Differenze tra le versioni di "Lawrence Wright"

Jump to navigation Jump to search
*Penso che l’estremismo sia una creatura della disperazione. Nel medio oriente, nel sud dell’Asia, ci sono fiumi di disperazione che attraversano quei luoghi, non è soltanto una questione di non avere nulla o di non possedere una casa o non avere un’istruzione o un posto di lavoro, tutte queste cose contribuiscono a quel sentimento di disperazione che è così diffuso in quelle parti del mondo ed è dove l’islamismo cresce così forte.
*Non penso che ci sarà una guerra civile in America. Ci saranno violenze, ci saranno dimostrazioni che potrebbero diventare violente, ma credo che la polizia sia ancora molto sotto controllo. Oggi Trump è un alieno nel suo stesso governo. Le agenzie, i funzionari, l’intelligence, anche le forze armate sono tutti stufi di lui. Penso che se dovesse essere sconfitto alle prossime elezioni, polizia e soldati non si schiererebbero dalla sua parte per tenerlo alla Casa Bianca. C’è gente che parla di resistenza in caso di impeachment o di una sua sconfitta alle elezioni, non so quanto questo movimento sia diffuso ma non lo vedo come un rischio per la democrazia.
*Penso che molte volte i texani si sentano in dovere di agire da texani, dobbiamo indossare gli stivali da cowboy, magari vieni qui da Detroit ma rapidamente ti cominci a vestire alla texana. E’È un ruolo. Significa anche che la tua comunità è inclusiva. C’è un certo senso di famiglia che s’accompagna all’essere texani, c’è una certa cultura amichevole, di texanità comune.
*Se il [[Texas]] fosse importante già oggi come lo sarà nel 2050, allora l’America sarebbe un posto molto più conservatore e meno compassionevole di adesso. Penso che sotto l’Amministrazione Trump – l’atteggiamento verso l’immigrazione, la mancanza di compassione, il narcisismo – c’è molto di quello che è la politica texana adesso. Ma il Texas sta cambiando, si sta evolvendo. Si sta spostando visibilmente a sinistra.
*Se il Texas diventa democratico, i repubblicani non riusciranno più a eleggere un presidente.
21 718

contributi

Menu di navigazione