Differenze tra le versioni di "Eduardo De Filippo"

Jump to navigation Jump to search
→‎Citazioni di Eduardo De Filippo: +1. I riferimenti bibliografici resi disponibili da Google Book (Informazioni su questo libro).
(→‎Citazioni di Eduardo De Filippo: +1. I riferimenti bibliografici resi disponibili da Google Book (Informazioni su questo libro).)
*'A vita è tosta e nisciuno ti aiuta, o meglio ce sta chi t'aiuta ma una vota sola, pe' puté di': «t'aggio aiutato»...<ref>Dalla commedia ''Questi fantasmi!'', in ''Cantata dei giorni dispari''.</ref>
*«C'aggi' 'a fa'? Tu saie tutto... Saie pure pecchè me trovo int' 'o peccato. C'aggi' 'a fa'?» Ma essa zitto, nun rispunneva. (''Eccitata'') «E accussì ffaie, è ove'? Cchiù nun parle e cchiù 'a gente te crede?... Sto parlanno cu' te! (''Con arroganza vibrante'') Rispunne!». (''Rifacendo macchinalmente il tono di voce di qualcuno a lei sconosciuto che, in quel momento, parlò da ignota provenienza'') «'E figlie so' ffiglie!». Me gelaie. Rummanette accussì, ferma. (''S'irrigidisce fissando l'effige immaginaria'') Forse si m'avutavo avarria visto o capito 'a do' veneva 'a voce: 'a dint' a na casa c' 'o balcone apierto, d' 'o vico appriesso, 'a copp' a na fenesta... Ma penzaie: «E pecchè proprio a chistu mumento? Che ne sape 'a ggente d' 'e fatte mieie? È stata Essa, allora... È stata 'a [[Maria|Madonna]]! S'è vista affrontata a tu per tu, e ha vuluto parlà... Ma, allora, 'a Madonna pe' parlà se serve 'e nuie... E quanno m'hanno ditto: "Ti togli il pensiero!", è stata pur'essa ca m' 'ha ditto, pe' me mettere 'a prova!... E nun saccio si fuie io o 'a Madonna d' 'e rrose ca facette c' 'a capa accussì! (''Fa un cenno col capo come dire: "Si, hai compreso"'') 'E figlie so' ffiglie!» E giuraie.<ref>Filumena Marturano: da ''Filumena Marturano'', in Rodolfo Di Giammarco, ''Grandi monologhi del teatro contemporaneo'', Gremese Editore, 1999.</ref>
*{{NDR|Su [[Sergio Bruni]]}} Dicono che tu sei la voce di Napoli, ma dicono pure che Napoli sono io. Allora tu sei la voce mia.<ref>Citato in [[Gino Castaldo]], ''Il romanzo della canzone italiana'', Einaudi, Torino, 2018, [https://books.google.it/books?id=zptIDwAAQBAJ&lpg=PT6&dq=it&pg=PT6#v=onepage&q&f=false p. 6].</ref>
*È facile scrivere una [[commedia]] "impegnata"; è assai più difficile "impegnare" il pubblico ad ascoltarla.<ref>Citato in ''Napoli, punto e basta?'', p. 500.</ref>
*''[[Napoli|Napule]] è 'nu paese curioso: | è 'nu teatro antico, sempre apierto. | Ce nasce gente ca senza cuncierto''<ref>Senza preparazione.</ref>'' | scenne p' 'e strate e sape recita'.''<ref>Citato in [[Enzo Biagi]], ''Italia'', Rizzoli, Milano, 1975, p. 177. Nel libro: «''Napule è un paese curioso | è nu teatro antica... sempre apierto | ce nasce gente ca senza cuncerto | scenne p' strade e sape recità.''»</ref>

Menu di navigazione