Differenze tra le versioni di "Fabio Massimo Castaldo"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
*[...] noi dobbiamo accettare che si ridiscutano nuovi confini stabili nel Medio Oriente, permettendo ai suoi popoli di autodeterminarsi liberamente, altrimenti si continuerà a ripetere all'infinito lo stesso tragico errore di chi prima armò i mujaheddin afghani contro l'Unione sovietica e dovette poi fronteggiare la nascita di Al-Qaeda. Di chi giustificava guerre millantando l'esistenza di armi di distruzione di massa e creò invece indirettamente eserciti di distruzione di diritti umani.<ref name= "Seduta 17 settembre 2014 - Strasburgo">Citato in ''Parlamento Europeo – Legislatura VIII – Aula – Verbale [http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20140917+ITEM-016+DOC+XML+V0//IT&language=it&query=INTERV&detail=3-399-000]''. Strasburgo, 17 settembre 2014.</ref>
* [...] la mia generazione in Italia e in molti altri paesi è spezzata a metà, tra sommersi e salvati, nel diluvio di una disoccupazione universale. Visto che le piace la letteratura, le dirò che la gioventù del Sud Europa sta Come d'autunno sugli alberi le foglie , Presidente! Non l'avete privata di un sogno nel cassetto, le avete rubato l'intera scrivania!<ref name= "Seduta 13 gennaio 2015 - Strasburgo">Citato in ''Parlamento Europeo – Legislatura VIII – Aula – Verbale [http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20150113+ITEM-005+DOC+XML+V0//IT&language=it&query=INTERV&detail=2-056-000]''. Strasburgo, 13 gennaio 2015.</ref>
* [...] per tutti gli ultimi d'Europa, noi siamo qui, per abbattere insieme agli altri popoli del Mediterraneo quel nuovo orrido muro che sta esiliando a Nord la civiltà dello Stato sociale, condannando il Sud alla barbarie di un iperliberismo antisociale. Perché chi ha perduto un lavoro, chi chiude l'attività di generazioni, chi ha ottant'anni ed è ridotto a rubare nei supermercati, oggi non ha bisogno della nostra opinione, ha bisogno del nostro esempio, coerente e coraggioso. Questa è l'Europa, questa è l'Italia!<ref name= "Seduta 13 gennaio 2015 - Strasburgo">Citato in ''Parlamento Europeo – Legislatura VIII – Aula – Verbale [http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20150113+ITEM-005+DOC+XML+V0//IT&language=it&query=INTERV&detail=2-056-000]''. Strasburgo, 13 gennaio 2015.</ref>
* Je suis Charlie, je suis Ahmed, je suis Nigérien et beaucoup d'autres. Je ne suis pas hypocrite!<ref name= "Seduta 14 gennaio 2015 - Strasburgo">Citato in ''Parlamento Europeo – Legislatura VIII – Aula – Verbale [http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20150114+ITEM-006+DOC+XML+V0//IT&language=it&query=INTERV&detail=3-236-000]''. Strasburgo, 14 gennaio 2015.</ref>
* La Russia gioca a congelare il conflitto perché quel che potrebbe facilmente prendere con la forza, le costerebbe troppo in termini di isolamento geopolitico e punta quindi a usurare l'avversario. L'asse USA-UE è preda della febbrile corsa al Far East , costi quel che costi! Per gli ucraini, che rischiano il suicidio economico, e per noi, che non abbiamo mai sviluppato una vera politica energetica alternativa. Il bilancio mi sembra molto chiaro: perdiamo quasi tutti, di sicuro perdiamo noi europei, i russi e gli ucraini; guadagnano solo i cinesi, sempre più allettati dal vantaggio di un'alleanza strategica con la Russia, innaturalmente indotta da noi, e gli Stati Uniti che ci portano verso lo shale gas e l'aumento delle spese militari. Non mi sembra sia questo il nostro interesse ma forse qui qualcuno, colleghi, pensa di essere non al Parlamento europeo ma nella terza Camera di Washington!<ref name= "Seduta 14 gennaio 2015 - Strasburgo">Citato in ''Parlamento Europeo – Legislatura VIII – Aula – Verbale [http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20150114+ITEM-007+DOC+XML+V0//IT&language=it&query=INTERV&detail=3-275-000]''. Strasburgo, 14 gennaio 2015.</ref>
* [...] Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non sono solo due soldati dell'Italia, sono due cittadini europei e l'articolo 47 della Carta di Nizza non può rimanere lettera morta. Questa risoluzione era un atto dovuto. La solidarietà ai nostri due marò e alle sofferenze delle loro famiglie è un dovere morale. Far prevalere i diritti dei cittadini europei sugli interessi commerciali è un imperativo categorico. È per tutti gli Stati membri così per l'Europa, i diritti umani non si scambiano per due rupie!<ref name= "Seduta 14 gennaio 2015 - Strasburgo">Citato in ''Parlamento Europeo – Legislatura VIII – Aula – Verbale [http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20150114+ITEM-011+DOC+XML+V0//IT&language=it&query=INTERV&detail=3-441-000]''. Strasburgo, 14 gennaio 2015.</ref>
== Note ==
<references/>

Menu di navigazione