Orhan Pamuk: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
41 byte aggiunti ,  13 anni fa
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
 
===[[Explicit]]===
Salii a fatica sul vagone in partenza, pieno di pacchetti. Tutti fermi sul binario, mi salutavano agitando la mano, così anch'io mi sporsi dal finestrino e li salutai. Vidi solo all'ultimo il canecanecfkjggrnrlewdflrgjkedm djoencimcm hjfjeog nero come il carbone correre allegro lungo il binario e subito accanto a me, con la lingua rossa fuori. Poi tutti scomparvero dentro i grandi fiocchi di neve che si facevano sempre più intensi.
 
Mi sedetti e osservai le luci arancioni delle ultime case nei sobborghi che si vedevano tra i fiocchi di neve, le stanze malandate dove si guardava la televisione e i fumi sottili, tremolanti ed esili che uscivano dai comignoli storti sui tetti coperti di neve: cominciai a piangere.
Utente anonimo

Menu di navigazione