Isabella Ragonese: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
m (non servono le note se c'è l'intestazione)
Nessun oggetto della modifica
{{Intestazione|Mario di Caro,''[http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2010/03/28/isabella-ragonese-palermo-bella-trasandata-che-nostalgia.html Isabella Ragonese Palermo bella e trasandata che nostalgia del rinascimento]'', ''la Repubblica.it'', 28 marzo 2010}}
 
*Io dico sempre che [[Palermo]] è come una donna bella che non sa abbigliarsi, non è mai in ghingheri, prova ne è che non sa mostrare il suo mare, ma alla fine è sempre una sorpresa. È una città che fa venire voglia di scoprirla. È come i grandi amori: ti manca quando sei lontana e ti soffoca quando ci vivi. E allora quando sono lontana mi manca l'emozione dello Spasimo, i mercati, l'Orto botanico, dove ogni tanto andavo a studiare, via Archirafi, e poi i luoghi della mia infanzia: via Pipitone Federico, dove abitava mia nonna, e quindi la chiesa San Michele e il bar omonimo, dove andavamo a comprare i pasticcini.
*Io sono cresciuta in un periodo in cui Palermo era una vetrina mondiale: c'era il Festival sul Novecento, c'erano i Cantieri della Zisa, apriva lo Spasimo, un posto incantevole dove porto sempre i miei ospiti, riapriva il Teatro Massimo. Sono cresciuta respirando questo clima di cultura, senza il quale non avrei scelto di fare l'attrice.
*Io rimango molto legata a Palermo: ci ho sempre vissuto, fino a due anni fa, vale a dire subito dopo avere fatto il film di Paolo Virzì che mi ha lanciata, "Tutta la vita davanti". Sembra retorica ma qui si avverte la creatività, l'energia. È una città che mostra sempre una calma apparente ma sotto c'è un grande fermento.
Utente anonimo

Menu di navigazione