Patricia Highsmith: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
1 285 byte aggiunti ,  14 anni fa
nessun oggetto della modifica
(Nuova pagina; testo: ''''Patricia Highsmith''' (1921 - 1995), scrittrice statunitense. ==Incipit di alcune opere== ===''Il talento di Mr. Ripley''=== Tom sbirciò alle sue spalle e scorse l'uo...')
 
Nessun oggetto della modifica
 
{{NDR|Patricia Highsmith, ''Il talento di Mr. Ripley'', traduzione di Maria Grazia Prestini, Bompiani, Milano 2001}}
 
===''L'alibi di cristallo''===
Erano le tre e trentacinque di un martedì pomeriggio al Penitenziario Statale, e i detenuti stavano tornando dal lavoro. Uomini in uniformi non stirate, color carne, col numero sulla schiena, defluivano per i lunghi corridoi del blocco A. Da loro si alzava un fitto borbottio, anche se in apparenza nessuno stava parlando col vicino. Era uno strano coro, non musicale, che il primo giorno aveva spaventato Carter. Era ancora un pivello e aveva addirittura pensato che bollisse in pentola una rivolta: ora invece l'accettava come una caratteristica del Penitenziario Statale, o forse, chissà, di tutte le prigioni. La porta delle celle era aperta, e a mano a mano gli uomini sparivano, inghiottiti dalle celle al pianterreno, e di sopra, in quelle che davano sulle ringhiere (il blocco aveva quattro piani). Ben presto i corridoi si svuotarono. Adesso c'erano venticinque minuti per lavarsi al lavandino della cella; cambiarsi la camicia, chi ci teneva e ne aveva una pulita; scrivere una lettera, o mettersi la cuffia e ascoltare il disc-jockey del programma musicale che andava in onda a quell'ora. Il campanello della cena suonava alle quattro.
 
{{NDR|Patricia Highsmith, ''L'alibi di cristallo'', traduzione di Carlo Brera, Bompiani, Milano 1993}}
 
==Citazioni su Patricia Highsmith==
46 816

contributi

Menu di navigazione