Federico II di Svevia: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Annullata la modifica 679743 di 87.13.204.243 (discussione) fonte non attendibile
Nessun oggetto della modifica
(Annullata la modifica 679743 di 87.13.204.243 (discussione) fonte non attendibile)
*Il giorno che vorrò castigare una provincia la farò governare da un filosofo. (citato in [[Umberto Eco]], ''Sulla letteratura'', Bompiani)
*[[Melfi]] nobile città dell'Apulia, circonvallata da mura di pietra, celebre per salubrità dell'aria, per affluenza di popolazioni, per fertilità dei suoi campi, ha un castello costruito su di una rupe ripidissima, opera mirabile dei Normanni.<ref> Gennaro Araneo, ''Notizie storiche della città di Melfi nell'antico reame di Napoli'', Sodi, 1866, p.23.</ref>
*Non invidio a Dio il Paradiso perché sono ben soddisfatto di vivere in Sicilia.<ref>Citato in ''[http://www.in-sicilia.org/i-grandi-sulla-sicilia.html/]''</ref>
===Attribuite===
*Il mondo è vittima di tre impostori: [[Mosè]], [[Cristo]] e [[Maometto]], due dei quali morti in maniera onorevole, a differenza di Cristo morto in croce<ref>La paternità della frase appartiene agli ambienti della [[Sorbona]] intorno al 1200. Fu attribuita a Federico II dalla propaganda papale anti-imperiale (cfr. Hubert Houben, ''Federico II. Imperatore, uomo, mito'', il Mulino, 2009 ISBN 978-88-15-13338-0 (p. 121)</ref><ref name="Houben57">Hubert Houben, ''Federico II. Imperatore, uomo, mito'', Il Mulino, 2009 ISBN 978-88-15-13338-0 (p. 57)</ref>.

Menu di navigazione