Thomas Hardy: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
721 byte aggiunti ,  12 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
Nessun oggetto della modifica
"Giustizia" era fatta, e il Presidente degli Immortali, per dirla con una frase di Eschilo, aveva finito di divertirsi con Tess, mentre i cavalieri e le dame dei d'Urberville dormivano nelle loro tombe, inconsapevoli. I due muti osservatori si chinarono a terra come in preghiera; e rimasero così per molto tempo, assolutamente immobili: la bandiera continuava silenziosamente a sventolare. Appena ne ebbero la forza, si levarono, si presero di nuovo per mano e continuarono il cammino.
 
 
{{NDR|Thomas Hardy, ''Tess dei d'Urberville'', traduzione di Giuliana Aldi Pompili, Rizzoli-BUR, 1980/2001.}}
== ''Intrusi nella notte'' ==
 
===[[Incipit]]===
La strada che da Casterbridge conduce a nord è deserta e monotona, specie d'inverno. Lungo una parte del percorso si collega a Long-Ash Lane, una tediosa via priva per molte miglia di villaggi o borghi, e con pochissime svolte. Gli ignari viandanti che sono troppo vecchi, troppo giovani o per altri motivi troppo deboli per affrontare una distanza così lunga, ma che nondimeno sono costretti a percorrerla, esclamano, guardando ansiosamente avanti;«Una volta in cima a quella collina vedrò sicuramente la fine di Long-Ash Lane!». Ma una volta raggiunta la vetta, vedono la strada allungarsi davanti a loro con la stessa inesorabile piattezza di prima.
 
{{NDR|Thomas Hardy, ''Intrusi nella notte ed altri racconti'', a cura di Laura Serra, Oscar Classici Mondadori, 1997.}}
 
 
==Bibliografia==
*Thomas Hardy, ''Tess dei d'Uberville'', traduzione di Maria Grazia Griffini, Oscar Mondadori, 1996.
*Thomas Hardy, ''Tess dei d'Urberville'', traduzione di Giuliana Aldi Pompili, Rizzoli-BUR, 1980/2001. ISBN 9788817866590
 
 
== Altri progetti==
57

contributi

Menu di navigazione