Differenze tra le versioni di "Franco Califano"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
*La donna romana è un problema, ti scordi la libertà. La milanese è più facile... se bussi ti fa entrare, senza problemi. (dall'intervista a ''Niente di personale'', La7, 25 ottobre 2010)
*La romana è dura, è dura perché se la tira, senza motivo poi; la romana s'atteggia e nun se sà perché... mi ricordo sin da allora che la romana te chiede che macchina c'hai... vole sapè che macchina c'hai perché attraverso la macchina arriva alla tua posizione sociale.... c'hai li sordi? stai in bianco? (dall'intervista a ''Niente di personale'', La7, 25 ottobre 2010)
 
==Citazioni tratte da canzoni==
*''Core mio, core mio, la speranza nun costa niente | quanta gente c'ha tanti soldi e l'amore no | e stamo mejo noi che nun magniamo mai... | Core mio, core mio, la speranza nun costa niente | se potrebbe sta' pure mejo ma che voi fa' | per ora ce stai te, er resto ariverà...'' (da ''Semo gente de borgata'', dall'album '''N bastardo venuto dar sud'', 1972)
*''Mi manchi, ti telefono, ti scrivo, chiedo in giro di te, ma poi....Ogni giorno è diverso ma poi, batte sempre il ricordo di noi, vado fuori mi stanco e poi, tento nuovi progetti, faccio strane esperienze ma poi, basta un attimo vuoto e ci sei''. (da ''Ma poi'')
 
*''Non sei una santa, ne io Gesù, ci manca Giuda e poi la scena, ma c'è l'ultima cena, in miniatura noi due zitti, gli occhi persi dentro i piatti, già hai risolto il problema, mi hai dato tempo per cambiare, l'ho sciupato per giocare, pago io di persona, senza recriminare, finiamo di mangiare... io ti perdo, poi mi perdo''. (da ''ti perdo'' 1979)
 
*''Chi ha toccato la mia colomba con le mani sporche di fango, stia lontano dalla mia serra, c'è una rosa che sboccia a fatica ed ha bisogno di cure''. (da ''teneramente'' poesia)
Utente anonimo

Menu di navigazione