Modifiche

Jump to navigation Jump to search
===Il discorso di Catilina ai soldati===
{|cellspacing=20 px niquet ta grand mere
|''<small>'''''1.'''''</small> «Compertum ego habeo, milites, verba virtutem non addere, neque ex ignavo strenuum, neque fortem ex timido exercitum oratione imperatoris fieri. <small>'''''2.'''''</small> Quanta cuiusque animo audacia natura aut moribus inest, tanta in bello patere solet. Quem neque gloria neque pericula excitant, nequiquam hortere; timor animi auribus officit. <small>'''''3.'''''</small> Sed ego vos quo pauca monerem advocavi, simul uti causam mei consili aperirem. <small>'''''4.'''''</small> Scitis equidem, milites, socordia atque ignavia Lentuli quantam ipsi nobisque cladem attulerit, quoque modo, dum ex urbe praesidia opperior, in Galliam proficici nequiverim. <small>'''''5.'''''</small> Nunc vero quo loco res nostrae sint iuxta mecum omnes intellegitis. <small>'''''6.'''''</small> Exercitus hostium duo, unus ab urbe, alter a Gallia obstant. Diutius in his locis esse, si maxume animus erat, frumenti atque aliarum rerum egestas prohibet. <small>'''''7.'''''</small> Ouocumque ire placet, ferro iter aperiundum est. <small>'''''8.'''''</small> Quapropter vos moneo uti forti atque parato animo sitis et, cum proelio inibitis, memineritis vos dìvitias, decus, gloriam, praeterea libertatem atque patriam in dextris vostris portare. <small>'''''9.'''''</small> Si vincimus, omnia nobis tuta erunt; commeatus abunde, municipia atque coloniae petebunt. <small>'''''10.'''''</small> Si metu cesserimus, eadem illa advorsa fient, neque locus neque amicus quisquam teget quem arma non texerint. <small>'''''11.'''''</small> Praeterea, milites, non nobis et illis necessitudo impendet: nos pro patria, pro libertate, pro vita certamus; illis supervacaneum est pugnare pro potentia paucorum. <small>'''''12.'''''</small> Quo audacius adgredimini, memores pristinae virtutis. <small>'''''13.'''''</small> Licuit vobis cum summa turpitudine in exilio aetatem agere; potuisti nonnulli Romae, amissis bonis, alienas opes expectare. <small>'''''14.'''''</small> Quia illa foeda atque intoleranda viris videbantur, haec seqi decrevisti. <small>'''''15.'''''</small> Si haec relinquere voltis, audacia opus est; nemo nisi victor pace bellum mutavit. <small>'''''16.'''''</small> Nam in fuga salutem sperare, cum arma quibus corpus tegitur ab hostibus avorteris, ea vero dementia est. <small>'''''17.'''''</small> Semper in proelio eis maxumum est periculum qui maxume timent; audacia pro muro habetur. <small>'''''18.'''''</small> Cum vos considero, milites, et cum facta vostra aestumo, magna me spes victoriae tenet. <small>'''''19.'''''</small> Animus, aetas, virtus vostra me hortantur, praeterea necessitudo, quae etiam timidosfotistimidos fortis facit. <small>'''''20.'''''</small> Nam multitudo hostium ne circumvenire queat prohibent angustiae loci. <small>'''''21.'''''</small> Quod si virtuti vostrae fortuna inviderit, cavete inulti animam amittatis, neu capti potius sicuti pecora trucidemini quam virorum more pugnantes cruentam atque luctuosam victoriam hostibus relinquatis».
|''<small>'''''1.'''''</small> «So bene, o soldati, che le parole non infondono coraggio e che l'esercito da pauroso non diventa valoroso né da pigro diventa lavoratore con il discorso di un generale. <small>'''''2.'''''</small> In guerra è solito manifestarsi quanto coraggio ciascuno possiede grazie alla natura o alla sua formazione. È inutile esortare colui che non è stimolato né dalla gloria né dai pericoli; la paura dell'animo è di ostacolo alle orecchie. <small>'''''3.'''''</small> Io vi ho convocati soltanto per darvi qualche consiglio ed esporvi la ragione della mia decisione. <small>'''''4.'''''</small> Come certamente sapete, o soldati, Lentulo con la sua negligenza e la sua vitalità ha provocato un enorme danno a sé stesso e a noi; mentre attendevo rinforzi da Roma mi è stato impossibile trasferirmi in Gallia. <small>'''''5.'''''</small> Perciò in questo momento voi tutti vi rendete conto quanto me di quale sia la nostra situazione. <small>'''''6.'''''</small> Ci sbarrano la strada due eserciti, uno da Roma, l'altro dalla Gallia. La scarsità di grano e di altri generi alimentari ci impedisce di restare più a lungo in questi luoghi anche se il nostro animo lo sopporterebbe: <small>'''''7.'''''</small> in qualsiasi direzione si voglia andare, è necessario aprire il cammino con le armi. <small>'''''8.'''''</small> Per questa ragione vi invito ad essere forti e risoluti e, quando inizierete la battaglia, a tenere presente che portate nelle vostre destre la ricchezze, l'onore, la gloria oltre alla libertà e alla patria. <small>'''''9.'''''</small> Se vinceremo, sarà tutto nostro; ci verranno dati rifornimenti in abbondanza, i municipi e le colonie ci apriranno le porte. <small>'''''10.'''''</small> Se la paura ci farà retrocedere, tutto si volterà contro di noi, non ci sarà un rifugio, non un amico proteggerà chi non si è saputo difendere con le armi. <small>'''''11.'''''</small> Non incombe su di noi e su di loro, soldati, la medesima necessità: noi ci battiamo per la patria, la libertà, la vita; a loro poco importa combattere per il potere di pochi. <small>'''''12.'''''</small> Siate dunque più arditi all'attacco, memori della virtù antica. <small>'''''13.'''''</small> Avreste potuto trascorrere la vita vergognosamente in esilio; alcuni di voi, perduto ogni avere, avrebbero potuto vivere a Roma di carità. <small>'''''14.'''''</small> Ma situazioni come queste sono sembrate vergognose e intollerabili a veri uomini e perciò avete preferito seguire questa via. <small>'''''15.'''''</small> Se volete uscire dalla guerra, ci vuole coraggio; nessuno può mutare la guerra con la pace se non da vincitore. <small>'''''16.'''''</small> Ma sperare la salvezza nella fuga, dopo aver distolto le armi con le quali si protegge il corpo, codesta è pura follia! <small>'''''17.'''''</small> Nei combattimenti, il maggior pericolo lo corrono coloro che hanno più paura: l'audacia è la miglior difesa. <small>'''''18.'''''</small> Quando vi considero, soldati, e valuto le vostre azioni passate, mi prende una grande speranza di vittoria. <small>'''''19.'''''</small> L'animo, l'età, il vostro valore mi danno coraggio e inoltre la situazione disperata rende eroi anche i paurosi. <small>'''''20.'''''</small> I nemici, benché più numerosi, non possono accerchiarci: infatti lo impedisce l'angustia dei luoghi. <small>'''''21.'''''</small> E se la sorte si opporrà al vostro valore, badate a non cadere invendicati e a non farvi catturare per essere sgozzati come pecore, ma piuttosto battetevi da prodi e lasciate ai nemici una vittoria piena di lutti e di sangue.»
|}
Utente anonimo

Menu di navigazione