Differenze tra le versioni di "Good Omens (miniserie televisiva)"

Jump to navigation Jump to search
*'''Ufficiale della dogana''': Motivo della visita nel Regno Unito?<br/>'''Anathema''': Oh, solo per far avverare una vecchia profezia di famiglia. Devo usare tutta la saggezza e stregoneria a mia disposizione per trovare il nucleo dell’oscurità e fare il possibile per distruggerlo prima che causi la fine del mondo.<br/>'''Ufficiale della dogana''': Come, scusi?<br/>'''Anathema''': Vacanza.
 
*'''Newt''': Lei è un generale dei cacciatori di streghe?<br/>'''Shadwell''': Ah, io no. Purtroppo non ci sono più generali, non ci sono più colonnelli, non ci sono più maggiori, non ci sono più nemmeno capitani. Ma c’è un sergente dei cacciatori di streghe, e lo stai guardando ora. {{NDR|gli consegna un biglietto da visita}}<br/>'''Newt''': Molto lieto, signor Shadwell.<br/>'''Shadwell''': {{NDR|ordinando a un venditore ambulante}} Una tazza di tè con nove zollette, e un pacchetto di patatine con formaggio e cipolla. {{NDR|a Newt}} Apri il portafogli, ragazzo. Consiglio, non devi mai mostrarti tirchio al primo incontro. E non chiamarmi signor Shadwell, ma Sergente. Sergente dei Cacciatori di Streghe. Tu come ti chiami, ragazzo?<br/>'''Newt''': Newton. Newton Pulsifer.<br/>'''Shadwell''': Pulsifer? E’ un nome familiare, ora che lo dici. Hai tutti i tuoi denti?<br/>'''Newt''': Eh… sì.<br/>'''Shadwell''': E quanti capezzoli hai?<br/>'''Newt''': {{NDR|confuso}} Cosa?<br/>'''Shadwell''': I capezzoli, quanti ne hai?<br/>'''Newt''': Ehm.. ecco… i soliti due.<br/>'''Shadwell''': Ah… {{NDR|dandogli un giornale}} vieni qui, domani mattina alle undici. Porta le forbici. {{NDR|se ne va<br/>'''Newt''': {{NDR|leggendo sul giornale}} “Cercasi collaboratore per combattere le forze oscure, uniforme e addestramento gratuiti, promozione sul campo sicura, sii uomo”.
 
*'''Voce di Dio''': {{NDR|fuoricampo, mentre Crowley nel suo appartamento innaffia delle piante}} Le uniche cose a cui Crowley dedica ogni attenzione nel suo appartamento sono le piante. Negli anni Settanta aveva sentito dire che si può conversare con le piante e gli era sembrata un’idea eccellente. Anche se “conversare” forse non è la parola esatta nel caso di per Crowley.<br/>'''Crowley''': {{NDR|vede una macchia sulla foglia e si rivolge alle piante, minacciosamente}} Questa è una macchia? E’ esatto? {{NDR|le piante si mettono a tremare convulsamente}} Voi sapete cosa vi ho detto riguardo alle macchie sulle foglie, sapete che io non le sopporto! {{NDR|prendendo la pianta con la foglia macchiata e parlandole}} Lo sai cosa c’è? Mi hai veramente deluso. Oh sì, oh sì… {{NDR|rivolto a tutte le piante, mostrando loro quella macchiata}} allora! Salutate la vostra amica, non ha superato la prova. {{NDR|alla pianta macchiata, cominciando ad avviarsi nel corridoio}} Farà molto più male… a te che a me. Più a te che a me. {{NDR|tornando indietro e urlando alle altre piante}} E voi altre, CRESCETE MEGLIO! {{NDR|esce dalla stanza e si sentono dei rumori di trapano}}<br/>'''Voce di Dio''': {{NDR|fuoricampo}} Quello che fa è incutere in loro il timore di Dio. O, più precisamente, il timore di Crowley. Le sue piante sono le più verdi e lussureggianti di tutta Londra. E anche le più spaventate. {{NDR|Crowley torna indietro e mostra alle piante il vaso che conteneva la piantina macchiata, ora vuoto}}
 
*{{NDR|a bordo della Bentley}}<br/> '''Azraphel''': Hai perso il bambino-<br/>'''Crowley''': Lo abbiamo perso.<br/>'''Azraphel''': Un bambino è stato perso. Ma tu sai bene-<br/>'''Crowley''': Noi sappiamo.<br/>'''Azraphel''': -la sua età, ha compiuto undici anni.<br/>'''Crowley''': {{NDR|sarcastico}} La fai facile.<br/>'''Azraphel''': Beh, difficile non è. Se non gli è successo niente.<br/>'''Crowley''': A lui non è successo niente, lui farà succedere tutto.<br/>'''Azraphel''': Allora, prima noi troviamo il suo certificato di nascita negli archivi dell’ospedale.<br/>'''Crowley''': E poi cosa?<br/>'''Azraphel''': E poi troviamo il bambino.<br/>'''Crowley''': E poi cosa?<br/>'''Azraphel''': Attento al pedone!<br/>'''Crowley''': Quello cammina in mezzo alla strada, saprà cosa rischia!<br/>'''Azraphel''': Sì, va bene, ma tu guarda davanti! Dove si trova l’ospedale, a proposito?<br/>'''Crowley''': Vicino a Oxford, a Tadfield.<br/>'''Azraphel''': Non puoi andare a novanta miglia oraria al centro di Londra!<br/>'''Crowley''': Perché no?<br/>'''Azraphel''': Ci ammazzeremo! Cioè… ci smaterializzeremo, insomma.
 
*{{NDR|presentazione di Wensleydale}} Il nome di battesimo di Wensleydale era Jeremy, ma nessuno lo usava mai. Nemmeno i suoi genitori, che lo chiamavano Giovanotto. L’incontro tra Wensleydale ed economia e commercio era solo questione di tempo. ('''Dio''')
283

contributi

Menu di navigazione