Differenze tra le versioni di "Jean-Jacques Rousseau"

Jump to navigation Jump to search
m
ref
m (ref)
*Se ci fosse un popolo di dei, si governerebbe [[democrazia|democraticamente]]. Un governo così perfetto non è adatto agli uomini. (III, 4)
*Se anche [[Sparta]] e [[Roma]] sono perite, quale [[Stato]] può sperare di durare in eterno? (III, 11)
*Ricordatevi che le mura delle città si fanno con le macerie delle case di campagna. (III, 13)<ref>Citato in ''Dizionario delle citazioni'', a cura di Italo Sordi, BUR, 1992. ISBN 14603-X<name=sordi/ref>
*I depositari del potere esecutivo non sono i padroni del popolo, bensì i suoi [[Funzionario|funzionari]] [...]; esso può nominarli o destituirli quando gli piaccia. (III, 18)
*Costituisce una previdenza quanto mai necessaria quella di essere consapevoli che non si può prevedere tutto. ()
===Citazioni===
*Dimostrato che gli uomini e le donne non hanno, e non debbono avere, lo stesso carattere o lo stesso temperamento, ne consegue che non debbono ricevere la stessa educazione.<ref name=boy>Citato in [[William Boyd]], ''Storia dell'educazione occidentale'' (''The History of western education''), a cura di Trieste Valdi, traduzione di Luciana Picone e Trieste Valdi, Armando Armando Editore, Roma 1966.</ref>
*Odio le cattive massime più delle cattive azioni.<ref name=sordi>Citato in ''Dizionario delle citazioni'', a cura di Italo Sordi, BUR, 1992. ISBN 881714603X</ref>
:''Je hais les mauvaises maximes encore plus que les mauvaises actions''.
*Ogni età e condizione di vita ha una sua propria perfezione e maturità.<ref name=boy/>
26 785

contributi

Menu di navigazione