Modifiche

Jump to navigation Jump to search
Corretti un bel po' di errori
|
anno=
1957
1957 <!--anno di produzione -->
|
genere=
Drammatico
Drammatico <!--genere del film - scelto tra quelli indicati nella pagina [[Wikiquote:Template]]-->
|
regista=
[[Ingmar Bergman]] <!--nome del regista - doppie parentesi solo se di rilievo-->
|
sceneggiatore=
[[Ingmar Bergman]] <!--nome dello sceneggiatore - doppie parentesi quadre solo se di rilievo -->
|
attori=
attori=<!--nome degli attori principali - doppie parentesi quadre solo se di rilievo -->
*[[Gunnar Björnstrand]]: Jöns
*[[Bengt Ekerot]]: Morte
*[[Inga Landgré]]: Karin, moglie di Block
|
note=
note= <!-- eventuali note, come ad esempio altri personaggi di rilievo del cast -->
}}
'''''Il settimo sigillo''''', [[film]] del 1957 di [[Ingmar Bergman]].
== Frasi ==
 
* E quando l'agnello aprìaperse il settimo sigillo, si fecefe' nel cielo un profondo silenzio di circa mezz'ora. E vidi i sette angeli che stavano dinanzidinnanzi a Dio, e furonfurono loro date sette trombe…trombe. [...] E allora il primo angelo diededie' fiato alla tromba, e ne venne grandine e fuoco misto a sangue. eE così furono gettati sopra laalla terra, e la terza parte della terra fu arsa, e la terza parte degli alberi fu arsa, e fu arsa tutta l'erba verdeggiante. E quindi il secondo angelo diededie' fiato alla tromba e una specie di grande montagna di fuoco ardente fu gettata dalin fondo al mare, e la terza parte del mare diventò sangue…saggia [...] E anche il terzo angelo diededie' fiato alla sua tromba. E daldall'alto del cielo cadde una stella grande, ardente come la fiaccola…fiaccola. La stella si chiamava Assenzio…[...] Assenzio. <ref>Il brano qui citato è tratto pressoché integralmente dall' ''[[Apocalisse]]'' di [[Giovanni apostolo ed evangelista|San Giovanni evangelista]] (8, 1– 11).</ref>('''Karin''')
 
* Questa è la mia mano, posso muoverla, e in essa pulsa il mio sangue. Il sole compie ancora il suo alto arco nel cielo. E io…io... Io, Antonius Block, gioco a scacchi con la Morte. ('''Antonius Block''')
 
* Mikael diventerà un grande acrobata, ooppure un giocoliere chefamoso riusciràper aun faresuo il numero piùstraordinario incredibile esercizio Far[...] rimanereQuello un'asciadi immobilefar inrestare ferma nell'aria una clava. ('''Jof''')
 
* VoglioVorrei parlarticonfessarmi ilma piùnon sinceramentene possibilesono capace, maperché il mio cuore è vuoto. IlEd è vuoto ècome uno specchio che misono guarda.costretto Via vedofissare. riflessaMi laci miavedo immagineriflesso e provo soltanto disgusto e paura. Per laVi mialeggo indifferenza verso il prossimo, miverso sonotutti isolatoi dallamiei compagniairriconoscibili umanasimili. OraVi vivoscorgo in un mondoimmagini di fantasmi,incubo rinchiusonate neidai miei sogni e nelledalle mie fantasie. ('''Antonius Block''')
 
* ÈPerché cosìnon crudelmenteè impensabilepossibile percepirecogliere Dio con icoi propri sensi? PerchéPer devequale nascondersiragione insi unanasconde nebbiatra dimille e mezzemille [[promessa|promesse]] e dipreghiere sussurrate e incomprensibili miracoli? Perché io dovrei avere fede nella fede degli altri? Che cosa sarà di coloro i quali non sono capaci che nessunovogliono haavere vistofede? Perché non posso uccidere Dio in me stesso? Perché continua a vivere in me insia questopure in modo dolorosovergognoso e umiliante, anche se io lo maledico e voglio strapparlo dal mio cuore? E perché, nonostante tutto, egli continua ada essere unauno realtàstruggente illusoriarichiamo dadi cui non riesco a liberarmi? ('''Antonius Block''')
 
* Addio fanciulla, avrei potuto violentarti ma è un genere d'amore che non mi va,. troppoTroppo faticoso tutto sommato.
 
* Lo ricorderò, questo momento: il silenzio del crepuscolo, il profumo delle fragole, la ciotola del latte, i vostri visi coltivolti su cui discende la sera, MichaelMikael che dorme sul carro, Jof e la sua lira… cercherò di ricordarmi quello che abbiamo detto e porterò con me questo ricordo delicatamente, come se fosse una coppa di latte appena munto che non si puòvuol versare, E sarà per me un conforto, qualcosa in cui credere. ('''Antonius Block''')
 
*Se tutto è imperfetto in questo imperfetto mondo, l'amore invece è perfetto nella sua assoluta e squisita imperfezione. ('''Jöns''')
 
*Ti tocca il nero. Si addice alla morte, non credi?. ('''Antonius Block''')
 
== Dialoghi ==
 
* '''Antonius Block''': Ti tocca il nero.<br>'''Morte''': Si addice alla morteMorte, non credi?. ('''Antonius Block''')
* '''Cavaliere''': Chi sei?<br>'''Morte''': Sono la morte.<br />'''Cavaliere''': Sei venuto a prendermi? <br />'''Morte''': È già da molto che ti cammino a fianco. <br />'''Cavaliere''': Me n'ero accorto...
 
* '''CavaliereAntonius Block''': Chi sei tu?<br>'''Morte''': Sono la morte.<br />'''CavaliereAntonius''': Sei venutovenuta a prendermi? <br />'''Morte''': È già da molto che ti cammino a fianco. <br />'''CavaliereAntonius''': Me n'ero accorto...
* '''Cavaliere''': Io voglio sapere. Non credere. Non supporre. Voglio sapere. Voglio che Dio mi tenda la mano, che mi sveli il suo volto, mi parli. Lo chiamo nelle tenebre, ma a volte è come se non esistesse.<br />'''Morte''': Forse non esiste. <br />'''Cavaliere''': Allora la vita è un assurdo errore. Nessuno può vivere con la Morte davanti agli occhi sapendo che tutto è nulla.
 
* '''CavaliereAntonius Block''': Io vogliovorrei sapere., Nonsenza credere.fede, Nonsenza supporre.ipotesi, Vogliovoglio saperela certezza. Voglio che DioIddio mi tenda la mano, chee mi sveliscopra il suo volto, nascosto e voglio che mi parli [...] Lo chiamo nellee tenebrelo invoco, mae ase volteEgli ènon comerisponde seio penso che non esistesseesiste.<br />'''Morte''': Forse è così, forse non esiste. <br />'''CavaliereAntonius''': AlloraMa allora la vita non è che un assurdovuoto senza errorefine. Nessuno può vivere consapendo ladi Mortedover davantimorire agliun occhigiorno sapendocome checadendo tuttonel ènulla nullasenza speranza.
 
==Note==
19 978

contributi

Menu di navigazione