Differenze tra le versioni di "San Girolamo"

Jump to navigation Jump to search
seziono
(senza fonte in disc.)
(seziono)
[[Immagine:Domenico Ghirlandaio - St Jerome in his study.jpg|thumb|''San Girolamo nel suo studio'', di Domenico Ghirlandaio]]
'''San Girolamo''', al secolo '''Sofronio Eusebio Girolamo''' (347 – 420), padre e dottore della Chiesa latina.
 
==Citazioni di San Girolamo==
*A caval donato non si guarda in bocca.
:''Noli equi dentes inspicere donati''. (''Commentariorum In Epistolam Beati Pauli Ad Ephesios'')
 
*{{NDR|Riferendosi a [[Marco Porcio Catone|Catone]]}} Alla sua gloria nessuno portò giovamento con le sue lodi, né nocumento con le sue accuse.<ref>Si riferisce a Cicerone e Cesare che cantarono accuse e lodi di Catone.</ref><ref name="Mazzocato">Traduzione di Gian Domenico Mazzocato in Tito Livio, ''Storia di Roma dalla fondazione'', Newton & Compton, Roma, 1997, vol. 6. ISBN 978-88-8183-773-1</ref>
:''Cuius gloriae neque profuit quisquam laudando nec vituperando nocuit.'' (da ''Commentarium in Oseam'', Prefazione, III)
 
*Fai di necessità virtù.
:''Facis de necessitate virtutem''. (da ''Apologia adversus Libros Rufini'').
 
*Fino al diluvio non si conosceva il piacere dei pasti a base di carne ma dopo questo evento ci è stata riempita la bocca di fibre e di secrezioni maleodoranti della carne degli animali [...]. Gesù Cristo, che venne quando fu compiuto il tempo, ha collegato la fine con l'inizio. Pertanto ora [[Vegetarismo|non ci è più consentito di mangiare la carne degli animali]]. (da ''Adversus Jovinanum'', I, 30)
 
*I [[Privilegio|privilegi]] di pochi non costituiscono legge. (da ''Commenti biblici'')
:''Privilegia paucorum non faciunt legem''. (''Jonam'')
 
*Ogni giorno cambiamo, ogni giorno moriamo, eppure ci vagheggiamo eterni. (dalle ''Epistole'')
*Ogni giorno lacrime, ogni giorno gemiti, condannato in compagnia solo di scorpioni e di belve. (citato in ''Corriere della sera'', 25 ottobre 2008)
 
*Non plausi ma lacrime e sospiri. (citato in [[Guglielmo Audisio]], ''Lezioni di eloquenza sacra'', Giacinto Marietti, Torino 1870)
:''Non plausus sed lacrymas et suspiria''
 
==''Epistole==
*Ogni giorno cambiamo, ogni giorno moriamo, eppure ci vagheggiamo eterni. (dalle ''Epistole'')
 
*Quando lo stomaco è pieno, è facile parlare di digiuno. (dalle ''Epistole'')
:''Plenus venter facile disputat de ieiuniis''. (''Epistulae'', 58,2)
 
*A caval donato non si guarda in bocca.
:''Noli equi dentes inspicere donati''. (''Commentariorum In Epistolam Beati Pauli Ad Ephesios'')
*Vigilanzio apre di nuovo la sua fetida bocca e butta il suo schifosissimo fiato contro le reliquie dei santi martiri [...] Lo si consegni alla morte della carne, affinché sia salvo lo spirito. (da ''Lettere'', citato in Walter Peruzzi, ''Il cattolicesimo reale attraverso i testi della Bibbia, dei papi, dei dottori della Chiesa, dei concili'', Odradek, Roma, 2008; p. 209)
*Un'[[amicizia]] che può terminare non è mai stata sincera.<ref name="multidieci">{{Rif|10}}</ref> (da ''Epistole'', 3, 6)
:''Amicitia quae desinere potest, vera nunquam fuit''.
 
*Fai di necessità virtù.
*Vigilanzio apre di nuovo la sua fetida bocca e butta il suo schifosissimo fiato contro le reliquie dei santi martiri [...] Lo si consegni alla morte della carne, affinché sia salvo lo spirito. (da ''Lettere'', ; citato in Walter Peruzzi, ''Il cattolicesimo reale attraverso i testi della Bibbia, dei papi, dei dottori della Chiesa, dei concili'', Odradek, Roma, 2008; p. 209)
:''Facis de necessitate virtutem''. (da ''Apologia adversus Libros Rufini'').
 
==Note==
 
{{Template:Dottori della Chiesa}}
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Santi|Girolamo]]}}
[[Categoria:Santi]]
 
[[cs:Jeroným]]
19 767

contributi

Menu di navigazione