Spartacus (serie televisiva): differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
 
* Marceremo verso Sud a caccia di Spartacus e dei suoi ribelli: che la nostra ombra ricada su di essi, e che ogni uomo, donna o fanciullo che ne fossero anche solo sfiorati soccombano dinanzi alla potenza e alla grandezza di Roma! ('''Crasso''') {{NDR|Discorso d'incitamento all'esercito}}
 
 
===Episodio 3, ''Uomini d'onore''===
* Quando un uomo è troppo ingordo rischia di rimanere a bocca asciutta. ('''Gannicus''')
 
* '''EracleoEraclio''': Tu sei Spartacus? <br> '''Spartacus''': È così che mi chiamano. <br> '''EracleoEraclio''': Saresti quel pazzo che ha distrutto l'arena di Capua? Che ha sconfitto Glabro sul Vesuvio? Provocato indicibili sofferenze alla Repubblica Romana e al suo popolo? <br> '''Spartacus''': Cose che per me sono motivo di vanto. <br> '''EracleoEraclio''': Quand'è così, permettimi di chiamarti fratello! Che scorrano fiumi di vino: beviamo alla disfatta del nostro comune nemico!
 
* '''Agron''': Di che cosa ci stai minacciando? Di pisciarci addosso dal mare? <br> '''EracleoEraclio''': Rimarresti sorpreso dalla gittata del mio piscio, ragazzo!
 
* {{NDR|Parlando di EracleoEraclio}} Quest'uomo sfiderebbe Giove stesso a chi ce l'ha più lungo! ('''Gannicus''')
 
* '''Gannicus''': Sei sempre stato un cane sciolto. Anch'io ero come te. <br> '''Attius''': Tu ne sei la prova, allora. Un pezzo d'argilla può essere modellato e diventare un oggetto di valore. <br>
* '''Laeta''': Ho già creduto una volta alle tue promesse, e come risultato sono vedova. <br> '''Spartacus''': Non mi pento di quello che ho fatto. <br> '''Laeta''': Era un uomo retto e onesto, e tu l'hai ingiustamente strappato da questo mondo! <br> '''Spartacus''': Non gli attribuire qualità che non meritava. <br> '''Laeta''': Se non lo conoscevi nemmeno?! <br> '''Spartacus''': Temo neanche tu.
 
* '''EracleoEraclio''': Saresti capace di chiedere a Poseidone di mettersi in ginocchio e obbedire ai tuoi ordini. <br> '''Spartacus''': Sì, se fosse davanti a me; ma non è così.
 
* '''Gannicus''': Non è vino, è piscio fetente quello che ci offre EracleoEraclio! <br> '''Attius''': Lo chiamano assenzio. Una volta ne ho mandato giù sei coppe e mi hanno trovato che intrattenevo un'accesa discussione con un gatto immaginario! <br> '''Gannicus''': Allora prosciughiamone sette, e approfondiamo la discussione.
 
* '''Eracleo''': Ti sei dimostrato uomo di parola, cosa abbastanza rara di questi tempi. <br> '''Spartacus''': Ancora più rara se lo fossi anche tu.
 
* '''EracleoEraclio''': Ti sei dimostrato uomo di parola, cosa abbastanza rara di questi tempi. <br> '''Spartacus''': Ancora più rara se lo fossi anche tu.
 
===Episodio 4, ''Decimazione''===
 
* '''Nevia''': Gli dobbiamo molto {{NDR|A Spartacus}}, non lo dimentico, però è ora che le nostre strade prendano direzioni diverse! <br> '''Crisso''': Penso anch'io che ormai sia tempo di forgiare da soli il nostro destino!
 
===Episodio 5, ''Fratelli di Sangue''===
 
* '''Lugo''': Se tu capissi nostra lingua, sapresti che razza di imprecazione lei {{NDR|Saxa}} dice! <br> '''Gannicus''': No, preferisco la mia beata ignoranza!
 
