Differenze tra le versioni di "Nicola Zingaretti"

Jump to navigation Jump to search
m (Automa: Porto a dimensione normale delle immagini per accessibilità e uniformità.)
 
*Il lavoro è un diritto da rivendicare.<ref name=Costituzio02/> (dal discorso all'''Università La Sapienza'', Roma, 16 febbario 2012, 10:56)
 
*La [[scuola]] è anche il luogo nel quale quando un ragazzo/una ragazza esce, esce da cittadino, cioè cosciente di quello che è, cosciente delle proprie possibilità, cosciente del fatto che ha dei diritti e che ha dei doveri, e in questo le nozioni sui libri a volte non bastano.<ref name="Costituzio03">Citato nella registrazione presente e trascritta su Commons: [[:File:Zingaretti, Palazzo Chigi.ogg|Zingaretti, Palazzo Chigi.ogg]]</ref> (dal discorso alla ''Provincia di Roma'', Roma, 28 maggio 2012)
 
*[[Oscar Luigi Scalfaro]] […] uomo molto anziano, lucidissimo nella mente, un po' affaticato nel fisico, che pure trova il tempo e la voglia di re-incontrare i giovani e di dirgli "Oh, state in campo e combattete".<ref name=Costituzio03/> (dal discorso alla ''Provincia di Roma'', Roma, 28 maggio 2012)
 
*[C]hi ha responsabilità pubbliche e politiche lo fa non per gli altri e per una missione, ma lo fa per far carriera, per fare i soldi, per occupare una poltrona […] e la morte […] della [[politica]] è quando la politica diventa questo.<ref name=Costituzio03/> (dal discorso alla ''Provincia di Roma'', Roma, 28 maggio 2012)
 
*{{NDR|La [[Costituzione]]}} permette oggi a tutti noi (e questa è la seconda cosa) di fare delle cose che ora ci sembrano normali: uscire, comprarsi un giornale, scegliere un giornale, andare a votare o non andare a votare, dire Zingaretti è un cornuto […], ma non per questo se lo dico qualcuno mi arresterà o mi picchierà, costruirmi una mia associazione, decidere di non costruirla, cioè tutte cose che, grazie a loro {{NDR|coloro che l'hanno scitta}}, per noi sono normali, sono conquiste […].<ref name=Costituzio03/> (dal discorso alla ''Provincia di Roma'', Roma, 28 maggio 2012)
 
*[L]a [[Costituzione]] repubblicana, io penso, sia una carta da amare perché ci dà due cose fondamentali: dei diritti e dei doveri; quindi i paletti.<ref name=Costituzio03/> (dal discorso alla ''Provincia di Roma'', Roma, 28 maggio 2012)
 
*[O]gni giorno va conquistata e va realizzata; non è data, non ci sarà mai un momento nel quale tutti i diritti e tutti i doveri saranno affermati […].<ref name=Costituzio03/> (dal discorso alla ''Provincia di Roma'', Roma, 28 maggio 2012)
 
*{{NDR|Grazie alla [[Costituzione]]}} si rifiuta la cultura del lavoro che è un favore da chiedere a qualcuno: al politico, al potente di turno. Non è un favore da chiedere, il lavoro, è un diritto sancito dalla Costituzione […].<ref name=Costituzio03/> (dal discorso alla ''Provincia di Roma'', Roma, 28 maggio 2012)
 
==Note==
19 767

contributi

Menu di navigazione