La messa è finita: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
*'''Giulio''' {{NDR|[[Confessioni dai film|confessandosi]]}}: E poi sono confuso, non riesco più a capire quello che succede. Forse sono stato troppi anni da solo. Da quando mi hanno affidato la nuova parrocchia, non riesco più a lavorare, non riesco più a concentrarmi. La gente ha tanti guai e vengono da me e mi parlano; e spesso, quando parlano, io mi distraggo e penso ai miei problemi, mia sorella. Mia sorella sta, o stava – non lo so – con uno un po' scemo. E ogni tanto non do l'assoluzione, perché non sono veramente pentiti. Anzi a volte vorrei picchiare qualcuno. Sì, è un pensiero che ho sempre più spesso.<br>'''Frate''': Addirittura picchiare? Ma davvero non c'è un altro modo?<br>'''Giulio''': Mi parlano solo di sesso, mi parlano solo di peccati sessuali, perché sanno che sono peccati veniali. E anzi mi sa che gli fa pure piacere ricordarsene. Ma dei peccati veri, di quelli contro gli altri, non ne parlano mai. Comunque, anche se davvero avessero bisogno di me, che gli posso dire? Io ci capisco meno di loro.<br>'''Frate''': Vorresti tornare dove stavi prima?<br>'''Giulio''': Stavo tanto bene al paese, sì. Sì, vorrei tornarci, però ora mi sembrerebbe di scappare.
*'''Donna''' {{NDR|confessandosi}}: Poi in quell'estate stavo particolarmente male.<br>'''Giulio''': Perché?<br>'''Donna''': Be', i soliti motivi per cui di solito si sta male.<br>'''Giulio''': Quali?<br>'''Donna''': Motivi sentimentali, no?<br>'''Giulio''': E già.<br>'''Donna''': Una storia d'amore che stava finendo Ho tentato il suicidio, in un gabinetto pubblico. Mi sono chiusa lì dentro perché volevo morire in un posto orrendo. {{NDR|Don Giulio vede entrare suo padre in chiesa e la propria attenzione si rivolge a lui}} E allora mi sono tagliate le vene, capisce? Padre, mi sente?<br>'''Giulio''': Sì, certo, certo, cara. Io penso però che dovresti parlarne ai tuoi genitori.<br>'''Donna''': Be', io l'ho fatto, ma... ma credo che voler comunicare coi genitori, voler bene ai genitori sia un po' passato di moda.<br>'''Giulio''': Sì, passato di moda, dici? No, io invece credo sia molto importante. Solo loro possono capirti, no? Un estraneo che ne può sapere?<br>'''Donna''': E sì, va be', ma allora...<br>'''Giulio''': E allora... io ti assolvo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. {{NDR|esce in fretta dal confessionale e va a parlare con suo padre}}
*'''Bambina''': È un tema.<br>'''Giulio''': Leggilo.<br>'''Bambina''': Il mio papà. Ogni giorno io vengo circondata da tanta gente, però chi mi va veramente a genio è il mio papà. Egli è un uomo basso e robusto. Per me è un padre modello, forse anche troppo. Certo se devo dire la verità, egli ha un debole per me, anche perché sono l'unica figlia.<br>'''Giulio''': Brava, è un bellissimo tema.<br>'''Bambina''': Grazie.<br>'''Giulio''': Vi amo, voi tutti che siete in questo bar.
*'''Teppista''': Ma non ti accorgi che fai schifo? Non ti fai senso quando sei lì alla stazione che cerchi qualcuno nei cessi? Non ti senti in colpa?<br>'''Gianni''': Sai, quando sei arrivato così in basso... o così in alto, dipende dai punti di vista...
 
==Citazione su ''La messa è finita''==

Menu di navigazione