* '''Crasso''': Spartacus non soccomberà grazie alla forza bruta, che sembra essere la sola arma di Pompeo! È uomo dalla mente acuta, e come tale va affrontato. <br> '''Metello''': Ne parli quasi come se lo ammirassi. <br> '''Crasso''': Il Trace è di umili origini, eppure oggi il Senato trema a sentire il suo nome: già questo merita tutta la mia ammirazione. <br> '''Metello''': La ragione per cui il Senato trema è la rabbia per le tue evidenti lacune. <br> '''Crasso''': Sto aspettando l'occasione propizia. Ma se inviare un drappello sui monti di Sinuessa placasse i tuoi timori... <br> '''Metello''': Quanti uomini? <br> '''Crasso''': Quanti ne hai al tuo seguito? <br> '''Metello''': Vorresti ordinare ai miei ciò che tu non sai fare? <br> '''Crasso''': Legando così il tuo nome a una gloriosa vittoria, ma se l'idea non ti solletica torna a Roma. E lascia la guerra a coloro che la sanno fare.
 
* '''Crisso''': Perchè Spartacus ha lasciato la città? [...] <br> '''Agron''': Te lo dirà lui stesso, al suo ritorno. <br> '''Crisso''': Lo consideravo un guerriero, non un codardo che trama alle spalle dei compagni! <br> '''Agron''': Così come tu hai tramato per massacrare i Romani? <br> '''Crisso''': Loro sono il nemico, non diverso da quello che in passato ci ha resi schiavi! E che si è preso la vita di tuo fratello, Agron. C'è stato un tempo in cui seguivi il cuore nelle questioni di sangue; che cosa è cambiato? <br> '''Agron''': Siamo uomini diversi, oggi. <br> '''Crisso''': Non tutti, Agron.
 
* '''Spartacus''': Quel grano alimenta le truppe. Farlo sparire equivarrebbe a indebolirle, forzando Crasso a prendere la rotta che vogliamo. <br> '''Gannicus''': Bravo, ottima idea! <br> '''Spartacus''': Che avresti avuto anche tu, se non fossi sempre ottenebrato dal vino. <br> '''Gannicus''': Ognuno fa quel che può per affrontare questa vita giorno dopo giorno... <br> '''Spartacus''': Vorrei vedere più passione, più fedeltà alla nostra causa. Se io dovessi cadere... <br> '''Gannicus''': Tu sai bene qual è il mio pensiero in merito; non sono un capo. <br> '''Spartacus''': Ti sei dimostrato più idoneo di Crisso, quando le strade erano lorde di sangue. <br> '''Gannicus''': Se Nevia non me lo avesse impedito, lo avrei sparso anch'io. <br> '''Spartacus''': No. Non lo credo.
 
* Devo svuotare testa e vescica: il vino mi sta annebbiando il cervello e la lingua! ('''Eraclio''')
 
* '''Crisso''': Prendete le armi! Prepararsi ad alzare la porta! <br> '''Agron''': Spartacus non ha ordinato di andare all'attacco di Crasso! <br> '''Crisso''': Però lui attacca i suoi depositi in Sicilia... <br> '''Nemetes''': Lui muove contro Crasso, e tutti noi qui a non fare niente! <br> '''Crisso''': Dimostreremo a Crasso che tutto l'oro del mondo non gli eviterà di impregnare la terra con il suo sangue! <br> '''Agron''': Tu non sei al comando di questa ribellione! <br> '''Crisso''': È tempo che io cominci a farlo. <br> '''Spartacus''': Crisso! Che succede? Chi volete attaccare? <br> '''Crisso''': I soldati romani sono sulle colline. <br> '''Agron''': Ha ordinato di alzare la porta. <br> '''Spartacus''': Anch'io pensavo di aprirla. <br> '''Crisso''': Alla fine si ricomincia a ragionare! <br> '''Spartacus''': Non hai capito. Io non intendo attaccare gli uomini di Crasso; ho deciso che i nostri ospiti romani saranno rimessi in libertà. <br> '''Crisso''': Tu hai perduto la ragione! <br> '''Spartacus''': Come tu hai perso la voce in qualunque decisione che conti! Se alzerete quella porta prima che io impartisca l'ordine, verrà richiusa per sempre alle vostre spalle.
 
* Tu oggi sei una temibile guerriera, Nevia; alza un dito su di me, qualunque sia la ragione, e ti tratterò come tale ('''Gannicus''')
 
* '''Spartacus''': Crisso! Sei arrivato, quando ne avevo più bisogno... <br> '''Crisso''': Tu l'hai fatto molte volte per me.
 
== Voci correlate ==
Utente anonimo

Menu di navigazione