Mark Millar: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
nessun oggetto della modifica
(metto le citazioni in ordine alfabetico entro stasera)
 
mNessun oggetto della modifica
==Citazioni di Mark Millar==
 
*{{NDR|Alla domanda: "Esistono esperti di Wolverine?"}} Sicuro! È questo il bello di andare online. Anche il personaggio più oscuro è il preferito di qualcuno.<ref name=wolverine>Tratto da un'intervista, riportata su ''Wolverine'' n. 190, ed. Marvel Comics Italia, novembre 2005, trad. Gino Scatasta}}</ref>
<ref name=wolverine>Tratto da un'intervista, riportata su ''Wolverine'' n. 190, ed. Marvel Comics Italia, novembre 2005, trad. Gino Scatasta}}</ref>
*Il punto è che qualsiasi personaggio che esiste da trent'anni ed è apparso su otto serie al mese, per la legge dei grandi numeri avrà avuto la sua buona parte di brutte storie. Sono troppo educato per fare nomi di autori, ma esiste roba spaventosa. Con [[Wolverine]], mi sono assicurato di leggere solo le cose mgliori, in modo da farmi la migliore opinione possibile del personaggio: il risultato è uno standard qualitativo stupefacente. Se avessi letto tutta la merda avrei un'idea del tipo: "Be', anche se mi viene così così, sarà sempre meglio di altre cose".<ref name=wolverine/>
*{{NDR|Alla domanda: "Ha delle storie preferite [di Wolverine]?"}} [[Arma X]], per esempio... Non avevo mai compreso cosa fosse finchè non l'ho letta un paio di volte. Da un punto di vista puramente storico, l'avevo sempre considerata al di sotto delle cose di Miller, prima che mi rendessi conto che era stata realizzata prima che Miller sviluppasse quel suo stile. Ha esercitato un'influenza enorme su un sacco di gente. In Arma X c'è un approfondimento notevole per questo personaggio e nessuno lo aveva mai fatto prima, ed è proprio ciò che voglio fare. È un tizio con un olfatto diverso dal nostro e un udito che gli permette di sentire cose diverse dagli altri. Windsor-Smith ha capito perfettamente il lato animale di Wolverine, pur continuando a conservarne l'umanità negli occhi, nello sguardo. Anch'io voglio continuare a farlo il più elastico e sfaccettato possibile, perchè una delle cose che capitano con questi personaggi tosti e un po' carogne è che spesso finiscono con l'essere scritti troppo seriamente. Credo che anche il lato "samurai" di Wolverine sia estremamente interessante. È uno dei buoni che spera e che lotta sempre per il meglio e che per tutta la vita ha sempre ricevuto fregature. Ma la cosa che fa di lui un eroe è che non ha perso la speranza: ancora collabora con gli X-Men e li ha molto a cuore, perchè è convinto che nessuno dovrebbe avere paura per come è fatto.<ref name=wolverine/>
{{ip|w}}
 
{{DEFAULTSORT:Millar, Mark}}
{{stub}}
[[Categoria:Fumettisti britannici]]

Menu di navigazione