Italo de Feo: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici"
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette)
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
==''Cavour''==
===[[Incipit]]===
La [[vita]] di un [[uomo]] come [[Camillo Benso, conte di Cavour|Camillo di Cavour]] può essere il risultato di una serie di coincidenze che, unite insieme, produssero un [[genio]] di cui è difficile trovare l’egualel'eguale.<br>Fra queste coincidenze contarono molto le doti naturali che lo resero adatto alle imprese più diverse. Ebbe molte esperienze: fu beniamino di graziose fanciulle e [[Donna|donne]], affarista e giocatore d’azzardod'azzardo, gentiluomo di campagna e maestro di agricoltura, esperto di [[economia]] e finanza, studioso di [[storia]] e di problemi sociali. Amò la tavola e la [[musica]], si distinse nelle discipline matematiche, fu buon oratore e infine [[giornalista]] e [[scrittore]] efficace...
 
===Citazioni===
*Se lo [[spirito]] piemontese si riassume per cert’aspetticert'aspetti nel ''bugia nen'', nel tenersi fermo al luogo natale evitando le avventure e persino le incertezze del [[giudizio]] – sicché, tutto sommato, il subalpino è [[popolo]] costituzionalmente tradizionalista – fra le componenti del carattere di Camillo di Cavour, v’èv'è, sì, una tale solidità e tenacia di propositi, ma non v’èv'è solo questo. Vi sono anche certi smarrimenti improvvisi, che riempiranno la sua [[vita]] privata e talvolta la stessa vita dell’dell'[[uomo]] di [[governo]]. (p. 12)
*La teoria del gradualismo nelle conquiste sociali e politiche venne da lui delineata con estrema chiarezza quando aveva appena diciannove anni. (p. 33)
*La [[Svizzera]] gli piace perché vi regna il culto « della ragione », il suo sistema di [[governo]] gli sembra una riprova che la democrazia non è altro se non l’intelligenzal'intelligenza applicata alle cose politiche. (p. 57)
*È duro sentirsi rinfacciare la magra pietanza che ci vien data e l’inutilitàl'inutilità della nostra [[vita]], quando tutte le [[Via|strade]] che l’intelligenzal'intelligenza potrebbe aprirmi sono ermeticamente chiuse! (dopo un diverbio col padre p. 65)
*È una [[disgrazia]] l’averel'avere spirito troppo positivo; i sogni del sentimentalismo, anche più puro, irritano l’uomol'uomo freddo e calcolatore, quando vogliono ad ogni costo imporsi alla [[società]]. (p. 138)
*La vita di un uomo come Camillo di Cavour può essere il risultato di una serie di coincidenze che, unite insieme, produssero un genio di cui è difficile trovare l’egualel'eguale.
 
==Bibliografia==
69 545

contributi

Menu di navigazione