Pietro Leemann: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
*Con i miei piatti voglio celebrare la vita, la gioia. La morte, in cucina, si associa al mondo animale. Che cos'erano, d'altra parte, un piccione o un'anitra, serviti interi, come accadeva con la cucina tradizionale, se non una rappresentazione, anche nella forma, della morte? Per quanto mi riguarda, credo che la [[morte]] sia realtà da accettare, anzi, presenza con cui avere rapporto dialettico, visto che si tratta del mistero più alto dell'esistenza di ciascuno di noi. Ma con la cucina credo sia doveroso promuovere un approccio pacifico alla natura. (p. 33)
*Se si getta un pugno di [[riso]] su un piatto si otterrà una composizione armonica e perfetta. Volendo metter chicco per chicco il risultato sarà deludente. Il [[caso]] è non casualmente perfetto. (p. 170)
 
==[[Incipit]] di ''Diario di un cuoco''==
Cucinare è parte integrante della mia vita. Quando vado a casa di amici, li saluto e come prima cosa vado a curiosare in [[frigorifero]]: questo mi fa scoprire aspetti nascosti della loro personalità, ma soprattutto mi predispone a quanto mangerò o cucinerò. Loro ormai non si arrabbiano più e mi lasciano fare.
 
==Bibliografia==
*Pietro Leeman, ''[http://books.google.it/books?id=y-q-lL22UywC&pg=PT0 Diario di un cuoco: Che cosa mangia un grande chef a casa sua]'', <!--con la collaborazione di Simone Salvini,--> Ponte alle Grazie, Milano, 2007. ISBN 978-88-6220-931-1
*Pietro Leeman, ''Joia.: I nuovi confini della cucina vegetariana'', Giunti, Firenze, 2008. ISBN 978-88-09-06034-0
 
[[Categoria:Cuochi italiani|Leemann, Pietro]]

Menu di navigazione