Philip Pullman: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
sezione senza fonte
m (sezione senza fonte)
'''Philip Pullman''' (1946 – vivente), scrittore britannico.
 
== Citazioni di Philip Pullman ==
*Ma tu pensa ad Adamo ed Eva come una specie di numero immaginario, come la radice quadrata di meno uno; non potrai mai vedere nessuna prova concreta della sua esistenza, ma se la includi nelle tue equazioni potrai calcolare tutta una serie di cose che in sua assenza non si potrebbero neppure concepire. (da ''La bussola d'oro'', pag. 330)
 
===Senza fonte===
{{senza fonte}}
 
* Avete mai provato a raccontare un vostro sogno a qualcun altro? È così noioso, perché sembra sempre che il sogno evapori proprio perché lo si racconta. Un romanzo, per me, è tentare di costruire quel tipo di recipiente che contiene l'essenza del mio sogno, e il desiderio di non farlo evaporare. Tenere nascosti i propri segreti, senza dirli a nessuno, almeno fino a quando non si è sicuri di aver costruito un vaso capace di contenere tutta l'intensità e la purezza di quel sogno: questo è scrivere un romanzo.
* Ogni religione monoteistica finisce col perseguitare gli altri, e ucciderli perché non li accetta. È accaduto in ogni periodo storico, e accade ancora oggi.
* La mia intenzione è raccontare una storia: in primo luogo perché la storia viene da me e vuol essere raccontata.
* La storia narrata dal cristianesimo dà a noi esseri umani un ruolo molto importante, di primo piano. Noi siamo quelli che Gesù è venuto a redimere dalle conseguenze del peccato, che i nostri genitori... be', il resto lo sa. È una storia piena di pathos, e noi siamo proprio al centro, e molto dipende dalle nostre decisioni. È una posizione emozionante in cui trovarsi, ma purtroppo non coincide molto con la versione, ben più convincente, che ci è offerta dall'evoluzione darwiniana; e il resoconto scientifico è intellettualmente molto più persuasivo. Estremamente persuasivo. (da un'intervista ad un giornale di ispirazione cattolica) {{c|Fonte necessaria}}
*Ma tu pensa ad Adamo ed Eva come una specie di numero immaginario, come la radice quadrata di meno uno; non potrai mai vedere nessuna prova concreta della sua esistenza, ma se la includi nelle tue equazioni potrai calcolare tutta una serie di cose che in sua assenza non si potrebbero neppure concepire. (da ''La bussola d'oro'', pag. 330)
 
==[[Incipit]] di alcune opere==

Menu di navigazione