Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

Jump to navigation Jump to search
sistemo
(sistemo)
(sistemo)
:''Or sì, che v’empio forziere e cassa, | finocchio Aurelio, Furio bardassa, | che troppo morbido mi giudicaste | dalle mie pagine non troppo caste. | dee pura e candida l'anima aversi: | posson non essere pudichi i versi.'' ([[s:Le poesie di Catullo/16|XVI]], vv. 1-6)<br />''Io a voi lo metto in culo e in bocca | Aurelio frocio e Furio pederasta | voi che avete dedotto dai miei versi | niente austeri che sono niente casto. | Il sacro vate deve essere onesto, | senza obbligo che i versi anche lo siano.'' (2007)<br />''Conviene al [[poeta]] ch'egli stesso sia casto e pio, ma non occorre che tali siano i suoi versi.'' (XVI, 5-6<ref>Citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Chi l'ha detto?|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. [[s:Pagina:Chi l'ha detto.djvu/631#c1805|599]].</ref>)
 
*''O Sirmione, — o vago occhio di tuttequante le| penisoleisole e isoleterre.'' ([[s:Le poesie di Catullo/31|XXXI]], vv. 1-2)
:''PeninsularumPaene insularum, Sirmio, insularumque Ocelle'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/31|XXXI]], vv. 1-2)
 
*''Lui sorride. Per qualunque occasione, in ogni posto, | qualunque cosa faccia, lui sorride. Ha questa malattia, | poco elegante, mi pare, e neppure educata.''{{da controllare|traduttore?}} (XXXIX ''ad Egnatium'', vv. 6-8)
*''Ei ghigna. Ad ogni evento, | checchè egli faccia, — ovunque vada, ei ghigna. | È questo il suo — debole, e affè, non troppo | bello ed urbano.'' ([[s:Le poesie di Catullo/39|XXXIX]], vv. 5-8)
:[...] ''renidet ille. quidquidQuidquid est, ubicumque est, | quodcumque agit, renidet: hunc habet morbum, | neque elegantem, ut arbitror, neque urbanum.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/39|XXXIX]], vv. 6-8)
 
*''Nulla è più sciocco di un [[ridere]] da sciocchi.''{{da controllare|traduttore?}} (XXXIX, ''ad Egnatium'', v. 16)
:[...] ''risu inepto res ineptior nulla est.''

Menu di navigazione