Carlo Pfister: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Faccio di tre citazioni di Martino Aichner una sottosezione
(Inserimento citazione)
(Faccio di tre citazioni di Martino Aichner una sottosezione)
'''Carlo Pfister''' (1916 – 1943), militare e aviatore italiano.
 
===[[Martino Aichner]])===
*Alla 278ª squadriglia era stato assegnato da poco tempo il sottotenente Carlo Pfister; bello e affascinante con quella sua vena di malinconico scetticismo, era il conquistatore delle platee femminili. Erede di una famiglia patrizia di Genova, di origine svizzera, era venuto a far la guerra per dimostrare agli altri e a se stesso di aver qualcosa di suo da dire al mondo senza dover ricorrere agli antenati. Era un pilota validissimo e forse il più coraggioso di tutti: non conosceva la paura e riusciva a dimostrarlo senza ostentazione. Lo vidi più volte prima, durante e dopo l'azione, e il suo viso era sempre disteso, tranquillo, sicuro; credo che le pulsazioni del suo cuore avessero lo stesso ritmo durante la battaglia come durante la siesta. Purtroppo dovetti partecipare al riconoscimento della sua salma, assieme a [[Giulio Cesare Graziani|Graziani]], Baudazzi e al cappellano quando egli precipitò nei pressi di Caltagirone, nell'inverno del 1942. ([[Martino Aichner]])
 
*C'era una gara per chi riusciva a volare più basso sull'acqua e sulla terra e bisognava fornire le prove: [[Carlo Faggioni|Faggioni]] qualche tempo prima era rientrato con una coda bagnata; Pfister gli aveva risposto portando a casa delle spighe di frumento tra gli sportellini del ruotino posteriore. Era evidente che io li avevo battuti tutti e due. ([[Martino Aichner]])
*Alla 278ª squadriglia era stato assegnato da poco tempo il sottotenente Carlo Pfister; bello e affascinante con quella sua vena di malinconico scetticismo, era il conquistatore delle platee femminili. Erede di una famiglia patrizia di Genova, di origine svizzera, era venuto a far la guerra per dimostrare agli altri e a se stesso di aver qualcosa di suo da dire al mondo senza dover ricorrere agli antenati. Era un pilota validissimo e forse il più coraggioso di tutti: non conosceva la paura e riusciva a dimostrarlo senza ostentazione. Lo vidi più volte prima, durante e dopo l'azione, e il suo viso era sempre disteso, tranquillo, sicuro; credo che le pulsazioni del suo cuore avessero lo stesso ritmo durante la battaglia come durante la siesta. Purtroppo dovetti partecipare al riconoscimento della sua salma, assieme a [[Giulio Cesare Graziani|Graziani]], Baudazzi e al cappellano quando egli precipitò nei pressi di Caltagirone, nell'inverno del 1942. ([[Martino Aichner]])
*C'era una gara per chi riusciva a volare più basso sull'acqua e sulla terra e bisognava fornire le prove: [[Carlo Faggioni|Faggioni]] qualche tempo prima era rientrato con una coda bagnata; Pfister gli aveva risposto portando a casa delle spighe di frumento tra gli sportellini del ruotino posteriore. Era evidente che io li avevo battuti tutti e due. ([[Martino Aichner]])
*C'erano nuvole basse e [[Giulio Cesare Graziani|Graziani]], Pfister e io dovevamo trasferirci con tre velivoli da Trapani a Catania. Graziani e io passammo dal mare, a sud di Siracusa, attenti a non incappare nei palloni frenati, alzati a protezione del porto di Augusta. Pfister volle tagliare tra i monti; aveva già superato la parte più difficile, infilandosi nelle valli tra le sfrangiature delle nuvole, aveva sorvolato Caltagirone da poche decine di metri, e proprio sulla sella, dove si apre la pingue, verde piana di Lentini, l'ala aveva toccato terra in piena velocità e l'aeroplano si era letteralmente sbriciolato seminando nei campi per centinaia di metri rottami, masserizie ed i corpi orribilmente mutilati dei nostri compagni. le salme dei componenti dell'equipaggio erano state raccolte e portate al cimitero dove ci recammo per il riconoscimento: fu lo spettacolo più tragico, più triste e più sconvolgente della mia vita.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w}}
17 350

contributi

Menu di navigazione