Duello: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
279 byte aggiunti ,  8 mesi fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Etichetta: Annullato
*Ecco, guarda: in due parole ti rivelo tutto il segreto del duello. Se tu, prima di recarti a duello scrivi tanto di testamento e di lettere commoventi ai genitori, e ti metti a pensare che potresti essere ucciso, allora sei un balordo e, con ogni probabilità, sei bell'e spacciato: se invece tu ci vai con la ferma intenzione d'ammazzare quel tale nel modo più spiccio e più sicuro possibile, allora tutto andrà per il verso giusto, come mi diceva un giorno, là da noi a Kostroma, un cacciatore d'orsi. Anche l'orso, mi diceva, com'è possibile non averne paura? Ma quando l'hai davanti agli occhi, addio paura, badi soltanto che non ti sfugga! Be', proprio così faccio anche io... ''A demain, mon cher!'' ([[Lev Tolstoj]], ''[[Guerra e pace]]'')
*''Ei con tua moglie giacque, | lo sorprendesti in letto, | da ciò una sfida nacque, | fosti ferito al petto. || Del düello la fama | volò pel mondo; ed ecco, | ei gentiluom si chiama, | tutti te chiaman becco.'' ([[Antonio Ghislanzoni]])
*''In fin che dura, o amico, | quel furor nel suo seno, esser può torto | il creder tuo; di te diffida, e dormi, | dormi pria di pugnar; dimane ancora | troppo tardi non fia mostrarti prode: diman, se onor il chiede, uccidi o mori.'' ([[John Armstrong (poeta)|John Armstrong]])
*L'uomo che deve avere un duello vive tranquillo ed ha l'animo spavaldo fino a che, pure contro la sua stessa volontà, un poco di speranza di evitarlo gli rimane. Ma quando la cosa è certa, le spavalderie cadono per incanto, e il cuore gli trema. ([[Giuseppe Lipparini]])
*Lo sfidar a duello chi offese è un natural impulso di un animo, che l'educazione seppe rendere moderato e padrone di frenar la brutalità de' primi moti. Un animo barbaro, che una nobil educazione non avvezzò a reprimere i primi impulsi, rispinge offesa con offesa, e tenta, condotto dalla sua passione e da natural disio di vendetta, di privar di vita chi il vilipese, senz'esporsi al rischio di divenir esso medesimo la vittima del suo proprio diritto. ([[Giacomo Casanova]])
1 700

contributi

Menu di navigazione