Differenze tra le versioni di "Ettore Mo"

Jump to navigation Jump to search
1 983 byte aggiunti ,  3 mesi fa
(→‎Citazioni di Ettore Mo: NDR allineato a tematica)
 
*Non c'è niente di più di una [[guerra]] per raccontare il dolore e la crudeltà del genere umano. Nella guerra succede davvero di tutto, tutta la natura umana si rivela. Buona o cattiva che sia.<ref name="reportage">Dall'intervista di Luigi Baldelli, ''Il Reportage'', n. 24, 1º dicembre 2015.</ref>
*Un [[giornalista]] deve essere prima di tutto un cronista, assolutamente un cronista.<ref name="reportage" />
 
{{Int|Da ''[https://www.corriere.it/cultura/11_settembre_09/il-leone-gentile-del-panshir-prima-vittima-del-terrore-ettore-mo_667b8b06-dac0-11e0-9c9b-7f60b377ee16.shtml Il Leone (Gentile) del Panshir prima vittima del Terrore]''|Su [[Aḥmad Shāh Masʿūd]], ''Corriere.it'', 11 settembre 2001.}}
*Una belva tutto sommato mansueta, il nostro eroe, che si aggirava nella valle natia, teatro di tutte le sue imprese, e poteva affermare poco prima di morire di «non aver mai giustiziato un prigioniero né aver mai dato ordine di farlo». Massud rimaneva perennemente inchiodato sui monti e nelle trincee del suo Panshir. Ed era proprio lassù che dovevi andare, se volevi incontrarlo.
*Ricordo un giovane piuttosto schivo e taciturno, un volto pallido affilato, gli occhi grandi e scuri quasi sempre offuscati da un velo di malinconia. Niente di altero o d'autoritario nella sua persona, sapeva imporsi grazie alla sua forza interiore, impartiva ordini quasi senza parlare, gli bastavano gli occhi e un gesto sbrigativo nella mano per dire ai suoi ragazzi cosa fare, dove andare.
*Diversamente da Osama bin Laden e da Gulbuddin Hekmatyar che continuano a sognare la restaurazione di una teocrazia islamica che giustifica, anzi incoraggia i kamikaze a immolarsi per la «causa di Allah», Ahmad Shah Massud non ha mai assecondato questo genere di esaltazioni mistiche. Pur facendo parte di un partito fondamentalista - lo Jamiat-i-Islami, che fa capo a Rabbani - è rimasto per indole nel solco della moderazione, dove la ragione ha il predominio. Non si faceva scrupolo nell'ammettere che nel suo eventuale governo si sarebbe fatto spazio alle donne e avversava apertamente i talebani che le volevano mummificare nel chador e nel burqa. Visitando il santuario di Sareeka, un anno dopo la sua morte, ho avuto l'impressione che benché s'inginocchiasse cinque volte al giorno come vuole la tradizione islamica, il suo sguardo si rivolgesse più alle cose terrene che a quelle celesti.
 
==Note==
22 082

contributi

Menu di navigazione