vittorie nel tennis. (Roberto Lombardi)
  • Quella fascetta a scacchi, quella scalata sulle tribune di Wimbledon. Quel suo modo, tra il playboy e l'ombroso, di sbertucciare il malefico Lendl nella sacra finale erbivora. Serve and volley paradigmatico. Era ancora un tempo in cui gli australiani giocavano così e non come Hewitt. Era buontempo. (Andrea Scanzi)

Note[modifica]

  1. Citato in Davide Uccella, Cash: "Djokovic meglio di Federer". Moya: "Andiamoci piano", Ubitennis.com, 28 ottobre 2011.
  2. Citato in Gianni Clerici, I colpi del giovane Nadal, la Repubblica, 26 giugno 2003.
  3. Citato in Ubaldo Scanagatta, Federer e Agassi i campioni più generosi, Ubitennis.com, 9 novembre 2012.
  4. Da Tennis Space; citato in Cash: "Come si muove Federer!" Becker: "Non ha un punto debole", Ubitennis.com, 4 dicembre 2013.
  5. Citato in Vincenzo Martucci, Laver: «Un onore essere paragonato a lui», Gazzetta dello Sport, 4 luglio 2005.
  6. Citato in Piero Pardini, Citazioni a bordo campo, Ubitennis.com, novembre 2008.
  7. (EN) Citato in Ned Sherrin, Oxford Dictionary of Humorous Quotations, Oxford University Press, 2008, p. 320. ISBN 978-0-19-923716-6
  8. a b Citato in Piero Pardini, Citazioni a bordo campo, Ubitennis.com, agosto 2008.
  9. Citato in Piero Pardini, Citazioni a bordo campo, Ubitennis.com, settembre 2008.
  10. Citato in Roberto Lombardi, Edberg, il tennis inox, Corriere della sera, 29 agosto 1996.
  11. Citato in Marco Falbo, "Federer ha salvato il tennis", Credit Suisse, 17 aprile 2012.
  12. Citato in Stefano Grazia, Marcelo Rios, un genio della racchetta, Servizi Vincenti, 12 febbraio 2008.

Altri progetti[modifica]