Differenze tra le versioni di "Leonardo Sciascia"

Jump to navigation Jump to search
Gioiosa Marea (Messina) è la sede della casa editrice; in qualche repertorio bibliogr. leggo Gioiosa Patti.
(Gioiosa Marea (Messina) è la sede della casa editrice; in qualche repertorio bibliogr. leggo Gioiosa Patti.)
*La sicurezza del [[potere]] si fonda sull'insicurezza dei cittadini. (da ''Il cavaliere e la morte'')
*La tua preoccupazione e il tuo sgomento non vengono dallo scoprirmi in contraddizione: sono un modo e del tuo modo di vivere il comunismo, e del tuo modo di intendere l'amicizia. Tu dici "La notizia della tua candidatura nel PR mi ha fatto riflettere sulla misura e qualità della mia amicizia per te". Al contrario, il tuo essere comunista negli anni del realismo socialista, durante la polemica Vittorini-Togliatti, di fronte ai fatti d'Ungheria e di Cecoslovacchia, in questi anni di compromesso storico, non mi hanno mai fatto riflettere sull'amicizia che sentivo per te anche prima di conoscerti e che poi ha trovato conferma nel conoscerti [...] Un mio concittadino usava chiudere le discussioni con questa frase: "Siamo d'accordo, ma la pensiamo diversamente". Anche noi, caro Renato, siamo d'accordo su tante cose: ma la pensiamo diversamente. Contentiamoci dell'essere d'accordo su qualche punto. E continuiamo, finché si può, a pensarla diversamente. (dalla Lettera di Leonardo Sciascia a Renato Guttuso, pubblicata su la Repubblica, maggio 1979.)
*Mi ripugna quando mi sento dire che sono un garantista. Io non sono un [[garantismo|garantista]]: sono uno che crede nel diritto, che crede nella giustizia.<ref>Citato in Claude Ambroise e Lia Fava Guzzetta, [https://books.google.it/books?id=R0FdAAAAMAAJ&q=%22Io+non+sono+un+garantista:+sono+uno+che+crede+nel+diritto,+che+crede+nella+giustizia%22&dq=%22Io+non+sono+un+garantista:+sono+uno+che+crede+nel+diritto,+che+crede+nella+giustizia%22&hl=en&sa=X&ved=0ahUKEwi1n_3JrPboAhUGXpoKHeHvDAYQ6AEIJzAA ''Nelle regioni dell'intelligenza: omaggio a Leonardo Sciascia''], ''Il Convegno'', vol. XIII, Pungitopo Editore, Gioiosa Marea (Messina), 1992, p. 49. OCLC 30133458. Citato, inoltre, in Massimo Bordin, [https://www.ilfoglio.it/bordin-line/2018/06/19/news/a-proposito-di-garantismo-201133/ ''A proposito di garantismo''], ''Il Foglio'', 19 giugno 2018.</ref>
*Nessuna crisi può segnare il punto del cedimento per un uomo, per un artista, il cui elemento di vita è appunto la crisi. Guttuso è sempre in crisi: sicché nessuna crisi può coglierlo con insidia o alla sprovvista. Il suo essere pittore è una passione, una febbre – cioè, propriamente, una crisi. (''La semplificazione delle passioni'', in ''Catalogo della Mostra antologica dell'opera di Renato Guttuso'', Palermo, Palazzo dei Normanni, 1971.)
*{{NDR|Su [[Mario Bardi]]}} Non c'è niente nella sua pittura che la Sicilia, a riscontro, non possa spiegare: e non soltanto negli avvenimenti, nei fatti, ma anche e soprattutto nel modo di essere, e nel suo modo di essere pittore.<ref name=bardi>Da ''Non c'è niente nella sua pittura che la Sicilia non possa spiegare'', 1967; in ''[http://www.mariobardi.it/bibliografia.htm#Sciascia MarioBardi.it]''.</ref>

Menu di navigazione