Differenze tra le versioni di "Eduardo De Filippo"

Jump to navigation Jump to search
Modifico incipit di "Natale in casa Cupiello" in base all'edizione Einaudi dell'opera
(Modifico incipit di "Natale in casa Cupiello" in base all'edizione Einaudi dell'opera)
==[[Incipit]] di alcune opere==
===''I morti non fanno paura''===
'''Giovannino''': Cose 'e pazze! Alfre', tu mi devi credere, io sono rimasto talmente scosso che per rimettermi mi ci vorranno un paio di mesi.<br>
'''Alfredo''': Tu... E io? Non più tardi di tre giorni fa siamo rimasti qui a giocare a scopa fino a mezzanotte.<br>
{{NDR|citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993}}
 
===''Natale in casa Cupiello''===
'''Concetta''' (''entra dalla destra con passo cauto; indossa una sottana di cotone bianco e ha sulle spalle uno scialletto di lana; ai piedi un paio di pantofole realizzate con un vecchio paio di scarpe del marito. Reca in una mano una fumante tazza di caffè, e nell'altra una brocca d'acqua. Mezzo assonnata si avvicina al comò, posa la tazza, poi va a mettere la brocca accanto al lavabo; va al balcone ed apre le imposte; torna al comò, prende la tazza e l'appoggia sul comodino. Con tono di voce monotono, abitudinario, cerca di svegliare il marito''): Lucarie', Lucarie'...scétate songh' 'e nnove! (''Dopo una piccola pausa, torna alla carica'') Lucarie', Lucarie'...scétate songh' 'e nnove. (''Luca grugnisce e si rigira su se stesso, riprendendo sonno. La moglie insiste'') Lucarie', Lucarie', scétate songh' 'e nnove.<br>
'''Concetta''' — Lucarie', Lucarie', scétate, songh' 'e nnove.<br>
'''Luca''': (''svegliandosi di soprassalto'') Ah...! songh(''Farfuglia'') Songh' 'e nnove...<br>
'''Concetta''': — PìgliatePigliate 'o cafèccafè.<br>
{{NDR|citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993}}
 
==Citazioni su Eduardo De Filippo==
==Bibliografia==
*Eduardo De Filippo, ''Cantata dei giorni dispari'', Einaudi, 1976.
*Eduardo De Filippo, ''Natale in casa Cupiello'', Einaudi, Torino, 1997 (4° edizione). ISBN 978-88-06-06544-7
*Eduardo De Filippo, '''O penziero. E altre poesie di Eduardo'', Einaudi, 1985.
 
1 605

contributi

Menu di navigazione