Differenze tra le versioni di "Alessandro Pronzato"

Jump to navigation Jump to search
*I panorami più vari ed affascinanti, gli scorci più sorprendenti, si scoprono chiudendo gli occhi e spingendosi in [[profondità]].
*Io sono convinto che, nella nostra preghiera, anche se le parole sembrano smarrirsi chissà dove, nei gelidi spazi siderali, in realtà vengono purificate dal vuoto che attraversano, e almeno uno spezzone incandescente ricade a scaldare il nostro cuore aggredito dal freddo e dalla vecchiaia, almeno un frammento luminoso viene a illuminare le nostre notti.
*La Madonna non costituisce l’anticamera, né tanto meno ci trattiene nella sua sala d’attesa privata. Ci conduce immediatamente dinanzi al Signore, ci mette in contatto con Lui, a faccia a faccia con Dio.
*La parola “alleluia” è formata dall’imperativo “allelu – lodate – e ja”, che è abbreviazione di “Jahvè”. Per cui Alleluia vuol dire precisamente: “Lodate Dio”. Si tratta, infatti, di lodare il Dio misericordioso e compassionevole.
*La [[parola]] ha bisogno anche del vuoto silenzioso per acquistare vibratilità e provocare risonanze misteriose.
*Le Litanie devono richiamare l’immagine delle gocce che ritmicamente, a intervalli regolari, percuotono la pietra, fino a scavarla, non quella della cascata fragorosa e precipitosa.
*Le Litanie sono una specie di pendolo particolare che oscilla, non in senso orizzontale, ma tra l’alto e il basso.
*Le persone [[semplicità|semplici]] comprendono tutto anche se non riescono a spiegare nulla.
*Lui ti fa capire: “ Sono qui per te… Non ho altro da fare, o altro a cui pensare… Tu sei la faccenda più urgente di cui devo occuparmi… Tu sei la persona più importante che devo ricevere… Dunque, dimmi”.
*Mia nonna Giuseppina aveva familiarità con l'incomprensibile. Io rischio di aggirarmi unicamente nel territorio del risaputo, della superficialità.
*Non c’è cumulo di nefandezze umane che possa uguagliare la sterminata compassione divina.
*Perché le Litanie provochino vibrazioni interiori, lascino tracce luminose nell’animo, occorre portare il cuore a una temperatura molto elevata.
*Quando si vuole rendere tutto [[chiarire|chiaro]], evidente, facile, si finisce per banalizzare anche le cose più sublimi.
12 407

contributi

Menu di navigazione