Carlo Porta: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Nessun cambiamento nella dimensione ,  3 anni fa
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette.)
*''El serà vera fors quell ch'el dis lu | che Milan l'è on paes che mett ingossa, | che l'aria l'è malsana, umeda, grossa, | e che nun Milanes semm turlurù...''. (da ''Le poesie'', citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993)
*''N'han miss tucc in stat de perfezion, | Col degiun, col silenzi, col trann biott | E col beato asperges del baston''. (da ''Catolegh, apostolegh e roman'', in "Poesie di C. P. rivedute sugli originali e annotate da un milanese", Milano, 1887, p. 613)
*''Per mí l'[[acqua]], se l'è bona, | l'è domà per lavà i piatt''. (da ''Brindes de Meneghin all'ostaria'', in ''Poesie'')
:Per me l'[[acqua]], se è buona, lo è soltanto per lavare i piatti.
*''Sissignor, sur Marches, lu l'è marches, | Marchesazz, marcheson, marchesonon, | E mì sont Carlo Porta milanes, | E bott lì, senza nanch on strasc d'on'' Don. (citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 468)
*''Saran fior, ma i mee camis | hin tutt lis – per el brusacc | che gh'è dent in quella fotta | che pergotta – del pissacc.'' (da ''Sissignor! Saran fors anch'', in ''Poesie'')
Utente anonimo

Menu di navigazione