Tolleranza: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
199 byte aggiunti ,  11 anni fa
+1
(tolgo senza fonte)
(+1)
*La tolleranza è innanzitutto carità. [...] La tolleranza è sempre la "ragione del più forte", è un segno della sovranità; è il buon viso della sovranità che, dalla sua altezza, fa capire all'altro: non sei insopportabile, ti lascio un posticino a casa mia, ma non dimenticarlo, sei a casa mia... ([[Jacques Derrida]])
*Le [[legge|leggi]] non vegliano sulla verità delle opinioni ma sulla [[sicurezza]] e l'integrità di ciascuno e dello Stato. ([[John Locke]])
*Si diventa tolleranti soltanto nella misura in cui si perde di vigore, si cade amabilmente nell'infanzia, e si è troppo stanchi per tormentare gli altri con l'amore o con l'odio. ([[Emil Cioran]])
*Tollera ciò che accade come se avessi voluto che accadesse. ([[Seneca]])
 
12 407

contributi

Menu di navigazione