Differenze tra le versioni di "Plinio il Vecchio"

Jump to navigation Jump to search
*Il [[ittero|morbo regio]] è cosa mirabile, specialmente quando vien negli occhi; che certo è gran maraviglia come fra tanta sottigliezza e densità di pannicoli si soppiati il fiele. [[Ippocrate]] insegnò che la febbre dopo il settimo giorno è segno mortale. Ma noi abbiamo veduti di quei che avean questo segno, e non son morti. Viene ancora senza febbre, e lo guarisce, come dicemmo, la centaurea maggiore in bevanda, la bettonica, non che tre oboli d'agarico in un bicchiere di vin vecchio, ovvero la foglia di verbenaca in un'emina di vin caldo per quattro giorni. (XXVI, 76; 1844, p. 570)
*Molte sorti di malattie guariscono nel primo coito, e nel primo mestruo delle donne. O se pur ciò non avviene, quei mali diventano lunghissimi, e massimamente il [[epilessia|mal caduco]]. (XXVIII; 1844, p. 676)
*Truovasi d'alcuni, che beendo latte d'asina si sono liberati dalle [[gotta|gotte]] de' piedi e delle mani. (XXVIII; 1844, p. 712)
 
==Citazioni su Gaio Plinio Secondo==

Menu di navigazione